LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Una Tosio high tech da vedere
Massimo Tedeschi
Corriere della Sera - Brescia 17/2/2018

Sarà perché ci è mancata per nove lunghi anni. Perché vedere i capolavori di Raffaello-Foppa-Romanino-Moretto-Ceruti a Santa Giulia non era lo stesso che poterli ammirare a casa loro. Perché ci siamo sentiti orfani di una collezione che tanti generosi donatori e appassionati studiosi hanno costruito in due secoli. Sarà per la nostalgia o per la voglia di rivederla aperta: fatto sta che la Pinacoteca Tosio Martinengo mostrata ieri alla stampa e vista a nudo, senza quadri alle pareti (eccezion fatta per la sala con le tele del Pitocchetto pressoché completa) ha conquistato subito. Le dotazioni tecnologiche già a pieni giri, la climatizzazione calibrata, i lucernari artificiali e i fari ben posizionati che fanno scendere dallalto una luce perfetta, i pavimenti in seminato veneziano che dichiarano sobria eleganza, i velluti alle pareti che sorprendono per i colori squillanti: tutto descrive e annuncia una Pinacoteca ad alto gradimento. Oggettivamente bella. Di una bellezza accogliente ed elegante, familiare e raffinata. Quando i bresciani torneranno a visitarla a partire dai due giorni di debutto gratuito, il 17 e 18 marzo troveranno ad accoglierli, oltre ai capolavori ritrovati, tre elementi dominanti: le dotazioni high tech che non si vedono ma i cui effetti si percepiscono; i velluti colorati che in alcune sale diventano protagonisti; un allestimento rado e riflessivo (tutto da scoprire e ancora da giudicare), di soli 110 quadri.

A caldo, ecco sei osservazioni.

Prima. Il più bel trattato di museologia contemporanea, il romanzo Il museo dellinnocenza del Nobel turco Orhan Pamuk, osserva: I musei: 1. sono fatti non per essere visitati ma sentiti e vissuti; 2. è la collezione stessa a determinare lessenza, lanima, di ciò che si percepisce visitandola; 3. senza collezione non si può parlare di museo, ma di un edificio per esposizioni. Valorizzare la collezione, il gusto, le acquisizioni e le donazioni dei collezionisti (Tosio, Brozzoni, ecc.) come gli allestitori hanno dichiarato di voler fare, aiuterà i visitatori a sentirsi a casa in Pinacoteca.

Seconda. Il colore dei velluti alle pareti farà discutere. Nella scelta cromatica che comprende il rosso cardinalizio e il blu lapislazzulo cè lo zampino o almeno lispirazione di Kapoor che però non ha operato le scelte finali. Gli allestitori hanno preso coraggio guardando a esperienze europe ma anche italiane (qualche sala degli Uffizi ante-direttore manager). Soprintendenza e ministero hanno detto sì. Si è osato troppo? Il dibattito è aperto.

Terza. Chi ricorda la vecchia pinacoteca in cui andava a ripararsi dal freddo alla modica cifra di 100 lire quando bruciava le lezioni del liceo, avvertirà unassenza acustica: non cè più lo scricchiolio dei sontuosi pavimenti in legno. Sparito quello, non sarebbe male rimanessero ampie fasce di gratuità o semi-gratuità per i giovanissimi: questo scrigno di bellezza è uneredità tutta per loro.

Quarta. Decideranno i dettagli e larmonia. Per un giudizio compiuto della nuova Pinacoteca non basta la descrizione dellallestimento sentita ieri, pure affascinante, servirà una visione dinsieme e di dettaglio. Certo non ci sarà traccia delle quadrerie ottocentesche, con quella sensazione di Wunderkammer e i quadri disposti fino al soffitto. Qui si è scelta una disposizione rada, non nuova peraltro nella Tosio Martinengo. Conteranno anche i dettagli: le guide pieghevoli, la leggibilità delle didascalie, la chiarezza dei pannelli. È un atto di fiducia ma anche una raccomandazione.

Quinta. Nel cortile di palazzo Martinengo spicca ancora la lapide in ricordo di Giulio Zappa, leroico e sfortunato direttore morto in un campo di concentramento austriaco durante la Prima Guerra mondiale che si preoccupava della sua pinacoteca quando già era al fronte. Cè chi giura che il suo spirito si aggiri ancora fra queste stanze. Se è uno spirito benigno, come quello di Paolo Tosio che vigila sulla sede dellAteneo, cè di che stare tranquilli. Non sarebbe male però ricordare altri personaggi che hanno fatto grande la pinacoteca bresciana come Gaetano Panazza o Bruno Passamani intitolando loro qualche sala della pinacoteca. La storia si fa anche con piccoli gesti di gratitudine fra generazioni.

Sesta. Pamuk nel suo romanzo assicura : Il Museo dellinnocenza sarà sempre aperto per gli innamorati che non trovano a Istanbul un posto dove baciarsi. È un proposito che sarà raccolto anche a Brescia? Lo stesso Pamuk sostiene che i musei sono i luoghi dove il Tempo si fa Spazio. Buon viaggio nel tempo a chi visiterà la nuova Tosio Martinengo.




news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news