LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. La difesa di una città comincia dalle pietre
Luigi Del Fante*
Corriere Fiorentino 8/2/2018

* Luigi Del Fante Architetto

Caro direttore,

Firenze si fregia di palazzi, chiese, musei, monumenti, strade, stradine, vicoli, chiassi, piazze, edicole, tabernacoli, botteghe, giardini, e allinterno di ciascun elemento emergente ne esistono innumerevoli altri, solo apparentemente più piccoli, ma che nel loro vicendevole rimando sintattico contribuiscono con forza a imprimere il carattere, la particolarità alla città stessa.
Dettagli, potrebbe osservare qualcuno. Ma dettagli che fanno la differenza. Dettagli di straordinaria importanza, che rendono unica Firenze; che, tuttavia, negli ultimi ventanni, purtroppo, sembrano non essere più oggetto della dovuta attenzione da parte degli addetti ai lavori.

Già nel 1991 ci fu la questione di piazza della Signoria con il suo lastricato settecentesco che avrebbe dovuto essere protetto e conservato e che, invece, venne rimpiazzato da un lastricato nuovo, provocando, oltre alle polemiche, anche uninchiesta della magistratura per danneggiamento. Allora si scrisse: Il problema che si è posto il pretore è quello di capire perché un bene come la piazza con le sue pietre, il cui valore storico e culturale è sempre stato riconosciuto e confermato dagli esperti dei comitati di settore del Ministero, sia stato demolito. I comitati di settore, infatti, in sedici sedute e cinque sopralluoghi, avevano confermato dal 1975 ununica scelta operativa tesa alla conservazione e al restauro del lastricato settecentesco. Già lillustre professor Francesco Rodolico, nel suo storico libro Le pietre delle città dItalia (Firenze, 1952) metteva in risalto come la fisionomia, la sostanza di cui è fatta Firenze, sia costituita essenzialmente dalle arenarie pietraforte e pietra serena, a costituirne la materiale identità storica e culturale.

Il professor Piero Sanpaolesi, uno dei padri della teoria del restauro del 900, non si stancava mai di ammonire che le città storiche, nel loro insieme, oltre che nei singoli manufatti architettonici che contribuiscono a determinarle, debbono essere protette e conservate nella loro integrità di corpo ed anima, dove appunto la materia antica di cui sono fatte ha un valore estetico-identitario che non si può né si deve alterare o, peggio, eliminare.

Nel 2012 il professor Francesco Guerrieri, tra i più noti esperti di restauro, già ordinario alla Facoltà di Architettura di Firenze, lanciò un grido di allarme nel suo libro Firenze, la materia della città (2012): Gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da atteggiamenti controversi e abbastanza incongrui: nello stesso momento in cui si celebrava la storicità dei lastrici, per motivi economici si colmavano con asfaltature lacune o zone abrase dal traffico. È accaduto per via Pier Antonio Micheli, sulla quale si affacciano Palazzo San Clemente, vero gioiello architettonico, meraviglia di Gherardo Silvani; il Giardino dei Semplici (1545), il primo Orto botanico dEuropa destinato alla coltivazione e alla raccolta delle erbe medicinali; e il monumentale Palazzo Capponi.

Ora, a fronte (e nonostante) di quanto esposto, sono stati letteralmente eliminati in maniera sbrigativa ed economica lastricati antichi settecenteschi e ottocenteschi, strettamente legati alla percezione unitaria dinsieme con i palazzi delle strade, per stendervi un funereo strato dasfalto asfittico, sordo; che, oltretutto, nella stagione estiva si trasformerà in brace ardente sotto i piedi dei passanti, contribuendo a innalzare la temperatura della via. Nella foto di via Micheli il nastro dasfalto richiama immediatamente la sensazione della velocità, della scorrevolezza frenetica. Al contrario, la tessitura diagonale delle lastre rettangolari di pietra, rallenta il ritmo dellandatura, contrapponendosi in modo dialettico alla linearità della strada. Ecco, allora, quel senso di passeggiata, piacevole, rallentata, distensiva, così cara a don Bensi, a La Pira, nel profumo del glicine, degli ippocastani, dei gelsomini, e, verso sera, lamaro profumo degli oleandri e lumido, resinoso sentore delle chiome dei cipressi.

A questo proposito vorrei fare un esempio illuminante: via del Podestà al Galluzzo. Lì sì che si è intervenuti con grande avvedutezza e sensibilità storica ricostituendo un lastricato in pietra arenaria, ben curato, lavorato a scalpello, con nastrini di rigiro per ogni lastra massello, ben commessa, cioè a dire saldamente unita luna alle altre contermini, onde evitare movimenti e cedimenti differenziali. Ma allora perché non si è operato con la medesima diligenza allinterno del perimetro Unesco di Firenze?

La scelta appare in tutta la sua sconcertante (e anche ipocrita) drammaticità perché si addita la necessità di risparmiare sui lavori, altrimenti necessari per risistemare lastricati sconnessi e deformati, proprio a causa dellincuria durata decenni, ingiustificata, che ha continuato nel tempo ad aggravarne ancora di più le condizioni, a effetto domino. Si doveva intervenire molto prima per contenere i danni e, di conseguenza, limitare i lavori di ripristino. Ogni giustificazione economica, in questa fattispecie, non può assolutamente essere accettata ed avere il sopravvento su ogni altra considerazione. Siamo a Firenze, non siamo in una periferia degradata, dove un manto dasfalto nuovo può rappresentare una ricchezza. Siamo a Firenze, il cui centro storico è patrimonio dellumanità Unesco, e anche la pietra di ogni lastricato fa parte a pieno titolo della sua identità: come tale va mantenuta.



news

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

20-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news