LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO-Il coro settecentesco comprato in Irlanda a suon di gin tonic
Andrea Parodi
La Stampa, 16/02/2018

Il capolavoro sabaudo era finito in una chiesa di Galway


È uno spettacolo unico. Unalleanza perfetta tra la maestria dellintagliatore e quella dellintarsiatore. Ad illuminarsi davanti al grandioso coro di Luigi Prinotto, tornato finalmente in Piemonte dopo 200 anni, è Roberto Antonetto, tra i massimi esperti in materia ma soprattutto colui che lo ha scoperto nel 2002 in Irlanda. Oggi il coro è a Venaria, per essere restaurato e ammirato in una mostra imminente. Ma in realtà il coro è in un certo senso anche in vetrina, per essere venduto a qualche istituzione a un milione di euro.
Il coro è un capolavoro assoluto di uno dei più grandi ebanisti al mondo del Settecento, spiega Antonetto. Che lancia un appello formale: Le istituzioni non stiano a guardare, questo capolavoro deve arrivare in qualche collezione pubblica, non deve finire nuovamente allestero. Il coro al momento ha un proprietario. Si tratta di Marco Fabio Apolloni, erede di una importante famiglia di antiquari romani alla terza generazione. Mio padre Fabrizio lo acquistò anche a colpi di gin tonic offerti a un prete alcolizzato della cattedrale di St. Mary a Tuam, nella contea irlandese di Galway, dove era custodito dalla fine dell800, racconta.
La proposta di un milione di euro è valida solo se venduto allo Stato o a qualche ente pubblico puntualizza altrimenti, se offerto a privati, il suo prezzo sarebbe decisamente più alto. Il coro è un manufatto impegnativo, necessita di uno spazio adeguato alla sua conservazione ed eventuale esposizione. Ha unestensione di 9 metri per 7, circa 60 metri quadrati, unaltezza di quasi 4 metri ed è composto da 28 stalli disposti ad U. Su uno dei pannelli vi è un intarsio particolare: una lapide di avorio intagliato e dipinto, la firma dellebanista Prinotto, dello scultore Marocco e del minusiere De Giovanni. Un luogo e una data: Taurini, 1740.
Gli studi sul coro sono in fase preliminare e tutti da approfondire. Antonetto ha ventilato lipotesi che arrivi da una abbazia cappuccina o certosina. Lo si deduce dai dettagli, dove ricorre il tema della morte, spiega. Tra le ipotesi la Certosa Reale di Collegno (ex manicomio), dove nella cappella dellAnnunziata si trova uno spazio della stessa misura. Oppure, ma è solo una suggestione, da una delle tante realtà religiose del Nizzardo smantellate durante la Rivoluzione francese: in ogni caso dagli Stati sabaudi. Lipotesi di Nizza è suggerita dal fatto che proprio in una farmacia di quella città (allepoca provincia sabauda) venne riscoperta nel 1840 da Eduard Joshua Cooper, gentiluomo irlandese con la passione per lastronomia, che la acquistò e portò nel suo castello di Markree. I discendenti la regaleranno, cinquantanni più tardi, alla cattedrale dove poi verrà acquistata dallApolloni. Quasi una storia da romanzo, sottolinea Antonetto.
Se oggi il coro di Prinotto si trova a Venaria, però, lo dobbiamo unicamente allinfaticabile e appassionato lavoro di Carlo Callieri spiega Stefano Trucco, presidente del Centro Conservazione e Restauro della Venaria che ha concordato il suo trasferimento con il proprietario: possiamo dire senza esagerare che Callieri sia il suo salvatore.
Il coro è arrivato a Venaria lo scorso ottobre, ed è in corso un lungo e difficile intervento di montaggio e restauro. Sarà uno dei capolavori di una mostra sullebanisteria della corte sabauda che da marzo presenterà alla Reggia i lavori lignei di grandi artisti quali Prinotto, Piffetti, Bonzanigo e Capello.
Non possiamo nascondere la grande emozione che abbiamo provato al suo arrivo, racconta Paolo Luciani, responsabile del laboratorio degli arredi lignei di Venaria, fiore allocchiello mondiale per la cura di capolavori di ebanisteria di questo livello. Una squadra di 11 persone sta lavorando incessantemente da settimane spiega -. Si è trattato di ricomporre un puzzle di 211 pezzi suddivisi in 82 casse, senza nessuna istruzione di montaggio, con 28 anfore, 28 sacchetti contenenti frammenti di intarsio da ricostruire. E ancora: 30 statue di putti, altrettanti braccioli in noce intagliati con grande maestria a suddividere i seggi. Un trionfo di legni di noce, radica, palissandro, bosso e violetto.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news