LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La dea, i vasi e le armi i nuovi reperti raccontano Selinunte
Isabella Di Bartolo
02 febbraio 2018 la repubblica



Dall'Acropoli alla collina di Manuzza, a quelle orientale e della Gaggera, e ancora al quartiere artigianale, al Battistero bizantino e alle Cave di Cusa.

Non solo templi a Selinunte: il parco archeologico più grande d'Europa custodisce 7 siti da visitare a cui si aggiunge, da qualche settimana, il primo museo dell'area archeologica allestito al Baglio Florio. È in questa nuova area espositiva che viene raccontata la storia di Selinunte, dalle sue origini fino all'epoca medievale, attraverso reperti, ricostruzioni e video in 3D.

In mostra anche le testimonianze delle più antiche case selinuntine, scoperte negli anni Settanta dagli archeologi francesi e inquadrate in un rione chiamato F-1: proprio questo isolato è ricostruito all'interno del Baglio Florio e narra le vicende degli abitanti della città che riutilizzarono queste case anche in età punica e, ancora dopo, nel Medioevo.

Una ristrutturazione secolare di abitazioni che dimostra anche i cambiamenti delle abitudini dei selinuntini attraverso una serie di reperti per la prima volta esposti al pubblico, venuti alla luce nei mesi scorsi e illustrati con pannelli e ricostruzioni che si affiancano alle nuove scoperte avvenute nel Parco archeologico siciliano: una di queste è la facciata del tempio più antico della città con la riproduzione delle piccole metope esposte al museo Salinas di Palermo.

Tra le vetrine spiccano vasi corinzi, piccole statue di terracotta, suppellettili e oggetti sacri rinvenuti dentro le case e dentro le botteghe artigianali di età greca e che raccontano usanze e culti di 2.700 anni fa. Tra i pezzi più ammirati dai visitatori e ricercati dagli studiosi, c'è la statuetta della dea della notte che ha le sue radici in età arcaica e, da Greci e Romani, è stata venerata con riti avvolti nel mistero.

La più antica raffigurazione del mondo greco della misteriosa dea Hekate, datata al IV secolo avanti Cristo, è stata trovata a Selinunte dice il direttore del parco di Selinunte, Enrico Caruso ed è adesso in mostra. Si tratta di una dea raffigurata con tre volti a simboleggiare le tre età della divinità: giovane, adulta e vecchia. Una copia di epoca posteriore della dea si trova al Met di New York e, finora, l'unico esemplare più antico è in Sicilia.

La statuetta di terracotta era dentro una casa privata e veniva usata dagli abitanti per le preghiere così come anche un altare cilindrico del III avanti Cristo con cui le famiglie si rivolgevano alle divinità protettrici. Sono esposti anche alcuni vasi bruciati poiché ritrovati dentro il forno di una bottega di un vasaio, che qui li ha dimenticati, insieme con alcune statuette sacre. Tra i ritrovamenti in mostra, anche le palle delle catapulte risalenti alla prima guerra Punica del 250 avanti Cristo. Tutti questi reperti si possono ammirare dopo aver passeggiato all'interno dell'area archeologica fino a raggiungere il Baglio Florio che è uno spazio ritrovato e dedicato ad esposizioni ed eventi. Un luogo che si aggiunge ai resti di Selinunte che raccontano la storia di un'intera città oltre che le due zone suburbane destinate ad accogliere piccoli santuari ad ovest e grandi edifici di culto a est, frutto dei nuovi studi e delle nuove indagini archeologiche ancora in corso.

La mostra sarà visitabile con lo stesso ticket di accesso al Parco di Selinunte (6 euro) e negli stessi orari (dalle ore 9 alle 18).

L'intento è quello di "fotografare" nella sua ritrovata integrità la città di Selinunte, colonia greca fondata nel VII secolo avanti Cristo da un gruppo di coloni provenienti Megara Hyblea e il cui nome deriva da quello del sedano selvatico "selinon" in greco antico che ancora oggi cresce nell'area e che venne raffigurato sulle monete battute dalla zecca selinuntina. Il sito venne dimenticato e riscoperto solo nell'Ottocento. Oggi si possono ammirare i grandiosi resti sulla collina orientale con vista sul mare blu di Marinella, tra cui il tempio G, tra i più imponenti dell'antichità.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news