LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi. La rivoluzione del racconto. Vale lepoca non il passaporto
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 20/2/2018

Se studiate la piantina del Louvre la prima cosa che vi salterà allocchio è che di questa nuova concezione su cui si poggia lallestimento delle sale secentesche agli Uffizi non cè traccia. Allinterno di una disposizione diacronica (arte antica con arte antica, moderna con moderna...), le opere sono divise per scuole: per dire Beato Angelico sta nella stessa sezione di Botticelli, Leonardo, Caravaggio, mentre gli spagnoli El Greco, Zurabàn, Murillo e Goya stanno tra loro in una carrellata che copre dal Quattrocento allOttocento e così via : pittura del nord con pittura del nord, con criteri di appartenenza geografica.

Qualcosa di simile accade alla Gemäldegalerie: la pinacoteca di Berlino con opere di artisti europei dal XIII al XVIII secolo pone in una sezione tutta sua la collezione italiana (con opere del Beato Angelico, di Bellini, dello stesso Caravaggio o del Correggio), dedica una sezione alla pittura tedesca dal XIII e XVI secolo, mixa opere di francesi e spagnoli, e qualche tedesco più tardo. Qualcosa di diverso e in fondo di più simile alla sperimentazione di Eike Schmidt per il 600 fiorentino fa la National Gallery di Londra che ha una sezione dedicata ai Dipinti dal XIII al XV secolo - Primo Rinascimento (con Bellini e Botticelli ma anche Memling e Van Eyck) una per i Dipinti del XVI secolo -Tardo Rinascimento e Manierismo (con Bronzino, Bruegel, Holbein, Michelangelo, Tiziano, Veronese) una per il Barocco (ci sono opere di Caravaggio Rubens e Van Dyck per esempio).

È evidente che limpianto voluto da Schmidt sia più di derivazione anglosassone. Anche se lui tiene a specificare: Per questo allestimento mi sono ispirato a tre cose: alleclettico gusto dei Medici che collezionavano capolavori senza pregiudizi geografici; allinsegnamento di un vecchio direttore degli Uffizi, quel Roberto Salvini che, nel dopoguerra, fu il primo a intuire il bisogno di mettere assieme opere coeve di autori di diversa provenienza accostando Botticelli al Trittico Portinari del fiammingo Hugo van der Goes, cosa che nella sala Botticelli io ho lasciato e infine dalla voglia di dare una più facile leggibilità a questo periodo dellarte. Non esattamente la stessa cosa accade nei musei americani dove, in generale, si seguono altri criteri: ampio spazio è dedicato allarte antica, poi allarte moderna con grande copia di impressionisti francesi e poi derivazioni americane, per finire con zoom sul contemporaneo o sulle collezioni specifiche: quelle dedicate allarte africana, o asiatica.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news