LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, la rendita, il turismo (e lombra della città-museo)
Paolo Ermini, Giani Facchini
Corriere Fiorentino 1/3/2018

Caro direttore, in molti articoli pubblicati recentemente dal Corriere Fiorentino, appare la parola rendita nel titolo, associata poi nel testo agli affitti brevi a scopo turistico; questa nuova forma di locazione è invece il contrario di uno stato passivo, è una forma di attività di alta qualità. Questo segmento del settore turistico, oltre ad avere delle dimensioni molto significative, è unalternativa importante in un territorio in cui nel corso del tempo sono sparite le grandi aziende (Longinotti, Magona, Fondiaria, Banca Toscana), la crisi ha picchiato duro ed il lavoro tradizionale non abbonda. Incentiva un turismo dove solo il 30% del valore prodotto è dato dal pernottamento e il restante 70% si riversa invece su negozi alimentari e non, botteghe artigiane, ristoranti, musei, teatri, trasporti quindi, in una parola, sulla città. Gli affitti brevi sono soggiorni opposti allescursionismo di giornata, e superano in durata media quelli alberghieri; ancora, sono motore di uneconomia sostenibile che si basa sullesistente, non consuma territorio, ma riqualifica, protegge dal degrado e, per gli aspetti finanziari, utilizza per la grandissima parte canali bancari tracciati. Sembra invece che si voglia gettare la croce addosso alla locazione turistica per tutti i problemi della città, come se fenomeni antichi come lo spopolamento del centro storico in atto da 40 anni fossero il frutto di qualche anno di presenza delle piattaforme digitali quando invece per fare un esempio sono state spostate sedi di banche, università, uffici giudiziari e non si è progettata contestualmente unalternativa. Vivere in centro è difficile, e lo sanno bene i fiorentini che lo abitano e che una recente ricerca Vodafone stima siano comunque il doppio di quanto si pensasse: una sua riqualificazione è urgente e vede tutti i fiorentini dalla stessa parte, ma Firenze non è Venezia. È tempo di elezioni ed è giusto ricordare come stanno le cose

N on facciamone una questione di purezza semantica. Il Nuovo De Mauro definisce così la rendita edilizia: Maggiore guadagno derivante dal proprietario di un edificio che ha caratteristiche migliori rispetto ad altri o che acquisisce valore grazie al miglioramento di condizioni esterne, quale il miglioramento delle infrastrutture pubbliche zonali. Nel caso di Firenze le condizioni esterne si riassumono nellattrattività crescente della città sul mercato turistico globale, come dimostra lincoronazione dellOltrarno quale quartiere più cool al mondo da parte della guida Lonely Planet, ma il risultato non cambia: è in atto una massiccia trasformazione del centro storico di Firenze, e quartieri limitrofi, che consiste nella progressiva fuga dei residenti e nella destinazione crescente di appartamenti ad affitti di tipo turistico, con un ventaglio molto ampio nella qualità dellofferta. È vero che lavvio di queste attività comporta allinizio investimenti e che in alcuni casi si dà lavoro a un po di persone (ma non è certo questo il caso delle iniziative familiari tramite i contatti in rete), ma si tratta di numeri piccoli, legati comunque a unoccupazione di basso profilo. Di contro il danno che si fa è enorme, perché è così che il centro sarà presto ridotto a una scatola vuota, aperta a chi arriva qui come visitatore, ma senza vita. Perché la vita di una città dipende da chi ci vive, ci lavora, ci dorme. Senza vita non cè anima. E le città senzanima diventano vetrine, musei. Magari bellissimi, ma immobili. Vogliamo fare di Firenze un museo? Attenti, perché alla lunga anche i flussi turistici cominceranno a flettere quando chi orienta le tendenze internazionali sentenzierà che senza botteghe artigiani e negozi storici, o senza i sanfredianini, non saremo più cool. Non possiamo illuderci con le rilevazioni di Vodafone, che in base agli spostamenti dei cellulari in alcune ore del giorno, ha concluso che a Firenze risiedono più persone del previsto. In quei dati rientra anche il popolo della movida: chi alle 3 di notte riprende lauto e se ne torna a 20 chilometri può essere mai considerato un vero residente? Né, di contro, sono veri residenti i fiorentini che lo sono formalmente ma poi vivono altrove affittando la casa in centro, magari al nero. La verità è quella che vediamo ogni giorno: un centro aggredito nella sua identità, dove i negozi di vicinato, più o meno storici ma svuotati di clienti, cedono il passo ai venditori di chincaglierie e dove resiste un pugno di sopravvissuti (solo in Oltrarno sono ancora numerosi), che andrebbero aiutati a restare. Anche salvando la farmacia di piazza San Felice sotto sfratto per la volontà dei nuovi proprietari di ristrutturare tutto il palazzo a scopo, una volta ancora, turistico. Firenze non è solo una città per turisti. Alcune aziende hanno chiuso, è vero, ma ce ne sono molte altre in piena espansione, capaci anche di rivitalizzare interi distretti produttivi (comè successo con Gucci e le piccole imprese della pelle. Abbiamo decine di multinazionali sul nostro territorio, altre potrebbero sbarcarci se riuscissimo a offrire servizi e infrastrutture più efficienti (ecco perché la battaglia per la nuova pista di Peretola è sacrosanta) e maggiore certezza dei diritti dimpresa (con auspicabili interventi del governo nazionale che sarà). Il David non può e non deve rappresentare solo il fascino del passato, ma anche la forza e il coraggio del presente. Di una città plurale, con larghi orizzonti, coraggiosa anche. Non ripiegata sui piccoli interessi di parte. Nel Forum al Corriere Fiorentino il sindaco Nardella ha preso impegni significativi nella difesa della città. Con tutti i mezzi esistenti o quelli ancora da scovare, qui e a Roma. Ha chiesto più poteri per i sindaci, come accade a Parigi o a Berlino. E ha fatto un appello agli industriali perché si facciano carico del suo stesso disegno. Per conciliare profitto e sviluppo. Tutto spinge al pessimismo tranne la volontà. E quindi si combatte.



news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news