LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Cembre, nessun passo indietro rispetto al Pgt
Aldo Boifava
Corriere della Sera - Brescia 20/2/2018

Nei giorni scorsi la Giunta ha avviato un piano attuativo in variante al Piano di governo del territorio in risposta alle previsioni di ampliamento richieste dalla Soc. Cembre che come noto è una delle eccellenze industriali, non solo della nostra città, ma anche a livello mondiale e dà lavoro, nella sede di Brescia a centinaia di dipendenti. Prima di affrontare nel merito questa operazione è il caso di ricordare che la materia urbanistica è assai complessa, costellata da leggi, norme e regolamenti che non sempre si prestano ad una facile lettura. Ecco perché prima di esprimere giudizi o valutazioni è opportuno un adeguato approfondimento in quanto una lettura superficiale può portare a conclusioni superficiale o peggio errate. Nel caso specifico della Cembre il provvedimento adottato dalla Giunta per lavvio di un nuovo Piano Attuativo in variante al PGT è stato interpretato - sic e simpliciter - come se si trattasse di un ritorno al PGT di Paroli. No, non è così e spiego il perché. Il nuovo PGT Del Bono /Tiboni, coerentemente con la forte riduzione del consumo di suolo, ha rivisto anche in modo specifico e significativo le norme che riguardano i grandi Poli produttivi. Considerata la specificità di tali realtà il criterio scelto, a differenza del precedente individua le aree allinterno del tessuto produttivo occupate dai grandi recinti industriali della città: lobiettivo è la loro conservazione, efficienza, garanzia di crescita e compatibilità ambientale con il contesto. In particolare la norma attuale consente ampliamenti fino a 1500 m2 di Slp (superfice edificabile) per far fronte a necessità logistiche, mentre interventi necessari per rispondere a esigenze di aumento della capacità produttiva sono possibili, ma vanno assoggettai ad una specifica valutazione di compatibilità. Questa è la regola che il nuovo Pgt ha introdotto e che dà la possibilità di consentire laumento della produzione garantendo nel contempo che questo non avvenga a danno dellambiente e più in generale della convivenza con la città. Dove sta in concreto la differenza tra le precedenti regole e le attuali? Semplice; con il Pgt precedente veniva attribuito un diritto edificatorio a prescindere dalle reali necessità produttive, che nel caso specifico della Cembre era previsto in 40.290 m2 di Slp, mentre con la norma attuale la volumetria che si autorizza è quella prevista da uno specifico Piano Attuativo, concordato con la proprietà, che nel caso in esame prevede una Slp di 14.794 m2. Quindi come risulta evidente anche dai numeri, che danno evidenza di una riduzione di consumo di suolo importante, da 40 a 14 mila circa, non si tratta in nessun modo di una marcia indietro o di essersi rimangiata la scelta fatta con il nuovo Pgt di ridurre il consumo di suolo, bensì si tratta di un approccio diverso e a mio avviso unico percorribile, che riesce a coniugare positivamente le necessità produttive della Società, del cui valore lAmministrazione ha piena coscienza e che non vuole in nessun modo penalizzare e la doverosa verifica di compatibilità ambientale unica strada per garantire una convivenza accettabile, anche in prospettiva tra necessità produttive e il resto della città.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news