LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Conti Bonacossi. Una famiglia, due targhe. E una guerra di ventanni
M.B.
Corriere Fiorentino 7/2/2018

Dio con le parole ha fatto il mondo o, per dirla più semplicemente con Nanni Moretti, le parole sono importanti e la vicenda delle opere Contini Bonacossi lo dimostra. Decenni di polemiche, di guerre anche legali (la Procura di Firenze sequestrò le opere rimaste agli eredi per iniziativa di Elsa Giorgi, vedova di Sandrino Contini Bonacossi, nipote di Alessandro), di trattative tra gli eredi di Vittoria e Alessandro e lo Stato, di scontri con le istituzioni, sintetizzati da due lapidi e da due parole: acquisizione e donazione. La prima, nella targa messa nel 1998 nei locali che ospitano i 144 pezzi passati dagli eredi allo Stato e agli Uffizi, la seconda nella targa in marmo originaria e che da qualche mese ha ripreso il posto della precedente. E che a marzo salirà di un piano, per entrare nel percorso principale degli Uffizi.

Riassumere una querelle decennale non è semplice, ma in sintesi come racconta anche Sandro Pazzi nel libro La donazione dimenticata. Lincredibile vicenda della Collezione Contini Bonacossi tutto nasce dal fatto che il desiderio espresso da Vittoria di donare nella loro unità i capolavori raccolti assieme al marito per il godimento spirituale dei fiorentini e di tutti quelli che li vedono e li vedranno e ripreso dal testamento di Alessandro, i miei cari figli ben sanno come le mie intenzioni corrispondano in pieno a quello della loro adorata mamma, facendo tutto quanto sarà loro possibile per attuarle non fu formalizzato in una volontà testamentaria. Iniziarono così le polemiche, con interrogazioni anche in Parlamento e articoli sulla stampa sul destino della collezione e sul rischio del suo smembramento. Il ministro Paolo Rossi, giurista, concluse che quello del testamento del senatore era solo un desiderio e non una volontà testamentaria e così si espressero poi Avvocatura e Consiglio di Stato, affermando la piena proprietà degli eredi sulla collezione di circa 1.000 pezzi costruita dai loro genitori. Nel 1957 il ministro Rossi nominò una commissione di esperti per assicurare allo Stato le significative opere darte della collezione Contini Bonacossi di Firenze tramite uneventuale transazione con gli eredi Contini.

Le cose andarono per le lunghe e alla fine nel 1968 si raggiunse laccordo con la donazione per un valore di 3,5 miliardi e mezzo di lire, in cambio della libertà per i Contini Bonacossi e Papi di esportare e vendere le loro opere, fermo restando il diritto di prelazione dello Stato per i successivi 12 anni dalla donazione. La donazione chiariva che le opere erano destinate agli Uffizi, ma che provvisoriamente potevano stare anche a Palazzo Pitti, come fu a partire dal 1974, in locali della Meridiana, con la lapide marmeorea che recitava Questa donazione alle Gallerie degli Uffizi è dovuta alla generosità e alla volontà di Alessandro e Vittoria Contini Bonacossi.

Ma quando nel 1998 il nuovo allestimento fu inaugurato agli Uffizi in via Lambertesca, la targa in marmo scomparve e fu sostituita da una con scritto Collezione Contini Bonacossi acquisita dallo Stato e destinata agli Uffizi. Da qui la richiesta della sua rimozione, assieme alle accuse di invisibilità della collezione, accessibile sì ma solo con visita guidata e in locali distinti dal corpo della Galleria. Per Pazzi, legale dal 1964 delle famiglie Contini Bonacossi e Papi, appunto una donazione dimenticata. Ma Per Eike Schimdt, al di là di polemiche e delle parole, acquisire vuol dire venire in possesso e quindi comprende anche farlo attraverso una donazione, la cosa più importante è che adesso queste opere uniche saranno disponibili, per noi e per le generazioni future.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news