LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Friuli. Fondi Mibact: la Soprintendenza è pronta a gestire i soldi
Silvia De Michielis
http://www.ilfriuli.it/articolo/Cronaca/Fondi_Mibact-points-_la_Soprintendenza_è_pronta_a_gesti

Si attende che i 37 milioni stanziati dal Ministero per il Fvg siano trasferiti. Sarà Roma a decidere chi li dovrà gestire



Nei giorni scorsi, il Ministero per i beni culturali ha stanziato un vero e proprio tesoretto per il Fvg. Ben 37 i milioni di euro che, tra il 2018 e il 2022, consentiranno 27 interventi in 12 località. Una cifra imponente, che potrebbe consentire, in molti casi, una vera e propria svolta per molti siti culturali regionali. La domanda che tutti si pongono, però, è: chi gestirà questi fondi? E, soprattutto, quando partiranno i cantieri?

La Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia fa sapere di essere pronta. Si tratta di avviare quanto prima i lavori, a fronte della disponibilità immediata dei fondi. Attendiamo che sia Roma a decidere se debbano essere gestiti dal Segretariato regionale o direttamente dagli Istituti che ne hanno fatto richiesta, spiega il Soprintendente regionale Corrado Azzollini. Noi siamo pronti. Non è da escludere, però, vista la tipologia dei lavori finanziati, che riguardano, in molti casi, la vulnerabilità sismica degli edifici, che possano essere coinvolti anche professionisti con conoscenze specifiche di strutture edilizie storiche, continua Azzollini.

Su 27 interventi inseriti nel pacchetto del Mibact, ben 21 erano stati richiesti proprio dalla Soprintendenza, per un totale di 25.310.000 euro. Quasi la totalità delle nostre istanze, anche per beni di proprietà non statale, spiega ancora Azzollini, sono state accolte.

I beni si trovano nella Bassa Friulana e nelle province di Gorizia e Trieste che non erano state danneggiate dal terremoto del 1976 e, in precedenza, non erano state sismicamente classificate. Solo recentemente, infatti, il rischio sismico è stato esteso a tutto il territorio della Regione. I siti dellAlto e Medio Friuli, in provincia di Udine e Pordenone, erano stati già oggetto, dopo lorcolat, di significativi interventi di recupero e consolidamento antisismico da parte della Soprintendenza, della Regione e della Curia Arcivescovile di Udine.

Di seguito lelenco dei beni per i quali la Soprintendenza ha richiesto i finanziamenti. Aquileia: Casa Bertoli, Basilica e campanile; Cividale: Duomo e campanile, Chiesa e campanile di San Martino; Gemona: Chiesa di San Giovanni; Gorizia: Complesso ex Cinema teatro Stella Mattutina; Grado: Basilica di SantEufemia; Marano Lagunare: Torre civica; Moggio Udinese: Chiesa Santo Spirito; Palmanova: Porta Udine; Premariacco: Villa Cernazai Pontoni; Ruda: Amideria Chiozza; Trieste: Palazzo Economo, Magazzino 20 in Porto Vecchio, Chiesa di Notre Dame de Sion, Faro della Vittoria, Villa Necker, Parco di Miramare, castelletto e case ex custodi, Villa Cosulich; Udine: Chiesa di Santa Chiara, ex Caserma Savorgnan (futura sede dellArchivio di Stato e del Polo archivistico).

IL MAGAZZINO 20. Uno dei 21 beni per i quali la Soprintendenza ha richiesto e ottenuto fondi per la verifica del rischio sismico, la riduzione delle vulnerabilità e il restauro, per una cifra corrispondente di 1.350.000 euro, è il Magazzino 20, in Porto Vecchio, a Trieste, per il quale è in elaborazione già da alcuni mesi un progetto per la realizzazione di un Centro per larcheologia del Fvg, con il sostegno del Comune di Trieste, proprietario dellimmobile, e della Regione.

Il progetto, per il momento in attesa dellAtto di Concessione trentennale da parte dellAmministrazione comunale, prevede, con la messa in sicurezza e ladeguamento degli spazi, la creazione, al piano terra, del deposito per i reperti archeologici di pertinenza della Soprintendenza, provenienti dagli scavi su territorio regionale, un patrimonio in continuo accrescimento e che ha necessità di trovare unadeguata sistemazione.

La finalità è quella di realizzare dei depositi attivi che si prestino non solo allottimale e unitaria conservazione dei reperti ma anche alle attività di studio, catalogazione, restauro e valorizzazione. E, infatti, il progetto per il Magazzino 20 prevede anche uffici per la catalogazione, laboratori di diagnostica e di restauro, aule didattiche, spazi per esposizioni temporanee. La volontà è di creare un centro di studio e di formazione che diventi non solo il punto di riferimento per lItalia settentrionale ma che abbia anche un respiro transfrontaliero, coinvolgendo i Paesi confinanti. Su questo progetto gli interlocutori della Soprintendenza sono il Comune e la Regione.

Una quota del piano terra del Magazzino 20 sarà attrezzata, anche, come zona di ricovero delle opere darte in caso di calamità naturali o di eventi ad alto impatto.



news

22-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news