LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Gli incoerenti
Paolo Ermini
Corriere Fiorentino 17/2/2018

È inutile illudersi: a Firenze le possibilità che la guerra contro la rendita si concluda senza una sconfitta sono zero, o quasi. La buona volontà non basta per salvare la città da un destino analogo a quello di Venezia. Il centro storico è praticamente già svuotato dei suoi residenti, i negozi di vicinato sono spariti e in compenso trionfa la Firenze che campa (bene) sul turismo. Parliamo del mangificio che ha invaso tutte le strade, piccole e grandi; parliamo dellesplosione di appartamenti adibiti a Airbnb; parliamo dello sbarco di grandi società internazionali che trasformano in strutture del lusso i buchi neri che si erano aperti nel cuore della città, senza però concedere un metro di spazio alledilizia più popolare fatta di case per le famiglie fiorentine.

È la legge del mercato, dirà qualcuno. A ragione. Ma anche i mercati si regolano, alloccorrenza. E qualcuno potrebbe mai eccepire sulla necessità di salvaguardare corpo e anima della nostre città darte, a cominciare da quelle toscane?

La verità è che si è perso troppo tempo. Di fronte alla prepotenza di un fenomeno globale, cè stata una buona dose di indifferenza e unevidente sottovalutazione del rischio. Il Comune ha varato il regolamento che per tre anni impedisce nel quadrilatero lapertura di nuovi locali che vendano cibo, ma quando è scattato lo stop i danni del fast food erano già stati fatti. Ed è stata uninchiesta del nostro Marzio Fatucchi a rilevare che a Firenze cerano 5.775 appartamenti offerti in uso ai turisti, in bianco o in nero, tramite il web. Era il 2015 , non un secolo fa, ma nessuno ne aveva ancora parlato. Un boom di cui nessuno si era accorto. Incredibilmente. Ora sono quasi il doppio.

Ma se questa è una guerra, oggi diamo una notizia ferale dal fronte: loffensiva della rendita ha superato il fiume e attacca lOltrarno. Due palazzi interi di piazza San Felice passano di mano e diventeranno residenze di pregio riservate ai turisti. La farmacia, una farmacia storica anche negli arredi, ha ricevuto lo sfratto. La tecnica non è certo nuova: prima si liberano case e fondi, poi si vende.

E i nuovi proprietari ristrutturano e riaffittano a prezzi stellari. Non certo ai fiorentini.

Si può fermare lassalto allultimo quartiere della città che si possa ancora definire tale? Si può trovare in una legge speciale per Firenze le armi per resistere? Giriamo la domanda ai nostri amministratori e a tutti i candidati fiorentini al Parlamento, Renzi in testa. Non si fanno i parcheggi, non si cacciano gli spacciatori, non si contrasta la malamovida. Ora siamo allultimo atto, lo stravolgimento del tessuto edilizio. Dispiace che lo svuotamento di uno dei palazzi di piazza San Felice sia avvenuto quando la proprietà era del Demanio. E dispiace che alla guida della società che ha comprato limmobile ci sia Lapo Baroncelli, ex presidente dei giovani di Confindustria Firenze e attuale vicepresidente. Ognuno è libero di fare i propri affari, nella legalità (di cui non dubitiamo). Da via Valfonda più volte hanno rivendicato il coraggio di impresa come motore dello sviluppo dinamico e attaccato la rendita immobiliare. Un po di coerenza non guasterebbe.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news