LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il doppio colpo in Oltrarno:È lindustria del turismo
Alessio Gaggioli
Corriere Fiorentino 18/2/2018

Baroncelli e lacquisto di uno degli immobili di piazza San Felice: Anche questo è sviluppo

Lapo Baroncelli, 35 anni, vicepresidente di Confindustria Firenze con delega a smart city e Città metropolitana, è al timone della società che ha rilevato dal Demanio uno dei due palazzi di piazza San Felice che saranno trasformati in strutture ricettive per turisti. Il suo è al civico 3. È il palazzo del Caffè Bianchi, accanto a quello della farmacia (a cui sarebbe già stato comunicato lo sfratto). Due palazzi ormai vuoti da tempo. Due contenitori da risistemare e mettere a frutto. Due simboli della città che non cè più. Caduta sotto loffensiva della rendita che è arriva fino allOltrarno con il dilagare di Airbnb. Il quartiere più cool del mondo secondo i recensori della Lonely Planet. Più cool per chi viene da fuori, non per chi fuori, giorno dopo giorno, è costretto a fuggire.

Ma guardi, per noi quello dellidentità di Firenze è un tema molto caro. Riguarda il futuro della città. E io le parlo non solo da imprenditore, ma da cittadino che è nato e vuole continuare a vivere a Firenze. Per questo le dico che il nostro è un progetto imprenditoriale, non è rendita.

Che differenza cè? Anche voi vi rivolgete solo e soltanto ai turisti.

Cè differenza tra investire in un immobile e avere un immobile e locarlo magari su Airbnb. Noi riqualifichiamo un immobile abbandonato. Recuperiamo una porzione del quartiere. E io sono davvero legato alle attività storiche.

Due palazzi, uno accanto allaltro. Entrambi a finalità turistica. I privati che stanno comprando da una famiglia fiorentina limmobile al civico 2, quello della farmacia, affitteranno appartamenti. Voi, in quanto struttura ricettiva di alto livello, stanze. Ma sempre di turisti stiamo parlando. La vostra non sarà mera rendita come Airbnb, ma al quartiere non porterà un residente in più.

È ovvio e lo dice lei che chi ha investito accanto a noi vuole fare una cosa diversa. Però le faccio io una domanda: se loro ristrutturassero appartamenti per rivenderli cambierebbe qualcosa?.

Se acquistate per viverci, sì. Ma vede, Airbnb è proprio in Oltrarno che ha il massimo della concentrazione di stanze o appartamenti in affitto. E nel vostro albergo verranno solo americani, inglesi o francesi. Il punto sono i fiorentini e la città che campa sul turismo.

Noi con la nostra attività possiamo solo aiutare le vecchie botteghe a non morire. I nostri clienti faranno colazione al Bar Bianchi o andranno in farmacia.

La farmacia sembra che sia già stata sfrattata. Un simbolo e un servizio in meno.

Ma andranno in rosticceria, alla mesticheria storica che sta proprio in piazza. Gli investimenti si possono fare in tanti modi, ma noi conserviamo e valorizziamo palazzi storici che ora non hanno quella funzione che devono avere. Il palazzo di piazza San Felice è abbandonato da una decina di anni con tutti i rischi del caso. Noi abbiamo una concessione di valorizzazione introdotta dalla Finanziaria del 2007, che vuole dire valorizzare il patrimonio dello Stato, riqualificandolo a condizioni di mercato e per creare sviluppo.

Un po di numeri.

Diciassette camere, un bar interno. Tenga conto che siamo una piccola realtà (Baroncelli è presidente della società Xenia che ha investito e gestisce anche Palazzo Rosselli Cecconi e Palazzo Guicciardini, ndr ) e abbiamo una media di 32 anni, 70% donne. E occuperemo anche nel palazzo di piazza San Felice i giovani: vogliamo creare qualcosa che continui nel futuro.

Di questo passo lindustria del turismo a Firenze il futuro ce lha garantito. In quel palazzo ci viveva qualcuno?

Non glielo so dire.

Le caserme che dovevano essere restituite alla città sembrano invece essere ex buchi neri da riempire di turisti. Perché non cè spazio per ledilizia popolare? Business is business?

In realtà no. Una città è smart anche per la capacità di recuperare i buchi neri. A cui però senza attività che facciano vivere il luogo i residenti non si avvicinano. Basti pensare a SantOrsola. Ma guardi però che cè un cambiamento di tendenza.

E quale sarebbe?

Tanti che negli anni 90 sono andati a vivere fuori vogliono tornare dentro. Mancano i luoghi dove poter vivere però.

Lemorragia di residenti del centro degli ultimi 15 anni lo conferma.

Se noi creiamo luoghi che facilitano la vita comune, che favoriscono lincontro, lì si svilupperà la residenza. LOltrarno morirebbe senza attività. Via Santo Spirito, con negozi, bar, uffici e ristoranti è lesempio virtuoso.

Appunto, bar, ristoranti. Pochi residenti.

Noi recuperiamo immobili vuoti, e contribuiamo a spostare flussi turistici anche in Oltrarno, a decongestionare il centro. E le attività in piazza San Felice non vedono lora che arrivi la nostra apertura.

Più fast food, meno farmacie. Firenze sta diventando Venezia. La resa non è nei fatti?

Non saremo mai Venezia, non siamo una città morta dove al centro ci sono solo attività, ma abbiamo una forte identità. Non siamo un museo a cielo aperto. Nellultimo anno e mezzo cè una vitalità mai vista, cè un continuo lavoro sinergico tra istituzioni per recuperare i luoghi perduti e così sarà. Le faccio lesempio della caserma Cavalli, dove Ente Cassa e Comune faranno un incubatore per nuove imprese. Così si rivitalizza un luogo. Vedrà che ci sarà un ritorno alla vita del centro incredibile.

A noi sembra invece che vivere in centro e in Oltrarno sia sempre più faticoso.

Il vero problema sono i parcheggi.

Sarà un problemino anche per voi?

Abbiamo la fortuna che ci sono tanti garage. Però bisogna cambiare mentalità e abitudini. Aeroporto, tramvia, parcheggi scambiatori: si può cambiare. Le auto fuori dove arrivano i mezzi pubblici, il centro davvero pedonale come Barcellona o Londra... Perché a Firenze non si può fare?

Perché ancora cè poco di quello che dice. Ci sarà la tramvia (non in Oltrarno), ma nulla ancora si sa dei bus e di come le persone verranno portate al tram.

Dobbiamo arrivarci.

Quando comincerete i lavori?

Nel 2019. Avremo 17 camere, ci sarà un bar allinterno. Niente di più.

Chi sono i vostri clienti?

Di livello elevato, 95% stranieri, americani, francesi, pochi italiani. È una clientela che vuole vivere la storia. Agli stranieri piace lOltrarno, è un luogo vero.

Speriamo resti così.

Lo spero, come anche via Maggio.

Dove è arrivato un minimarket... Ultima domanda: lei dove abita?

A due passi, fuori dal centro.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news