LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Maastricht. Una vetrina per lItalia intera. Qui ci giochiamo la credibilità
Beba Marsano
Corriere della Sera 22/2/2018

I galleristi di casa nostra puntano su lavori cercati e restaurati ad hoc

Tefaf di Maastricht? Come il Cern di Ginevra. Un acceleratore nucleare. In termini di dirompente forza di impatto, circolazione di idee, concentrazione di intelligenze e conoscenze per confronti ad altissimo tasso di energie. Tutti concordi i 23 galleristi italiani, presenti questanno alla fiera che la stampa internazionale ha definito come il più ricco forziere del mondo e che ha fatto del capoluogo del Limburgo la città più visitata dOlanda, subito dopo Amsterdam.

Un appuntamento assolutamente unico, che condensa la storia stessa dellumanità e, in una società segmentata in specializzazioni, polverizza il concetto di settoriale per offrire qualsiasi cosa nata sotto il segno della Bellezza, dallarte cicladica allAstrattismo, fino al design. Parola di Davide Mazzoleni, alla guida delle gallerie di Torino e Londra votate alle avanguardie, che si presenta con una selezione di opere del Novecento italiano, da Balla e Savinio a Bonalumi, passando per le plastiche di Burri e le pietre di Fontana.

Tefaf è la più perfetta espressione del nostro tempo, afferma Alessandro Cesati con sede a Milano, nome di riferimento per i metalli antichi e la scultura a tutto campo. Oggi è anacronistico parlare di tendenze; il collezionismo non è più monotematico, ha una vocazione fusion, neo-eclettica, e spazia tra epoche anche molto distanti tra loro per il piacere di affiancare una testa archeologica a Duchamp e Pollock, inserendo magari un bronzetto rinascimentale. E nel segno di questa versatilità, Cesati porta a Maastricht un capitello del XIII secolo, angeli rinascimentali in marmo e una rarissima cassa-forziere asburgica in legno e rame dorato.

Severissimi i criteri di selezione, che rendono lammissione a Tefaf una patente di qualità, un riconoscimento di serietà, un punto di arrivo, insomma, per ogni grande mercante. Il giorno precedente lapertura, a porte chiuse, un consiglio di esperti passa di stand in stand munito di carrelli, come al supermercato, e con molta disinvoltura butta dentro tutto ciò che non risponde a massimi requisiti di idoneità, dice Alberto Di Castro, quarta generazione di antiquari romani, da cui hanno acquistato musei quali il Louvre o il Metropolitan, e primissimo italiano a esporre a Tefaf nel 1997. Capii subito che si trattava di una vetrina straordinaria; non soltanto per il singolo gallerista, anche per limmagine del nostro Paese nel mondo. Allora come oggi. Da noi continuano a cercare il sogno, lItalia del Grand Tour. E questanno Di Castro arriva con un pezzo da novanta, un capolavoro del vedutista Viviano Codazzi realizzato per papa Alessandro VII Chigi: Darsena di Civitavecchia, progetto del Bernini di cui non esiste quasi memoria, se non in questa tela.

Pezzi dalto rango per un palcoscenico di prima grandezza. Un teatro per il quale ogni mercante si prepara di anno in anno con ricercati allestimenti (i giochi di luce di Cesati, per far vivere ogni opera della propria unicità) e una ponderata, a volte sofferta, selezione di lavori, cercati e spesso restaurati per loccasione.

Così ha fatto Walter Padovani, una garanzia per la scultura barocca italiana, per la prima volta a Maastricht in veste di espositore. Mi sento come un esordiente, confessa dallo showroom di Milano. La scelta per il debutto? Unantologia di lavori inediti, che non provengono dal mercato, bensì da collezioni private. Come due marmi rinascimentali di Cristoforo Solari, attivo nel cantiere del Duomo di Milano, e un paio di terrecotte secentesche, di cui una dellAlgardi. La selezione è decisiva; con una manciata di pezzi ci si gioca la credibilità di una vita intera.

E con un pubblico costituito dal gotha del collezionismo mondiale, che sbarca a Tefaf con aerei privati. Un preziosissimo serbatoio di contatti, un investimento a lungo termine; qui si viene per costruire rapporti duraturi nel tempo, confida Mazzoleni. Il valore aggiunto rispetto alle altre fiere del settore? Lassenza di distrazioni. Maastricht non è New York, non è luogo dove si passa per caso o per fare anche altro; la sua marginalità contempla un atto di volontà. A Maastricht si va per andare a Tefaf.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news