LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - Millenaria e fragile l'abbazia chiede aiuto
Carlotta Rocci
26 gennaio 2018 LA REPUBBLICA


Bellissima, misteriosa e fragile, sembra sfidare le leggi della fisica.

Basta guardare la cima del monte Pirchiriano per capire che la Sacra di San Michele, simbolo del Piemonte, è esposta a qualsiasi evento, naturale o umano. Un incendio come quello che mercoledì ha danneggiato il tetto del convento potrebbe distruggerla, ma potrebbe farlo, per ipotesi, anche un terremoto o semplicemente il tempo. In cima alla scalinata che porta all'ingresso c'è una statua di San Michele ma da sola non basta a proteggere questa costruzione millenaria che avrebbe bisogno di continui interventi. Serve una grande attenzione per la manutenzione della Sacra, un'edificio ardito dal punto di vista ingegneristico spiega la sovrintendente delle Belle arti di Torino, Luisa Papotti Anche in passato c'erano stati profondi interventi di consolidamento, uno in particolare alla fine del diciannovesimo secolo. Era stato necessario fortificare, con una coppia di contrafforti, le mura del monumento che la leggenda vuole edificato in quel luogo per volere degli angeli che ogni notte spostavano sul Pirchiriano le pietre depositate dagli operai sul monte Carpasio, luogo in cui la costruzione era stata inizialmente prevista. Ora la soprintendenza pensa a una prevenzione a 360 gradi: Abbiamo chiesto al ministero i fondi per avviare una valutazione del rischio sismico, spiega Papotti. I padri rosminiani che hanno ereditato la gestione della Sacra nel 1836 per volere del re Carlo Alberto di Savoia conoscono bene la situazione.

La storia stessa dell'abbazia racconta interventi che si sono susseguiti nel tempo dal lontano 980, quando iniziarono i lavori dell'edificio come lo vediamo ancora oggi, all'ampliamento settentrionale del 1100, fase a cui risale anche la torre della bell'Alda. Gli elementi gotici sono del 1255, mentre uno dei restauri più imponenti risale esattamente a vent'anni fa.

A luglio di due anni fa erano partiti gli ultimi lavori di restauro che i padri si erano autofinanziati: interventi sul portale dei monaci e gli archi rampanti, e la realizzazione di una gabbia di Faraday. Ma i danni più ingenti sono sempre stati causati dall'acqua: anche quest'ultimo cantiere, nel quale si è sviluppato il rogo, serviva a fermare le infiltrazioni. Pioveva nelle stanze del convento. Chiedevano un intervento da tempo e i lavori erano partiti un mese fa, ha spiegato don Giuseppe Bagattini, rettore della Sacra e custode dell'edificio che a marzo di un anno fa è stato candidato a diventare patrimonio Unesco. Io per la Sacra sarei disposto a morire, ha detto il religioso di 82 anni che da 15 vive nell'edificio che ispirato Umberto Eco e il suo "Il nome della Rosa". Nel 2016 gli architetti erano dovuti intervenire sulla facciata nord-ovest, sia all'interno che all'esterno.

Sono trent' anni che faccio il falegname e lavoro alla Sacra: è frequente vedere cantieri in corso perché c'è sempre bisogno di qualche piccolo intervento di manutenzione, dice Renato Cantore, artigiano di Avigliana con la barba e i capelli ormai bianchi che ha visto decine di strumenti consumarsi sulle superfici ruvide dell'abbazia per cancellare i segni del tempo e conservare l'edificio.

Il tetto distrutto l'altra notte dalle fiamme era stato rifatto negli anni 80, un tempo normale per un qualsiasi palazzaccio di città, un'eternità per questo monumento. È un danno che non fa certo piacere, ma è estremamente contenuto e non crea particolari problemi spiega Papotti che ieri ha partecipato al sopralluogo alla Sacra di San Michele assieme al presidente della Regione Sergio Chiamparino e all'assessore Antonella Parigi.

Non era facile spegnere l'incendio a questa altezza aggiunge - e impedire che si avvicinasse alla chiesa. Per una prima fase servirà una copertura, per evitare che la pioggia e la neve aggravino la situazione, e nel frattempo pensare a nuovo tetto.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news