LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. I negozi del centro storico e una bellezza da difendere
Francesco Borzaga - Luca Malossini
Corriere del Trentino 17/2/2018

Il centro storico di Trento ha perduto in questi giorni due negozi: un punto vendita di abbigliamento, della multinazionale francese Promod, e una profumeria, della multinazionale tedesca Douglas. Purtroppo si sono persi così diversi posti di lavoro. Sotto un altro aspetto, non credo però che il nostro bel centro storico abbia perduto fascino e attrattiva. La monotona successione di negozi di moda e di profumerie che ormai da diversi anni popola il Giro al Sas non contribuisce a valorizzare laspetto storico e i pregi dei suoi palazzi. Niente è più anonimo dei tanti punti vendita con scintillanti vetrine, tutti uguali per aspetto e contenuto, che possiamo ritrovare in tutti i centri storici delle nostre città.

Per caratterizzare il cuore antico di Trento mi aspetto ben altro, qualcosa che valorizzi la nostra storia e il nostro paesaggio, presentando in primo luogo ciò che il Trentino produce. Vorrei dei negozi meno brillanti magari, però più umani e con un minimo di personalità: librerie, macellerie, pasticcerie e panifici, botteghe artigiane. Sono queste presenze che rendono il centro di Bolzano, pur anchesso in parte sfigurato dalla grande distribuzione, assai più vivo e più interessante in confronto di Trento. Nella nostra città, indicherei come migliore tra quelli rimasti il bellissimo negozio di frutta in piazza del Duomo.

Certamente cambiare è difficile, e però ne vale la pena. Molti degli esercizi che negli anni hanno lasciato il Giro al Sas ne hanno indicato il motivo negli alti affitti richiesti. Ora non è un mistero (mi scuso comunque se sbaglio) che molti degli edifici del centro sono man mano divenuti proprietà di un noto gruppo finanziario trentino. Poiché penso che i rapporti tra il medesimo e le amministrazioni politiche competenti siano buone, qualcosa si potrebbe ben intraprendere. Farò un esempio: nellassai periferica via delle Bettine, la Federazione degli allevatori trentini gestisce un bellissimo punto vendita, sempre affollato, di carni certificate e di molti altri prodotti di origine rigorosamente locale. Qualcosa del genere potrebbe contribuire alla valorizzazione del centro storico. Ancora: si sta cercando un rilancio della cerealicoltura in Trentino. Anche qui un punto vendita, per valorizzare e caratterizzare i prodotti, avrebbe qualche significato. LAlto Adige può offrire al riguardo più di un esempio. Una cosa comunque mi sento di dire: Trento non ha bisogno di altri negozi di moda e di profumerie.
Francesco Borzaga


Caro Borzaga,

parafrasando una celebre battuta, verrebbe da commentare così: È leconomia, bellezza. Il tema che lei pone è serio, nonché sentito, e riguarda quasi tutte le città italiane. Inclusa Bolzano: evitiamo di cadere nel tranello di vedere più verde lerba del vicino, sia perché pure lì abbondano negozi di grandi catene, sia perché in via Alto Adige (a pochi metri da piazza Walther) nascerà tra poco un grande centro commerciale (il Kaufhaus del magnate austriaco Benko). Se non si può pretendere che i proprietari immobiliari rinuncino a parte dei loro guadagni, è lecito invece sollecitare le amministrazioni pubbliche a varare politiche e iniziative capaci di sostenere esercizi legati alle produzioni locali (che pure ci sono sempre più). E comunque, caro Borzaga, perdoni il mio campanilismo, ma il centro storico di Trento rimane ancora uno dei più belli dItalia.
Luca Malossini



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news