LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Incontro con lantiquario Gianfranco Luzzetti nella casa in Borgo San Jacopo Il Fai garantirà un futuro alle mie opere. E una parte della collezione andrà a Grosseto
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 20/2/2018

La mia torre sarà museo

Gli anni più belli, quelli di via Montenapoleone a Milano, sono un dolce ricordo così come gli Agnelli, i Mondadori, i Rizzoli, i Barilla, tutti signori di cui ha curato le collezioni e a cui ha arredato le case. Da metà degli 80 Gianfranco Luzzetti, lantiquario che ha fatto della dugentesca torre degli Angiolieri la sua dimora-museo, vive a Firenze. Ed è a Firenze che ha deciso di lasciare gran parte della sua collezione che darne una stima sarebbe svilire il senso di una vita trascorsa ad aggiudicarsi Botticelli, Ghirlandaio Vasari, Giambologna, Dolci, del Sarto con un smania che lui racconta così: Ogni opera è come un amante. Lo vuoi conquistare, poi una volta che ce lhai, certo continui ad amarlo, ma sei pronto per tradirlo con un altro.

Questi amanti sono andati a costituire un patrimonio immenso, ma soprattutto di immensa bellezza destinato a restare. Un patrimonio che, per una parte, però, andrà a trasferirsi a Grosseto: una cinquantina degli oltre 300 quadri. Il trasbordo arriverà presto, probabilmente già entro il prossimo autunno. Subito dopo che la città, ad agosto, gli consegnerà il Grifone doro. E segnerà la prima delle due donazioni su cui sta lavorando questo 85enne signore, che, instancabile, adesso sta anche scrivendo le sue avventurose vicende biografiche (usciranno, illustrate, per le edizioni Le Lettere). La seconda donazione, quella destinata a Firenze arriverà a seguire racconta e sarà a favore del Fai. Volevo che la mia collezione restasse qui dove vivo e dove ogni pezzo mi ha accompagnato come un figlio. Con loro sto sottoscrivendo un accordo che garantisce ognuno di questi miei amanti. Il Fondo per lambiente italiano sarà tenuto a trasformare la casa in un museo, il museo Luzzetti, dove ogni quadro, ogni arredo ogni libro non andrà spostato di un centimetro e il cui piano terra, che oggi ospita lo studio dellantiquario, dovrà essere animato con mostre temporanee, spettacoli, presentazioni di libri.

Ma andiamo per gradi, perché è per parlarci del sogno avverato che lo porta a Grosseto che Luzzetti ci ha invitato a trascorrere una fredda mattinata dinverno al cospetto di una Madonna con bambino di Botticelli unaltra (con San Giuseppe San Sebastiano e angeli) di Bellini o a una Scacciata dal Tempio di Rubens. Lasciare qualcosa di grande nella mia Maremma era il mio sogno dice Luzzetti. E qui va fatta una digressione, prima di essere antiquario, Luzzetti, uno che si è fatto da sé prestando il suo bellissimo volto anche a famosi fotoromanzi, era il quinto di sei figli di una semplice famiglia di Giuncarico. Qui ho trascorso una bellissima infanzia ricorda ed è qui che voglio ci sia una parte di me, non proprio a Giuncarico ma a Grosseto sì, per fare uscire dalle paludi di nuovo (ride ndr .) una terra che poco ha fatto per crescere in capacità di veicolare cultura. Eppure qui siamo al centro dellEtruria.

La sua trattativa con la città è durata 20 anni e si è spalmata su quattro amministrazioni. Lunico a fargli una proposta sensata, nel passato cera chi gli aveva offerto di lasciare i quadri in un piano dismesso di un vecchio liceo, è stato il sindaco Anton Francesco Vivarelli Colonna. Si è sensibilizzato racconta dopo aver letto la paginata che tempo fa il Corriere della Sera mi ha dedicato. Linaugurazione al piano terra del complesso delle Clarisse è prevista ad autunno prossimo. Per ora sono in procinto di partire dei lavori di climatizzazione, illuminazione e adeguamento, finanziati grazie a 450 mila euro della Fondazione Cr Firenze e ad altri 100 mila che arrivano dal ministero dei Beni Culturali. Sarà la prima pinacoteca della città nota solo per il museo archeologico. E del complesso espositivo dedicato alla collezione Luzzetti farà parte anche la chiesa dei Bigi. Un esempio di barocco grossetano dice lantiquario che voglio abbellire di quadri coevi. E qui si entra nel cuore della collezione, almeno di quella destinata a Grosseto. Per dire sullaltare di questa chiesa sconsacrata andrà un pala che rappresenta una Resurrezione del Passignano, (1.559 1638), un olio su tela di grandi dimensioni (105 per 85,5) che il donatore ha acquistato proprio in vista di questa collocazione. Ma tra le opere scelte ce ne sono molte altre e, ognuna con la sua storia. Cè il modello per lErcole del Giambologna (XVI secolo). Una statua di piccole dimensioni che oggi sta in un disimpegno tra le due ali del piano nobile della sua residenza e che ricorda ho comprato nel 92 da un antiquario in Bosnia. Lui non sapeva neanche quale gioiello aveva tra le mani. Non basta: giù a Grosseto vedremo anche una bella e giovanissima Madonna con bambino del senese Rutilio Manetti (1571-1639). Anche questa con una storia speciale: Luzzetti lha inseguita per decine di anni. La prima volta la vidi nel 47 poi, asta dopo asta, ho dovuto attendere fino al 2009 per comprarla, ci tenevo in particolar modo, perché era stata commissionata dal vescovo di Grosseto, Tantucci, come si evince dallo stemma. Sono riuscita ad acquistarla tramite Pandolfini. E poi ci sarà una Madonna con angeli e Santi di Francesco Curradi (1570-1661), una dolcissima Madonna col bambino del quattrocentesco Antonio Rossellino e due belle vedute ottocentesche di Károly Markó.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news