LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Maastricht. Una vetrina per lItalia intera. Qui ci giochiamo la credibilità
Beba Marsano
Corriere della Sera 22/2/2018

I galleristi di casa nostra puntano su lavori cercati e restaurati ad hoc

Tefaf di Maastricht? Come il Cern di Ginevra. Un acceleratore nucleare. In termini di dirompente forza di impatto, circolazione di idee, concentrazione di intelligenze e conoscenze per confronti ad altissimo tasso di energie. Tutti concordi i 23 galleristi italiani, presenti questanno alla fiera che la stampa internazionale ha definito come il più ricco forziere del mondo e che ha fatto del capoluogo del Limburgo la città più visitata dOlanda, subito dopo Amsterdam.

Un appuntamento assolutamente unico, che condensa la storia stessa dellumanità e, in una società segmentata in specializzazioni, polverizza il concetto di settoriale per offrire qualsiasi cosa nata sotto il segno della Bellezza, dallarte cicladica allAstrattismo, fino al design. Parola di Davide Mazzoleni, alla guida delle gallerie di Torino e Londra votate alle avanguardie, che si presenta con una selezione di opere del Novecento italiano, da Balla e Savinio a Bonalumi, passando per le plastiche di Burri e le pietre di Fontana.

Tefaf è la più perfetta espressione del nostro tempo, afferma Alessandro Cesati con sede a Milano, nome di riferimento per i metalli antichi e la scultura a tutto campo. Oggi è anacronistico parlare di tendenze; il collezionismo non è più monotematico, ha una vocazione fusion, neo-eclettica, e spazia tra epoche anche molto distanti tra loro per il piacere di affiancare una testa archeologica a Duchamp e Pollock, inserendo magari un bronzetto rinascimentale. E nel segno di questa versatilità, Cesati porta a Maastricht un capitello del XIII secolo, angeli rinascimentali in marmo e una rarissima cassa-forziere asburgica in legno e rame dorato.

Severissimi i criteri di selezione, che rendono lammissione a Tefaf una patente di qualità, un riconoscimento di serietà, un punto di arrivo, insomma, per ogni grande mercante. Il giorno precedente lapertura, a porte chiuse, un consiglio di esperti passa di stand in stand munito di carrelli, come al supermercato, e con molta disinvoltura butta dentro tutto ciò che non risponde a massimi requisiti di idoneità, dice Alberto Di Castro, quarta generazione di antiquari romani, da cui hanno acquistato musei quali il Louvre o il Metropolitan, e primissimo italiano a esporre a Tefaf nel 1997. Capii subito che si trattava di una vetrina straordinaria; non soltanto per il singolo gallerista, anche per limmagine del nostro Paese nel mondo. Allora come oggi. Da noi continuano a cercare il sogno, lItalia del Grand Tour. E questanno Di Castro arriva con un pezzo da novanta, un capolavoro del vedutista Viviano Codazzi realizzato per papa Alessandro VII Chigi: Darsena di Civitavecchia, progetto del Bernini di cui non esiste quasi memoria, se non in questa tela.

Pezzi dalto rango per un palcoscenico di prima grandezza. Un teatro per il quale ogni mercante si prepara di anno in anno con ricercati allestimenti (i giochi di luce di Cesati, per far vivere ogni opera della propria unicità) e una ponderata, a volte sofferta, selezione di lavori, cercati e spesso restaurati per loccasione.

Così ha fatto Walter Padovani, una garanzia per la scultura barocca italiana, per la prima volta a Maastricht in veste di espositore. Mi sento come un esordiente, confessa dallo showroom di Milano. La scelta per il debutto? Unantologia di lavori inediti, che non provengono dal mercato, bensì da collezioni private. Come due marmi rinascimentali di Cristoforo Solari, attivo nel cantiere del Duomo di Milano, e un paio di terrecotte secentesche, di cui una dellAlgardi. La selezione è decisiva; con una manciata di pezzi ci si gioca la credibilità di una vita intera.

E con un pubblico costituito dal gotha del collezionismo mondiale, che sbarca a Tefaf con aerei privati. Un preziosissimo serbatoio di contatti, un investimento a lungo termine; qui si viene per costruire rapporti duraturi nel tempo, confida Mazzoleni. Il valore aggiunto rispetto alle altre fiere del settore? Lassenza di distrazioni. Maastricht non è New York, non è luogo dove si passa per caso o per fare anche altro; la sua marginalità contempla un atto di volontà. A Maastricht si va per andare a Tefaf.



news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news