LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Storia di due gru, ormai entrate nelle cartoline...
Alessio Gaggioli
Corriere Fiorentino 6/2/2018

Cesare Rossi, professore di filosofia al liceo, ripeteva spesso che la vita non annoia se ci si continua a meravigliare. Se ogni giorno si scopre qualcosa di nuovo, di mai visto. Un merlo sbucciato su una torre, un terrazzo mai notato e rigoglioso di fiori. Una luce particolare che illumina la punta estrema di San Petronio, la cattedrale di Bologna. Cesare Rossi, pace allanima sua, era kantiano (rigoroso, preciso, abitudinario) e bolognese.
Lo immagino mentre passeggia sulla strada, sfiorato dalle auto e dagli autobus, fuori dai portici che proteggono ma coprono tutto, sempre col naso allinsù per scoprire qualcosa di nuovo della sua città. Diceva sempre: Camminate a testa alta, guardate in alto, conoscerete unaltra città. Stupore ad ogni passo.

Caro professore, non avevi del tutto ragione. A Firenze, dove non ci sono i portici e in una manciata di passi sei al Piazzale, cè qualcosa che nello skyline non cambia da un secolo. Nella vecchia cartolina che comprende la cupola del Brunelleschi, il campanile di Giotto, la Torre di Arnolfo, il Bargello, la Sinagoga ci sono ormai di diritto le due enormi giraffe di metallo degli Uffizi. Tre sindaci (Domenici-Renzi-Nardella) hanno aperto o aprono la loro finestra a Palazzo Vecchio sbattendoci contro. Contro quella gru nel buco nero di piazza Castellani, come ha detto Eike Schmidt. Sempre lì, sempre immobile, dal 2006. A pochi metri la sua gemella (montata circa un anno dopo, nel 2007), nel piazzale degli Uffizi, che sembra una grande antenna o un grande ripetitore sopra la Loggia dei Lanzi. Caro professore, Firenze fa eccezione. La storia italiana degli Uffizi (come altre grandi opere nel nostro Paese) è una eccezione alla tua voglia di meravigliarti. Di scoprire le piccole bellezze, i particolari nascosti dellaltra città della testa allinsù. A quelle gru ormai siamo tutti abituati. Sono parte integrante dello skyline, testimoni viventi dellimpresa senza fine Nuovi Uffizi.

Breve e sommaria rassegna stampa dei pronostici sulla Liberazione della cartolina-Firenze. Di Grandi o Nuovi Uffizi se ne parla da oltre 50 anni. Nel 95 lidea è dellallora soprintendente Antonio Paolucci che ha fatto a tempo a fare il ministro (nel governo Dini), ad essere direttore generale dei Beni Culturali per la Toscana, direttore dei Musei Vaticani una volta andato in pensione e ora di nuovo a riposo. A marzo del 2006 era insieme al ministro Rocco Buttiglione per lannuncio dellavvio dei lavori: Le idee buone richiedono molto tempo per maturare, si giustificò il ministro a nove anni (era il 1997) dal pronostico di uno dei suoi predecessori, Walter Veltroni (Entro il 2000 il nuovo museo) e a due da quello di Giuliano Urbani: I Nuovi Uffizi? Pronti entro la metà del 2007. Tralasciamo chi è venuto dopo, non per scarsa considerazione, ma per risparmiare e risparmiarci ulteriori facili ironie e poi la storia più recente i fondi che non arrivavano, il commissariamento, le grinfie della Cricca sul grande cantiere è ormai nota.

In fondo le gru sono sempre lì. In un vecchio articolo-inchiesta di Artemagazine sui ritardi dei lavori nei grandi musei italiani parlava un tassista fiorentino: È dagli anni Settanta che io mi ricordo le gru al lavoro. In effetti proprio in piazza Castellani cera quella della Mugelli costruzioni (per i lavori di rifacimenti del tetto di alcune sale della Galleria) che dopo una dura lotta fece rimuovere negli anni Ottanta il soprintendente Angelo Calvani. Poi il ritorno. Per i funzionari del museo, vecchi e nuovi, una normalità. Quasi si stupiscono delle nostre domande sulle gru gemelle entrate di prepotenza in cartolina. Ma sono ferme o lavorano? Quando se ne andranno?. Ma quella in piazza Castellani attende larrivo della Loggia di Isozaki-Godot?. Qualcuno ha rinunciato a dare date definitive sul termine lavori. Lappendice Isozaki è il buco nel buco nero, per usare la definizione di Schmidt (che già un anno fa chiese al ministero di fare presto o altrimenti perdiamo i fondi e rischiamo penali più alte del costo dei lavori). Tanto non si farà mai, è il refrain da via della Ninna. Tanto se Berlusconi vince le elezioni e Sgarbi diventa ministro su Isozaki calerà il sipario. Già Sgarbi, quello che definì la loggia un materasso, o un progetto omosessuale perché si occupa di un retro. Un reperto archeologico, un relitto del Novecento, ci disse Paolucci nel 2009. Un progetto a cui Firenze è ancora appesa. Come se anche quella gru in piazza Castellani stesse aspettando il da farsi. E forse è proprio così. Dice un vecchio funzionario ormai in pensione: Hanno sempre detto che finché quella gru non veniva smontata la Loggia di Isozaki non si poteva fare. E forse è meglio non guardare allinsù o abituarsi davvero alla cartolina Firenze con le due immense giraffe gialle che la deturpano e senza la Loggia di Isozaki.

Daltra parte, caro professore, chi ha trascorso una vita agli Uffizi ci dice che una gru fa sempre comodo. Anche per allontanare le decisioni: Isozaki, sì, Isozaki no, Isozaki forse.



news

18-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 febbraio 2018

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

Archivio news