LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi. La collezione ritrovata
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 7/2/2018

Nella stagione di punta agli Uffizi entrano 8.000 visitatori al giorno, quanti in un anno vedono la collezione Contini Bonacossi. Ma tra un mese le cose cambieranno e le opere, capolavori e arredi compresi, saranno visibili a tutti, parte integrante del percorso museale che ogni anni attira oltre due milioni di persone. Noi siamo entrati in quelle stanze per vedere cosa ospitano.

La rivoluzione dopo anni di polemiche per la collocazione e la visibilità di quadri, stemmi, maioliche, scatterà con il trasferimento delle opere dai locali che occupano dal 1998, (in via Lambertesca, e collegati agli Uffizi da una scala), al primo piano di Ponente della Galleria dove oggi ci sono i pittori stranieri, le sale blu dal colore dellintonaco. È il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, con larchitetto Antonio Godoli, a spiegare il futuro prossimo della donazione voluta da Alessandro e Vittoria Contini Bonacossi e concretizzata dai figli Alessandro Augusto Contini Bonacossi e Vittoria Papi Contini Bonacossi con laccordo con lo Stato dell8 marzo 1969, e ospitata a Pitti prima di arrivare agli Uffizi. Tra poco capolavori come il S. Lorenzo di Lorenzo Bernini, la Madonna dei Pazzi di Andrea Del Castagno, il Torero di Goya o gli stemmi robbiani, potranno essere riscoperta da italiani e stranieri.

Finora la donazione Contini Bonacossi poteva essere ammirata solo con visite guidate di gruppi fino a venti persone, ma la nostra visita guidata parte dalle dieci sale blu. Qui sono esposti i pittori stranieri, dai francesi agli spagnoli, con un corridoio centrale diviso da colonne, su cui si affacciano le sale, compresa lultima e più grande con i quadri di Pieter Paul Rubens e Antoine van Dyck. Il blu ovviamente scomparirà spiega Eike Schmidt anche perché è un colore che oscura i quadri. Per decidere il nuovo colore faremo delle prove sul campo e le opere che ora sono qui saranno suddivise, in base alla nuova filosofia espositiva che non separa nazionalità e scuole, ma riporta i pittori al loro tempo, al contesto anche cronologico in cui operavano, alle relazioni con gli artisti che li influenzavano e viceversa. Alcuni quadri andranno nelle sale del Caravaggio e del Seicento, altri lungo il percorso museale e altri ancora a Pitti. A pochi metri di distanza dalluscita delle sale blu, alle quali si arriva anche con un ascensore e che quindi sono accessibili anche ai disabili, cè la scala che conduce agli ex appartamenti dei dipendenti degli Uffizi e dellintendenza di Finanza.

Nelle sale blu, inaugurate nel 2011, limpianto di climatizzazione è allaltezza delle esigenze di tutela di oggi, al contrario delle sale di via Lambertesca, e anche la luce è migliore. Cè quella naturale dal lucernario più i punti luce che saranno ad hoc per le singole opere e la luce artificiale obbligatoria nei locali riadattati nel 1999 e inaugurati alla presenza del ministro della cultura Giovanna Melandri anche perché i locali sono vicino alle case e quindi le nostre finestre sono oscurate con teli per rispetto della privacy, aggiunge Antonio Godoli. Fatti pochi scalini il meraviglioso San Lorenzo sotto la lapide che ricorda la donazione di Vittoria e Alberto introduce ai 140 pezzi della collezione, accolti negli undici ambienti che rievocano le stanze, gli allestimenti museali di fine Ottocento, con anche qualche brutta teca di vetro per proteggere le maioliche. Dentro non cè nessuno e nel silenzio si cammina tra quadri, fondi oro, sedie, imponenti cassoni, mentre la maggior parte degli stemmi è ospitata in uno stretto corridoio. Gli stemmi nelle ex sale blu saranno appesi in alto, sopra i quadri, i quadri distanziati così da poterli apprezzare compiutamente, mentre alcuni arredi saranno sistemati in una stanza, visibili da dietro un cordone come nella Tribuna degli Uffizi, ed altri esposti a rotazione spiega Schmidt Per le maioliche sarà realizzato un importante armadio a vetri e nella sala grande sarà posto al centro il San Lorenzo del Bernini, una delle opere iconiche della Galleria che sarà dichiarata inamovibile, assieme ai capolavori di Goya, El Greco, Zurbaràn, Velazquez. E finalmente Bernini potrà essere visto non solo da poche migliaia persone lanno. Entro marzo la nuove sale della Contini Bonaccossi saranno inaugurate e assieme sarà presentato il primo catalogo mai realizzato, riprendendo un lavoro interrotto negli anni Novanta dalla morte della vice direttrice della Galleria, Caterina Caneva, dando ulteriori informazioni sulle opere. Con un allestimento scientifico che va oltre il creare unatmosfera come si voleva nellOtto e Novecento afferma il direttore e che concretizza la promessa fatta nel 1969 dal Presidente della Repubblica Saragat di donare queste opere al popolo.




news

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

25-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

Archivio news