LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Restauratori e policlinici
Bruno Zanardi
Il Giornale dellArte, n. 383 (febbraio 2018), p. 20

Di questi giorni sono due notizie che vengono dal mondo del restauro e della tutela. Una è che il diploma conseguito prima del 2009 alle scuole dellIstituto centrale del restauro e dellOpificio delle pietre dure è stato equiparato a una laurea. Senza dire che, in un paese normale, un titolo di studio conseguito in una scuola internazionale a numero chiuso superando un concorso bandito sulla Gazzetta Ufficiale, quello dellIcr e dellOpd, dovrebbe valere come è per lEna in Francia, quindi infinitamente di più di una comune laurea in Lettere o in Architettura oggi allegramente data a centinaia di migliaia di persone, chiarito questo, a cosa serve quel riconoscimento? A poco o nulla, se non per avere accesso a carriere nella nostra Amministrazione pubblica, o a istituzioni estere.

Né escludendo, lo aggiungo di passaggio, che nella mente di chi ha molto lavorato nel sottobosco ministeriale per ottenere linedita laurea ci sia lidea di farne il grimaldello per la creazione dun nuovo settore scientifico-disciplinare universitario in restauro dove il titolo di professore venga elargito in concorsi meno ardui da superare degli attuali. Faccio un caso concreto. I tre docenti del corso di restauro dellUniversità di Urbino che hanno partecipato ai recenti e tradizionali concorsi per professore Ordinario e Associato sono stati tutti bocciati. Nei giudizi delle Commissioni pubblicati in internet, due allunanimità, Dafne De Luca e Fabiano Ferrucci, il terzo, Laura Baratin, addirittura scrivendo uno dei commissari che deve ancora affrontare le tematiche fondanti del settore. Bocciati, restando però italicamente al loro posto; e anzi, la signora che non conosce le tematiche fondanti il settore, promossa a importanti incarichi nel Miur.

La seconda notizia riguarda invece la prossima apertura di inediti Policlinici del patrimonio culturale orditi dal presidente del Consiglio superiore dei beni culturali (Csbc) Giulio Volpe con lappoggio dei Ministri Franceschini e Fedeli (per il Cun). Policlinici che serviranno a cosa? A attuare, parole di Volpe, una revisione e migliore qualificazione del percorso formativo universitario nei vari livelli, dal triennio, fino alle specializzazioni e ai dottorati () per la tutela e valorizzazione del nostro straordinario patrimonio culturale.

Ma se la revisione riguarda solo i nuovi laureati, come pare di capire dalle parole appena citate, cosa ne fa lamico Volpe delle centinaia di migliaia di laureati nella miriade di corsi di laurea di ogni genere e tipo irresponsabilmente creati negli ultimi decenni intorno a conservazione, restauro e valorizzazione dei beni culturali? Sarà così crudele da non revisionare anche loro lasciandoli nella più nera disoccupazione come in molti stanno? Se poi sono da revisionare i laureati, prima sono da revisionare i docenti che li hanno malformati. E dove troverà il buon Volpe i perfetti docenti in grado di revisionare gli imperfetti docenti che hanno laureato storici dellarte, restauratori, esperti in radiografie, architetti, eccetera, da revisionare? A Urbino?

Inoltre, evidentemente orgoglioso dellaver coniato il termine policlinico, lamico Volpe scrive: Si può immaginare un medico che non si sia formato nelle corsie, nelle sale operatorie e nei laboratori di un ospedale? E perché mai ai professionisti dei beni culturali questo tipo di formazione-esperienza lavorativa è negata in un paese come lItalia?. Dimenticando il Volpe che sia i membri del Csbc da lui presieduto, che quelli del Cun, fanno i professori, quindi mai hanno realizzato in vita loro un restauro con le proprie mani, cioè mai hanno lavorato nelle sale operatorie dellarte.

Tutto ciò detto, gentili Ministri Franceschini e Fedeli davvero pensate che siano iniziative di questo livello la soluzione per tramandare alle future generazioni il più importante e cospicuo patrimonio storico e artistico dellOccidente, quello dellItalia e degli italiani?



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news