LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA - Teatro anatomico, tesoro ritrovato
di Stefano Luppi
10 febbraio 2018 LA GAZZETTA DI MODENA



Nella settecentesca aula di Antonio Scarpa hanno studiato migliaia di modenesi: ora è un monumento

Il megaprogetto del SantAgostino parte, finalmente. E il primo lavoro finito è un piccolo tesoro che torna alla città. Nella parte retrostante dellex-ospedale, su via Berengario dove stanno i musei universitari, Modena ritrova il settecentesco Teatro anatomico.

Si tratta di un luogo pressoché sconosciuto, a forma di anfiteatro allungato, completamente realizzato in legno policromo originale, aperto nel 1775 e chiuso trentacinque anni fa, restaurato per loccasione e inserito nel percorso dei musei dateneo dopo un restauro costato 600mila euro che ha risolto anche i gravi danno causati dal sisma nel 2012. I modenesi e i turisti - dopo il taglio del nastro di ieri lUniversità comunicherà a breve le modalità di vista al pubblico - avranno presto a disposizione un ulteriore monumento cittadino, un luogo dove per motivi di studio universitario si sezionavano i cadaveri.

Unarea importante dellateneo perché qui si sono formate generazioni di medici, a partire da alcune celebri figure celebrate nei busti dellatrio della sala come Bernardino Ramazzini, Francesco Torti, Gabriele Falloppia. Ieri alla Fondazione Biagi i rettori di Unimore e La Sapienza, Angelo O. Andrisano e Eugenio Gaudio insieme a numerosi ospiti hanno partecipato alla conferenza iniziale.

Lo spazio - spiega Andrisano appartiene alla storia e al patrimonio culturale della città e rappresenta lavanguardia modenese nello studio dellanatomia umana iniziato già nel 300. Presto completeremo anche i musei anatomici al piano di sopra del teatro e daremo vita a un nuovo museo universitario della strumentazione scientifica.

La direttrice dei musei universitari Elena Corradini spiega che Il teatro affianca il primo museo cittadino che fu, qui a fianco, il museo ostetrico. In futuro tutte le collezioni universitarie saranno disponibili e visibile, comprese le straordinarie 8 sculture femminili, uniche al mondo, di Giovanni Battista Manfredini. Il teatro anatomico oggi è una cavea, mentre in origine era a forma ellittica perché nel 1817-1853 il duca Francesco IV volle i musei anatomici.

Giovanni Carbonara, ordinario di restauro dellUniversità La Sapienza di Roma e Anto Da Pol di Unimore spiegano che generazioni di studenti si sono formati nel vecchio teatro anatomico che abbiamo sottoposto a un restauro non disgiunto dalla sua funzione. Non abbiamo fatto un lifting fine a se stesso e il lavoro di Candini è stato di ottimo livello. Allincontro - insieme ai candidati alle elezioni ministro Beatrice Lorenzin e Matteo Ricchetti - anche il sindaco Gian Carlo Muzzarelli: Il Polo di S.Agostino comincia a prendere forma per rendere Modena più attrattiva in futuro. Ora aspettiamo la Soprintendenza per partire con lex ospedale. Il teatro anatomico è proprietà del Demanio Pubblico, in concessione dal 1929 a Unimore e ha
visto per loccasione un gruppo di finanziatori. La Regione Emilia-Romagna 258mila euro, Unimore 360mila euro e il resto arriva dalla Fondazione. Il restauro è stato eseguito dalla Cantini Arte di Castelfranco, su progetto di Elisabetta Vidoni Guidoni affiancata da Ingegneri Riuniti.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news