LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tai di Cadore. Variante di Tai a rischio, richiesta una indagine archeologica
http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2018/02/09/news/indagine-archeologica-sulla-variante-

La Soprintendenza accoglie le osservazioni della Regola e impone allAnas tutte le verifiche. De Polo: Restiamo contrari al progetto presentato di Irene Aliprandi
Una verifica archeologica preventiva alla variante di Tai di Cadore. A chiederla, o meglio, ad imporla allAnas, è il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, attraverso la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Veneto orientale, in seguito alle osservazioni presentate dalla Regola di Tai e Vissà sulle opere viarie previste per i Mondiali di Cortina 2021.

È la prima vera tegola che cade sulle varianti alla statale di Alemagna, perché la verifica archeologica potrebbe richiedere del tempo, ma soprattutto perché il Mibact ha il potere di mettere il veto sui progetti, così come è successo di recente per lelettrodotto di Terna nella media valle del Piave, dove il Ministero dellAmbiente aveva già dato il via libera.

La risposta della Soprintendenza alla Regola è stata rapidissima: le osservazioni risalgono al 22 gennaio e già il primo febbraio il soprintendente Andrea Alberti ha firmato la nota con la quale comunica che: Si riscontra che le osservazioni sono sicuramente pertinenti e specie riguardo la tutela archeologica, per la quale è stata richiesta da questo ufficio, ad Anas, la verifica archeologica preventiva riguardo ai manufatti in progetto (rotatorie, galleria, ecc..).

Poche parole che non lasciano dubbi sullaccuratezza delle osservazioni presentate dalla Regola di Tai e Vissà, che non si limita agli aspetti archeologici, affrontando anche i dubbi sul contesto ambientale, sul rischio idrogeologico e geologico, sullinquinamento atmosferico e acustico, sulla presenza di biotopi e sul consumo di territorio; tutte materie sulle quali dovrà esprimersi il Ministero dellambiente.

Prima di tutto, però, la Commissione Via del Ministero dellambiente dovrà dire se i progetti di varianti allAlemagna dovranno essere soggetti allo studio per la valutazione di impatto ambientale, passaggio che Anas vorrebbe evitare per accelerare i tempi di realizzazione delle opere, mentre in molti pensano che in un territorio tanto fragile e importante dal punto di vista paesaggistico, la necessità di una Via sia scontata.

A Tai, ma anche a San Vito, Valle e Cortina, lo pensano in molti e la nota inviata dalla Soprintendenza lascia ben sperare le Regole. La Regola, spiega il presidente Giacomo De Polo, si è sempre mossa a tutela dellambiente e del territorio. La nostra posizione è di contrarietà al progetto di Anas, che di fronte alla nostra opposizione ha addirittura peggiorato il progetto, prevedendo una terza galleria di emergenza in pieno centro, nellarea dello stadio del ghiaccio che è una delle poche zone di Tai fruibili dalla popolazione. Lì passa anche la ciclabile Lunga via delle Dolomiti, che attira moltissimi turisti, ma il progetto non risolve il problema dellintersezione.

A preoccupare sono anche altri punti interessati dalla variante: A ovest, prosegue De Polo, cè unarea paludosa che infatti si chiama Paludet, mentre la zona a est è soggetta a trasporto di materiali da parte dei corsi dacqua presenti, alcuni dei quali interessano anche la futura galleria.

La Regola è proprietaria dei terreni vicini allo stadio, i restanti sono comunali, tranne linizio e la fine della variante dova la proprietà è privata e ha dato vita al Comitato per la variante. Il timore di questi soggetti è che la fretta porti alla realizzazione di opere impattanti e inadeguate.

Al contrario di quanto afferma qualche politico, i contrari non sono pochi. Ormai nessuno ha più dubbi sul fatto che le varianti allAlemagna non saranno pronte per il 2021, osserva ancora De Polo, quindi cerchiamo almeno di farle bene. La Regola non ha potere di veto, ma può opporsi allesproprio ricorrendo al Tar. Anas non si è spostata di un millimetro dalla sua posizione e di conseguenza rimarremo fermi anche noi e, se dovesse arrivare un nuovo progetto, ci prenderemo il tempo per osservarlo. Ci rassicura e ci fa piacere che la Soprintendenza
abbia ritenuto le nostre osservazioni pertinenti. Le nostre non sono dolenze, la legge ci chiama a tutelare il nostro territorio ed è quello che stiamo facendo. Attendiamo anche la convocazione della Conferenza di servizi, già rinviata due volte e ora a data da destinarsi.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news