LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I grandi Uffizi fanno un passo
M. B.
Corriere Fiorentino 6/2/2018

Ora cè la sala Isozaki, ma la Loggia? Schmidt: buco nero. Nardella: urge soluzione

Nuove sale e un auditorium dedicato a Vasari. Così i Nuovi Uffizi prendono forma coi lavori ormai oltre il 50% ma con ancora un grande punto interrogativo: la Loggia di Isozaki.

In attesa degli Uffizi del futuro, che stanno faticosamente prendendo corpo sala dopo sala e scelta dopo scelta, il direttore delle Galleria Eike Schmidt vuole accelerare sulleterno cantiere di piazza del Grano, sulla loggia di Isozaki. Basta con quel buco nero a fianco del museo più famoso dItalia, ha tuonato, richiamando la politica alle proprie responsabilità.

Schmidt ha parlato in occasione dellinaugurazione dellauditorium intitolato al Vasari e delle adiacenti sale didattiche-museali, compresa la sala Arata Isozaki dove sono esposti i disegni ed il modellino con il quale larchitetto giapponese ha vinto nellormai lontano 1999 il concorso internazionale bandito dal ministero dei beni culturali, ma che non ha mai visto la posa della prima pietra e sulla cui realizzazione rimane lincertezza. Alla politica esprimo una sollecitazione molto chiara: qui abbiamo un cantiere dove succede poco per quel che riguarda una risoluzione di questo spazio urbanistico, così centrale per Firenze, e finora è un buco nero con una grande gru sopra. Un buco nero ed una gru su cui si affaccia anche Palazzo Vecchio, che il sindaco vede ogni giorno. È un problema che va assolutamente risolto. Va scelto se si preferisce uno spazio funzionale ad un grande buco nero nel centro di Firenze, con una gru sopra. Da qui anche al scelta di avere sala Arata Isozaki nel piccolo percorso collegato al nuovo auditorium. Il fatto di aver intitolato una sala ad Isozaki prima di realizzare la loggia è un anomalia. Lanomalia, però, non è la sala ma la mancanza della loggia ha sottolineato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Isozaki ha vinto questo grande concorso internazionale nel 1999, ormai 19 anni fa. Nel frattempo ha vinto anche il ricorso. LItalia è uno stato di diritto e ora non cè nessuna ragione amministrativa, legale, per non realizzare la loggia. Il problema non è se realizzarlo, ma quando. La politica decida. Anche perché il problema continua ad esistere: cè un cantiere in cui succede poco in uno spazio urbanistico così centrale per Firenze e va assolutamente risolta la situazione. Il sindaco Dario Nardella ha partecipato allinaugurazione dei nuovi spazi a pian terreno nellala di ponente e sullinvito di Schmidt ha detto: Sono fiducioso sul fatto che il ministro Franceschini trovi una soluzione, perché, in effetti, una soluzione è necessaria qualunque strada si prenda. Io non sono per principio contrario allarte e allarchitettura contemporanea, anzi ha aggiunto Nardella È un progetto promosso dallo Stato, da anni se ne stanno occupando tutti i ministeri, quindi noi come Comune non possiamo che svolgere un ruolo eventualmente di supporto. Ma non possiamo essere noi a fare il primo passo.

Loccasione è stata linaugurazione di un auditorium da 120 posti, intitolato a Giorgio Vasari, e tre nuove sale collegate per un mini percorso nella storia della Galleria realizzata dal grande architetto aretino, nellambito di lavori per 4,5 milioni di euro che fanno parte dei Nuovi Uffizi. Schmidt è tornato anche sulla recente decisione del Consiglio di Stato che ha bocciato i direttori dei musei stranieri, arrivato contro alcuni dei concorsi voluti dal ministro dei beni culturali ma non per il concorso che lo riguarda direttamente Dario Franceschini. Ed ha parlato anche del suo addio a Firenze già annunciato da tempo, per trasferirsi nel 2020 a Vienna e dirigere il Kunsthistorisches Museum. Restare agli Uffizi? Non è nemmeno sicuro se potrei restare. I massimi giudici amministrativi stanno dibattendo anche su questo. Non so se mi faranno restare... ha risposto sorridendo su un eventuale incarico bis Lavorare a Firenze mi piace ogni minuto. Mi piace tutto quello che si può fare nonostante le mille difficoltà e intoppi. Resta però il problema Italia: Qui cè un grande caos normativo prosegue In Austria hanno una struttura amministrativa semplicissima: lì le cose vengono decise anni prima poi nessuno le rimette in discussione. Invece, se qui in Italia venissero oggi Cesare o Seneca chissà come si sentirebbero a vedere cosa è diventata la lineare chiarezza del loro diritto romano....



news

18-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

Archivio news