LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAntimafia ne è sicura: il capolavoro di Caravaggio fu venduto da Gaetano Badalamenti
FRANCESCO GRIGNETTI
Pubblicato il 23/02/2018 LA STAMPA


La Natività fu asportata nellottobre del 1969, fatta a pezzi, e venduta in Svizzera a ignoti collezionisti. Occorrerà una forte cooperazione giudiziaria e intergovernativa a livello internazionale per ritrovarla


ROMA
Ottobre 1969, quasi cinquantanni fa. Nella notte, ignoti ladri si introducono nellOratorio di San Lorenzo dove riposa un capolavoro di Caravaggio. La celebre Natività, incastonata nei decori della chiesa palermitana fin dal lontano 1609. Quella notte i predoni dellarte tagliano la tela dal supporto e se la portano via. Da allora ci si interroga su dove sia finito il quadro. Se esista ancora. Se sarà mai possibile riportarlo a casa. Ecco, lultima Relazione dellAntimafia, presentata da Rosy Bindi al Senato, ci dice che il quadro esiste, anche se è stato fatto a pezzi e poi venduto al mercato nero dei collezionisti. E quindi ci sono ancora speranze di riaverlo indietro.



La Commissione parlamentare dinchiesta si è impegnata in modo particolare per capire la sorte della Natività. Sono stati interrogati diversi collaboratori di giustizia in segreto. E il risultato di questa nuova indagine dei parlamentari-investigatori è sorprendente. Dalle indagini - scrive lAntimafia - è emerso che è stato senza dubbio un furto di mafia, i cui autori sono stati individuati. Convergenti dichiarazioni rese alla Commissione da collaboratori di giustizia hanno chiarito che il furto maturò nellambiente di piccoli criminali, ma che lenorme valore del quadro indusse i massimi vertici di Cosa Nostra a rivendicare immediatamente lopera.

Si dice da decenni che a rubare il capolavoro di Caravaggio siano stati due ladruncoli che si muovevano per Palermo con unApe. Quando però i boss della mafia, leggendo i giornali del 19 ottobre 1969, si resero conto del valore economico di quella tela, la pretesero. La Natività fu quindi consegnata, dopo alcuni rapidi passaggi di mano, a Gaetano Badalamenti. Il boss, che oggi ricordiamo soprattutto per essere il mandante dellassassinio di Peppino Impastato, militante di Democrazia proletaria che lo accusava e derideva alla radio, comandava da latitante sul mandamento di Cinisi e successivamente, nel periodo tra il 1974 e il 1979, fu il Capo dei Capi.

Fu proprio Badalamenti a mettere le mani sulla Natività. Ne curò il trasferimento e la vendita in Svizzera, probabilmente dopo la scomposizione dellopera in più parti per mimetizzarne la provenienza furtiva e massimizzare i proventi della cessione a ignoti collezionisti.

Erano tempi terribili. Poche settimane dopo il furto, il 10 dicembre 1969, sempre a Palermo, un commando di sei killer mafiosi travestiti da agenti di polizia (tra cui i giovani Totò Riina, Bernardo Provenzano, Calogero Bagarella) fece irruzione negli uffici di un costruttore su viale Lazio, a caccia del boss rivale Michele Cavataio. Al termine di una lunga sparatoria, rimasero a terra quattro persone, due furono i feriti. Da allora nulla fermò più lascesa dei coerlonesi. Vito Ciancimino, dopo la famigerata esperienza di assessore allUrbanistica, era il capogruppo della Dc in consiglio comunale.

Tornando al quadro di Caravaggio - che potrebbe vale tra i 35 e i 40 milioni di euro - la relazione dellAntimafia non usa formule dubitative. Le audizioni segrete hanno convinto dunque i parlamentari che la Natività non è stata affatto distrutta. Voci messe in giro ad arte per depistare. No, il Caravaggio cè, anche se è stato spezzettato per venderlo meglio e ricavarne il più possibile. Occorrerà una forte cooperazione giudiziaria e intergovernativa a livello internazionale per seguire le tracce dellopera e auspicabilmente arrivare un giorno a ritrovarla per restituirla finalmente alla città di Palermo, alla Nazione italiana e allintero mondo della cultura.

http://www.lastampa.it/2018/02/23/italia/cronache/lantimafia-ne-sicura-il-capolavoro-di-caravaggio-fu-venduto-da-gaetano-badalamenti-PZqBb32G0Ajn8WLrxE005O/pagina.html


news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news