LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Umberto Allemandi. Chiudere una biblioteca ? Come picchiare un bimbo
Barbara Notaro Dietrich
Corriere della Sera - Torino 22/2/2018

Umberto Allemandi compie ottantanni e si racconta: i suoi libri, linutilità delle fiere, Torino museo a cielo aperto

La camicia è acquamarina. Il colore che da sempre identifica la Umberto Allemandi editore. Ma non è voluto. Mentre è voluto portare al collo, sotto la camicia, una catenina doro. Appesa la fede della prima moglie che non è più. Al dito invece quelle della seconda. Una del giorno del matrimonio, laltra Trinity di Cartier. Il prossimo 9 marzo Umberto Allemandi girerà la boa delle 80 primavere. Ma non abbandona il campo. Anche se sono in pensione da 10 anni con la bellezza di 62 anni di marchette come si diceva un tempo.

Primi lavori?

Direttore editoriale del cavalier Bolaffi, Giulio, la cui azienda è passata a Mondadori e pure io. Con i soldi della liquidazione ho fondato questa casa editrice. Con qualche amico, qualche collezionista e altri pazzi.

Perché pazzi?

Non si guadagna se si vuol mantenere alta la qualità. Io non sono mai stato un imprenditore. Lo sono diventato.

Eppure ha mantenuto la stessa linea nel tempo. Volumi di altissima qualità e pubblicazioni che han fatto conoscere Torino nel resto del mondo. Il suo è lunico progetto culturale cittadino veramente internazionale.

Questo lo dice lei e mi fa piacere. Io mi sento un residuato bellico. Di un tempo che non cè più.

Anche questa piazza Emanuele Filiberto ricorda la Parigi di un tempo.

Sì. Esattamente. Ci sono venuto prima a vivere e poi ho spostato la casa editrice.

Che prima era in via Mancini dove cè stato anche un incendio, pare, doloso.

Sì. Ma non ho capito perché. Pago tutti. Magari poco, ma pago. E lultimo marito geloso risale a unepoca assai lontana. Da quellincendio è nata una delle emozioni più significative della mia vita.

Cioè?

Un giorno il direttore della Biblioteca Nazionale mi ha portato nel sancta sanctorum. E mi ha fatto vedere delle specie di pietre antracite. Era quel che restava dei libri arsi nellincendio del 1904. Grazie a una tecnica messa a punto dal politecnico di Milano si è riusciti a ricomporli come erano. Poi mi ha chiesto di girarmi e ho visto un grande scaffale con i miei libri: Li ho fatti mettere qui mi ha detto dopo lincendio. Perché almeno una copia va serbata.

Che cosa altro la emoziona?

La bontà. Penso spesso allabbraccio di Nietzsche alla statua del cavallo. Che nasceva dallaver visto un vetturino frustare il suo.

Lei sorride sempre.

So anche infuriarmi. Però la vita e i rapporti umani devono vivere di questo: ascolto, comprensione e compromessi. E vorrei essere più attento. Con quelli che non osano chiedere ma hanno bisogno.

Per che cosa allora si infuria?

I pregiudizi. E la superficialità che è figlia del pregiudizio.

Ha molti amici?

Sono un uomo fortunato. Ne ho avuti tanti e guardi che non mi riferisco alle conoscenze. Oggi tutti sono amici di tutti. Uno dei mie più grandi amici era Armando Testa. Quelli che senti la sera così e dici: che si fa? Era un uomo instancabile. Di una creatività assoluta. Mi ricordo certe maratone, per esempio a New York, per gallerie e musei. Ancora alle otto di sera era capace di trascinarti in giro dopo una giornata in cui non si era fatto altro. E, a proposito di bontà, quando un giorno gli chiesi che cosa lo colpiva di più, mi diede proprio questa risposta.

Non ha mai pensato di produrre mostre?

Assolutamente no. Lo trovo ripugnante come la politica. Non potrei mai farlo.

Che cosa pensa della chiusura della biblioteca della Gam?

Chiudere una biblioteca è come picchiare un cane. Come picchiare un clochard o un bambino.

Però è anche vero che il pubblico ha sempre meno soldi a disposizione. E spesso si fanno mostre blockbuster per finanziare iniziative che attirano meno persone o sono di sostegno ad altro.

Bisogna avere dei criteri. E che siano chiari. A Torino si son fatte mostre epocali. Abbiamo fatto girare i capolavori della Sabauda quando ha chiuso per restauro e il cambio di sede. Se le compriamo fuori, le mostre, perdiamo tutta la nostra capacità. Lo dissi anche a Fassino.

Che cosa?

Abbiamo smesso di fare le macchine e di fare le mostre.

Lo sostiene anche Tommaso Montanari.

Sì. Il masaniello. Vede, si trova un argomento facile e lo si cavalca. Come dice il mio amico Carlo Ossola, si parla alla trippa non alla mente. Bisogna parlare allintelligenza della gente.

In che modo?

Prenda la settimana dellarte contemporanea. Interessante. Bella. Ma si va al cinema tutto lanno non perché cè un determinato festival. Ecco le fiere, del cioccolato, dellarte, del vino servono solo a chi non sa che fare il sabato o la domenica.

Quindi auspicherebbe che la gente entrasse ai musei tutto lanno. E quale preferisce di Torino?

Molti. Tanti son bellissimi. Quelle mele del Museo della frutta per esempio. Ma poi.

Che cosa?

Tornavo dallaeroporto ieri e ho visto piazza dellArsenale, come lha vista De Chirico. Lo sa no, che quelle sua piazze metafisiche son quelle di Torino, con quelle case e montagne di fondo. E i portici anche. E mi son detto: un museo a cielo aperto.

E le mostre, quale la sua preferita?

Quella della Venaria a marzo sui nostri grandissimi Prinotto, Piffetti. Quello è stato il nostro Rinascimento. Capolavori unici.

Lei ha contribuito alla donazione della collezione di Federico Cerruti. È vero quel che si dice e cioè che a Torino ci siano opere darte meravigliose in collezioni private.

È vero. Forse le più belle dEuropa. Ma è vera anche unaltra cosa: i più grandi collezionisti torinesi avevano locchio.

Quello degli Zeri, dei Paolucci, dei Longhi?

Esatto. Penso a Gualino, a Tazzoli, banchieri e mercanti. Allingegnere Gigi Quaranta. A Guido Bertero, a Brignone a Marco Rivetti.

Si dice che lei sia uno delle tre persone che possiede la chiave della sagrestia di Banca dItalia?.

È così. Ho preso il posto di Gianni Merlini della Utet.

Che cosa farà nei prossimi ventanni?

Non desidero più nulla. È ora che smetta perché vede, per andare avanti bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno, essere ottimisti. Mi interessano ormai pochissime cose.

È diventato cinico?

No. Solo scettico. Parecchio.



news

17-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news