LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Folco Quilici. Il re del documentario che sorrideva alla vita
Paolo Conti
Corriere della Sera 25/2/2018

Si è spento a 87 anni
Regista e esploratore Un narratore del nostro pianeta

Folco Quilici era un intellettuale moderno che ha saputo dare alle immagini il senso profondo della narrazione del nostro pianeta. Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha detto così addio a nome dellItalia al regista, autore, narratore, fotografo, viaggiatore ed esploratore (dunque un intellettuale) che ha imposto lambiente, il mare, il viaggio con la trasparente bellezza e la passione dei suoi documentari nella cultura diffusa del nostro Paese, e non solo.

Quilici è morto ieri nellospedale di Orvieto dopo un breve ricovero: viveva da anni nel suo bel casale a Ficulle, lì a pochi chilometri. Avrebbe compiuto 88 anni il 9 aprile. Era nato a Ferrara nel 1930 e le sue radici familiari annunciavano un futuro da intellettuale. Suo padre Nello, giornalista e convinto sostenitore del fascismo, morì il 28 giugno 1940 col suo vecchio amico Italo Balbo nellaereo abbattuto a Tobruk. La madre Mimì Buzzacchi era una pittrice autodidatta, sospesa tra atmosfere alla Donghi e suggestioni morandiane. Dunque, la scrittura e limmagine, la testimonianza e il colore. Impasto che lo indirizzò verso la sua scelta di vita, il documentario.

Cominciò da ragazzo, a 19 anni, con Pinne e arpioni girato in Sardegna ma il primo successo fu Sesto continente , del 1954, documentario sul mare africano: ebbe il prestigioso Premio Speciale alla Mostra del cinema di Venezia di quellanno. Due anni dopo, con Ultimo Paradiso , ecco lOrso dArgento al festival di Berlino. Tikoyo e il suo pescecane ebbe il Premio Unesco per la Cultura nel 1961 e Oceano si guadagnò il premio speciale Festival di Taormina nel 1971 e il David di Donatello nel 1972. Prove della capacità di arrivare al cuore del pubblico grazie a una cifra stilistica immediata, come dimostrò con LItalia vista dal cielo , 14 film girati in elicottero tra il 1966 e il 1978 e commentati da intellettuali del calibro di Cesare Brandi, Italo Calvino, Guido Piovene, Mario Praz. La Rai li trasmise integralmente nel 1978, uno dei migliori capitoli del servizio pubblico perché descrisse allItalia la propria stessa bellezza senza compiacimenti né formalismi. La serie ebbe successo anche negli Usa, in Germania, in Cina (e il film sulla Toscana ebbe la nomination allOscar per il miglior documentario nel 1971). Quilici amava il rapporto con lantropologia, la storia, la filosofia: per girare Mediterraneo (13 film) e Luomo europeo (8 film) collaborò con Fernand Braudel e Levi Strauss.

Difficile scegliere altri esempi in una produzione sterminata, sostenuta da un carattere sempre improntato alla positività (in unintervista a Paolo Di Stefano disse che il tratto principale del suo carattere, e insieme il suo difetto, era lottimismo). Ma Quilici era capace di spaziare (mantenendo una sincera capacità di stupirsi che trasmetteva allo spettatore) da Alla scoperta dellIndia e Fratello mare a Il mondo di Pinocchio , Botticelli, una seconda primavera e al magnifico Limpero di marmo , ispirato a Marmora romana , del grande orientalista Raniero Gnoli. La sua popolarità si deve a Geo , un successo personale tra il 1971 e il 1989 su Raitre. Un uomo come lui non poteva non scrivere. Certo, la saggistica (Gli ultimi primitivi e Grandi deserti) ma lavventura narrativa è stata un successo internazionale: da Cacciatori di navi a Cielo verde o Tobruk 1940, inchiesta storica sulla morte di Balbo e del padre, Il mio Mediterraneo.

Da autentico nomade era curiosissimo, anche del cibo. Raccontò di aver mangiato di tutto in Sì, viaggiare/Come, quando, con chi, perché, scritto con Corrado Ruggeri. Ricordava sempre che la Pontinesia, il mare delle Isole Pontine, era tra i più belli del mondo. Amava profondamente la moglie Anna, il figlio Brando e considerò un grande regalo della vita larrivo del nipote Corso. Da vero viaggiatore, sapeva dove piantare le radici.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news