LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. San Felice, la farmacia di
Edoardo Lusena, Giuseppe Di Natale
Corriere Fiorentino 23/2/2018

È la farmacia di Amici miei (si può sfrattare il Mascetti?)
La scena delle pastiglie di cefalo, tra arredi di inizio 800

La farmacia fa il suo ingresso sullo schermo verso la metà del film: in piena notte il Mascetti fugge dal miniappartamento in cui vive con la moglie e la figlia in cerca della storica amante Titti. Povero in canna deve però prima trovare il modo di telefonarle. Ecco il colpo di genio con supercazzola: arriva con la scarcassata auto da via Romana, parcheggia in piazza San Felice e chiede alla perplessa farmacista delle compresse di cefalo. Lei perplessa suggerisce: Compresse per la cefalea?. No, proprio di cefalo ribatte Mascetti e per risolvere il dilemma chiede di poter telefonare al dottore, scroccando così la chiamata allamante mentre la macchina da presa indugia su quegli arredi arrivati identici a oggi. Tanto da fare di piazza San Felice una tappa dei tour degli appassionati di Amici miei in cerca delle vere location. Basterebbe questo cameo per tentare di salvare la farmacia che ha ricevuto la disdetta del contratto perché il palazzo in cui si trova ospiterà presto appartamenti per turisti. Quel che è certo è che dietro le battaglie dei residenti dellOltrarno non cè solo il timore di perdere un servizio uno dei tanti che stanno scomparendo dal centro ma un pezzo di storia.

Non solo cinematografica, ma storia vera e propria: alcuni documenti darchivio riportati nel volume Farmacie storiche in Toscana (Polistampa, 1998) attestano lesistenza, fin dal 1427, di una spezieria in piazza San Felice. Dalla fine del Settecento le vicende di questa antica spezieria si intrecciano con quelle della spezieria granducale spostata da Palazzo Pitti proprio in piazza San Felice al civico 2, di proprietà dello Scrittoio delle Fortezze e Fabbriche Lorenesi, costruito su progetto dellingegnere e architetto Pasquale Poccianti. Il negozio attuale è quindi databile agli anni che vanno dal 1805 al 1837 poiché, come emerge dal catasto del 1837, risulta proprietario e gestore Gaspero Puliti di Giovacchino che, già speziale di corte, aveva aperto al pubblico la propria farmacia.

Larredo della sala di vendita, formato dal banco e da una scaffalatura in legno bianco quelli a cui si presenterà anche il Mascetti è certamente ottocentesco, mentre più interessante è il retro che potrebbe presumibilmente risalire allepoca granducale e che è composto da ripiani e mensole con colonne, timpani con scritte, trabeazioni, capitelli e fregi, che terminano in alto con una serie di vasi e busti di notevole qualità. Di pregio anche il banco a forma di fagiolo con cassetti e un piano in marmo di Carrara e tanti pezzi in vetro e ceramica del diciannovesimo e inizio del ventesimo secolo. E che ora potrebbero sparire. Anche dalle mappe dei tour di Amici miei .



news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news