LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La folla di Caravaggio. Uffizi, in 2.000 nelle nuove sale
C.D.
Corriere Fiorentino 20/2/2018

Schmidt: Lallestimento? Non è solo per gli studiosi

Il primo giorno di Caravaggio e del 600 agli Uffizi nellallestimento di Eike Schmidt, mentre al cinema va in programmazione il film sullartista con Manuel Agnelli, è un bagno di folla. Lesperimento del direttore delle Gallerie ha aperto ieri gratuitamente il museo per linaugurazione delle sale, in onore dellElettrice Palatina e nel giorno di chiusura è un successo. Tra le 11,30 e le 14,30 entrano circa 2.000 persone. Le ultime vanno via poco dopo le 15. Molte non riescono a entrare e in tanti protestano. Qualcuno a un certo punto ha un malore. Schmidt, che registra un primissimo bilancio più che positivo, dice: Ho voluto un allestimento meno da studiosi e più adatto a tutti e il primo giorno, complice il fatto che si entra gratis, i numeri gli danno ragione.

Le sale hanno capovolto il pregresso allestimento iniziato nel 2011, mescolato opere di varie scuole, cambiato modalità di illuminazione e colore base su cui esse si poggiano. Questa operazione dice Schmidt è costata un po meno di 300 mila euro. I circa 100 mila utili a illuminare le sale con nuovi criteri (non più luce diffusa ma diretta sulle singole opere) sono stati offerti dagli Amici degli Uffizi. I pezzi scelti sono 50 in tutto e sono esposte con unilluminazione più scenografica delle precedente osserva Cristina Acidini rispetto a quando si preferiva una filosofia con effetti meno enfatici. Ma cosa è davvero cambiato con lavvento della visione del tedesco Schmidt? Nel 2011 furono inaugurate, dallallora direttore Antonio Natali e dalla stessa Cristina Acidini che era Soprintendente, le sale blu dove venivano esposte le opere degli stranieri, spagnoli, olandesi, fiamminghi collezionate dai Medici e, in quelloccasione tirate fuori, per la gran parte, dai depositi e cè chi si chiede la ragione di questo nuovo allestimento a così breve distanza di tempo Ora parte di quelle stesse opere hanno raggiunto Caravaggio, Artemisia Gentileschi, Carlo Dolci, e il nostro 600 a dimostrare le connessioni tra i nostri artisti e le scuole straniere coeve e leclettica curiosità dei Medici che collezionavano senza logiche territoriali. Io aggiunge il direttore ho voluto togliere gli stranieri dal ghetto. Fatto questo preambolo scendiamo nel dettaglio per capire con quali opere queste connessioni sono state mostrate tenendo a mente che tutte sono state disposte su un fondo cremisi molto drammatico e che per questo lavoro Schmidt ha lavorato con larchitetto Antonio Godoli e con tre curatrici del museo: Francesca de Luca, Matilde Simari e Anna Bisceglia. La prima sala, Tra realtà e magia è il titolo, è come unintroduzione a quello che verrà. Maestri del tardo cinquecento raccontano lattenzione dellarte veneta o bolognese per un nuovo naturalismo è un po lantefatto del Caravaggio spiega Francesca de Luca. Tra gli artisti Annibale Caracci Ritratto duomo con Scimmia o Venere, satiro, satiretto e amorino coi suoi sussulti contro il manierismo; Paris Bordon con un bel ritratto di Uomo con Pelliccia e Dosso Dossi che, dalla corte di Ferrara, porta una grottesca Allegoria di Ercole in cui fanno effetto i volti fortemente caratterizzati dei personaggi. La sala successiva è quella di Caravaggio e Artemisia. Purtroppo manca il Sacrificio di Isacco del maestro (in prestito sino a giugno a Forlì) e al suo posto cè una Incredulità di San Tommaso , una copia da Caravaggio, che è esposta insieme con la Giuditta che taglia la testa a Oloferne di Artemisia, a significare come il nuovo naturalismo dellartista si diffuse a Roma, e con un Davide e Golia del bolognese Guido Reni, fino a ieri in deposito. La parte del leone la fa lambiente che ruota intorno alla Medusa . Lo scudo del Caravaggio è accostato allArmida di Cecco Bravo e ha al suo fianco un altro scudo, questa volta metallico, dellArmeria medicea. Laltra sala ruota attorno al Bacco di Caravaggio: uno splendido Vaso di Fiori di Carlo Dolci e a una Natura morta di Velasquez lasciano il posto a rappresentazioni di cacciagione dei fiorentini Empoli e Dandini. Tra le sale più belle quelle dedicate alla nascita della pittura illuminata dalla luce delle candele. La Carità Romana di Bartolomeo Manfredi si accosta allAdorazione del Bambino e alle cene di Gherardo delle Notti. Seguono i ritratti con Rubens, Van Dyck, Rembrandt con il suo Rabbino in primo piano. Nellultima sala ecco Sustermans, ritrattista di corte, col suo Galileo ma anche col ritratto di Cosimo II e la moglie Maria Maddalena dAustria e il figlio Ferdinando II accostato a tre figure di contadine.



news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news