LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

b Capodimonte e Paestum in bilico il rinnovo dei direttori
Antonio Ferrara
03 febbraio 2018 LA REPUBBLICA



Una sentenza parziale della sesta sezione del Consiglio di Stato rimescola le carte della riforma Franceschini sui direttori dei musei autonomi e rinvia la parola definitiva all'adunanza plenaria.

Il punto è: può dirigere il Palazzo ducale di Mantova un non italiano, per la precisione l'austriaco Peter Assman? Cioè può una persona che non ha la cittadinanza italiana ricoprire un incarico dirigenziale nel ministero dei Beni e delle attività culturali? Ci vorranno almeno 10 mesi per avere la risposta dal plenum del Consiglio di Stato, e mentre il ministro Dario Franceschini tuona in Italia non è possibile fare le riforme, chiede cosa penseranno nel mondo del nostro Paese. Dopo 16 decisioni del Tar e sei del Consiglio di Stato quest'ultimo cambia linea e rimette la decisione sui direttori stranieri dei musei all'adunanza plenaria.

Il pensiero va ai due direttori non italiani che lavorano in Campania: Sylvain Bellenger, francese di Normandia, da novembre del 2015 alla guida del Museo di Capodimonte, e Gabriel Zuchtriegel. tedesco del Sud, dal primo novembre 2015 direttore del Parco e del museo archeologico di Paestum.

Non perché il loro incarico sia a rischio, ma per la fase di lunga incertezza che si apre rispetto alla possibilità per i due di essere riconfermati nel ruolo che ha una durata di quattro anni: scadenza autunno 2019, dunque.

Se il Consiglio di Stato dovesse ritenere (la decisione ci sarà tra novembre e dicembre) che il direttore del Palazzo Ducale di Mantova non poteva assumere l'incarico perché cittadino austriaco e non italiano (come sostiene tra l'altro la ricorrente Giovanna Paolozzi Maiorca Strozzi che fu esclusa dalla terna dei candidati tra i quali il ministero allora scelse il direttore del museo mantovano), allora sarà difficile, se non impossibile, rinnovare l'incarico a Bellenger e Zuchtriegel. Che quindi sarebbero costretti a lasciare Capodimonte e Paestum a fine mandato, senza possibilità di portare a compimento il rilancio dei due istituti nel successivo quadriennio. A meno di un provvedimento definitivo e chiarificatore del prossimo Parlamento.

La decisione del Consiglio del Stato è l'ennesima dimostrazione che la burocrazia in Italia mette in ginocchio il Paese, crea una grande incertezza per le competenze venute dall'estero, dopo aver lasciato solide e prestigiose posizioni professionali per candidarsi alla guida dei musei italiani. Tutto questo è gravissimo e nuoce moltissimo all'Italia e agli italiani dice Bellenger che ha lasciato l'Art Institute di Chicago per venire a Napoli. I successi della riforma Franceschini sono sotto gli occhi di tutti - ripete lo storico dell'arte - e non solo in termini numerici, come aumento dei visitatori, ma anche in termini di visibilità: i musei, le loro preziose collezioni, le mostre e le altre attività sono tornati nella coscienza e nel dibattito pubblico dopo molti anni.

Gli fa eco l'archeologo tedesco: Non ho mai pensato che il lavoro a Paestum dovesse durare per l'eternità - dice Zuchtriegel - non posso fare altro che lavorare per portare a termine il mandato ricevuto con un contratto che dura quattro anni. In ogni caso, al di là dell'esito finale, è utile che il Consiglio di Stato faccia chiarezza su una materia controversa: ha constatato che ci sono leggi e norme che forse si contraddicono, chiarire questi aspetti aiuterà tutti. Zuchtriegel sta lavorando alla grande mostra "L'immagine invisibile" dal 3 giugno al 6 ottobre per celebrare i 50 anni della scoperta della Tomba del Tuffatore. Faremo una riflessione sul perché l'immagine di quel giovane che si tuffa ha suscitato tante reazioni. Quali corde tocca?.

Zuchtriegel non appare sorpreso dalla pronuncia dei giudici amministrativi: Affronto il lavoro come la vita: il futuro non lo conosciamo, nessuno sa se domani sarà vivo o meno. Quello che mi resterà in ogni caso è il grande calore umano che ho trovato nell'esperienza qui a Paestum. In ogni caso il problema non è se un tedesco può dirigere un museo italiano, ma mettere ordine nelle norme, e se questo accadrà sarà un bene per l'Italia.

Noi continuiamo a lavorare sereni agli importanti progetti pluriennali sul museo e sul bosco rilancia Bellenger - perché una seria politica culturale non si improvvisa, ma si programma almeno per il quinquennio successivo. E fornisce i risultati di un questionario su un campione di 230 visitatori del Parco: il 90 per cento ha riscontrato miglioramenti, il 52 per cento vive nei pressi del bosco, il 68 per cento ha una buona percezione della sicurezza, mentre l'82 per cento è soddisfatto per la gestione e la cura del parco.



news

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

25-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

Archivio news