LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Comune: "Via il gestore dalle Terme di Agnano vendiamo ai privati"
04 febbraio 2018 LA REPUBBLICA



L'assessore Panini: "Non pagati i canoni adesso metteremo sul mercato la quota di maggioranza"

Venerdì è stato ultimato l'inventario: il consorzio che da un anno e mezzo gestiva le Terme d'Agnano è stato messo alla porta dal Comune. Risolto il contratto. Non rispettava i patti: canoni da versare, investimenti. Non c'è pace per il sito: l'attività termale in convenzione con l'Asl è sospesa da una decina di giorni. Perché è deceduto il direttore sanitario. I lavoratori non percepiscono lo stipendio da 13 mesi. Ora tutto ritorna in capo alla società comunale che era in liquidazione, dopo anni di debiti. Il futuro? Si vende, modello Gesac (aeroporto, ndr). Faremo un bando per cedere le quote di maggioranza delle Terme , spiega l'assessore al Bilancio Enrico Panini: E' chiaro che l'atto dovrà passare in consiglio comunale, ma di fatto ce lo impone la legge Madia. Terremo una quota di garanzia . A giugno 2016 firma il contratto per le Terme il consorzio capeggiato da Infratech. Era arrivato secondo in gara ma era riuscito ad aggiudicarsi il sito perchè il primo non aveva presentato i documenti necessari. Scattano ricorsi, battaglie al Tar ma alla fine si parte con la nuova gestione trentennale: canone di circa 300 mila euro annui e investimenti per 16 milioni. Poi la tegola a marzo 2017 quando finisce agli arresti l'allora commissario liquidatore scelto dal Comune nell'ambito dell'inchiesta "The Queen". Abbiamo riscontrato inadempienze da parte del gestore nel corso dei mesi racconta Panini Abbiamo fatto colloqui per risolvere le divergenze, ma le pendenze continuavano a essere tante. Non si pagava il fitto nei termini previsti, non si era messo mano all'albergo. A metà gennaio abbiamo autorizzato il commissario a risolvere il contratto. Ora i dipendenti tornano alla società del Comune che dovrà riprendere l'attività . Una storia travagliata dal 2011. La giunta de Magistris eredita un'azienda con un passivo di 7 milioni, la mette nelle mani dell'avvocato Marinella De Nigris. Si parte col risanamento, De Nigris crea le condizioni per rendere appetibili le Terme: sfoltisce l'organico con la mobilità di una parte dei lavoratori tra le partecipate del Comune. Ma 3 gare per individuare un gestore fanno flop. In un caso un gruppo calabrese presenta anche false scritture contabili : denunciato. Sono andata via a fine 2015 racconta De Nigris - perché l'amministrazione comunale non aveva una linea coerente. La strada migliore sin dall'inizio era vendere, ma il Comune non voleva. Era chiaro che la gestione non era interessante per una imprenditoria all'altezza. Come è possibile che si arrivi dopo più di un anno a una risoluzione contrattuale? Grave. Sono stati controllati i requisiti di quel gruppo? Io ho sempre bloccato le carte all'atto dell'aggiudicazione provvisoria, proprio per non recare danno alle Terme. Mi sembra l'ennesima prova della mancanza di programmazione in relazione al patrimonio comunale. Me ne andai quando il Comune mi aveva addirittura inviato gli sfollati da ospitare . In settimana aspettiamo la Soprintendenza conclude Panini Poi bisognerà individuare subito un nuovo direttore sanitario per riprendere le terme. Nella delibera sulle partecipate che andrà in consiglio sarà previsto il bando per vendere: le Terme ai sensi della legge Madia non sono più strategiche per il Comune.



news

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

25-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

Archivio news