LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le case abusive? Si sposti il mare
Gian Antonio Stella
Corriere della Sera 1/3/2018

E dai! Cè anche chi a Castelvetrano - tra quanti hanno una casa abusiva - per risolvere il problema ha proposto di spostare il mare.

CASTELVETRANO (TRAPANI). Allontaneremo il mare! I più abusivi di tutti gli abusivi dellItalia abusiva, definizione che a Triscina rifiutano sdegnati, assicurano daver avuto unidea geniale: per difendere dalle ruspe le case fuorilegge tirate su entro i 150 metri dallacqua basterà spostare il Mediterraneo un po più in là. Eureka!

Di Silvio Berlusconi e del terzo condono promesso per vincere le elezioni di domenica prossima, infatti, dicono di non fidarsi: Ci ha traditi. Ma dai! Gli ambientalisti italiani dicono che nessuno è mai stato così di manica larga? Macché, Biagio Sciacchitano e i ribelli dellassociazione Triscina sabbia d'oro negano: Speravamo tanto anche le altre volte, invece

Vada come vada, spiegano, meglio puntare appunto sullallargamento della spiaggia partendo dalla posa in mare di 144 attenuatori donda in cemento armato al fine di realizzare 12 isole di ripascimento per circa 500 metri di costa. Costi? Mille euro al metro. Se poi andasse bene, la tecnica potrebbe essere applicata a tutto il tratto di litorale: cinque chilometri. Spesa totale definitiva: Cinque milioni. Uno a chilometro. Meno della metà di quanto i comuni balneari più virtuosi veneti o emiliani spendono di sola manutenzione annuale. Sul serio? Mah Obiettivo: La formazione della nuova linea di battigia così che vengano rispettati i parametri previsti andandosi ad evitare eventuali demolizioni. Ed ecco fregata la legge. Tié!

Che le seimila case di Triscina sul litorale di Castelvetrano siano state costruite nel caos più scalcagnato, che siano a un tiro di fionda da Selinunte (chissà cosa hanno sepolto certe oscene escrescenze cementizie), che siano di una bruttezza inarrivabile (è vero, ma perché abbellirle se poi ce le buttano giù?) ai ribelli non importa tanto. Men che meno che siano (quasi) tutte seconde case: indifendibili. Ormai ci sono, perché abbatterle?

E il prof. Sciacchitano si avvita in un letale esame di leggi e leggine, commi e codicilli imperscrutabili che dimostrano, carta canta, contraddizioni insanabili le quali, indubitabilmente, confermano la liceità delle lottizzazioni o quanto meno il diritto al condono. E spianando sul tavolo foto aeree, elaborati planimetrici e progetti vidimati dallufficio tecnico di Castelvetrano nel gennaio 1964 insiste: tutto regolare. I delinquenti veri, se mai, sono quelli del Comune che per anni e anni han lasciato costruire di tutto. E in ogni caso, spiega ogni proprietario delle case abusive da demolire: Pecché a mmia? .

Anche la chiesetta che frequentiamo destate, a Triscina, è abusiva. E pure la sede estiva del Comune, contesta Giovanni Rizzo, e davanti a casa mia, che è tra quelle da abbattere, ce ne sono almeno sei che sono più vicine alla battigia. Giovanni Crescenti giura di essere stato bidonato dal notaio: Che ne potevo sapere, io, meschino, che la casa non era in ordine? Dal notaio la comprai: dal notaio! Le ruspe! A noi! Poveracci siamo. Puzziamo di fame

Giudizi divisi. Di qua cè chi esulta: Era ora, ancora non ci credo... o Sicuramente è una grande possibilità per migliorare uno schifo di borgata che le vostre generazioni ci hanno lasciato gentilmente in dono. Di là chi sbuffa: Ci sono priorità maggiori a Castelvetrano, vedi le vie cittadine invase di mucchi di spazzatura. Felice Errante, avvocato, ultimo sindaco dimissionato dallo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose (nonostante lui mostri piccato un riepilogo di iniziative antimafia e lettere di stima del prefetto di Trapani o dellallora presidente regionale dellAntimafia Nello Musumeci) è daccordo con i contestatori: Di questi tempi, spendere tre milioni di euro per demolire un po di case abusive

Che i tempi siano durissimi è noto. Basti ricordare, un paio di mesi fa, la rivolta degli abitanti di Castelvetrano contro la denuncia del commissario Salvatore Caccamo inviato dal Viminale a mettere il naso nei conti: 42 milioni di buco finanziario, una evasione stratosferica delle tasse e dei vari tributi comunali, un caos nella gestione del personale. Due numeri dicono tutto: tra dipendenti stabili, precari a contratto e Lsu sono 400. Quasi il triplo dei 146 fissati dalla tabella ministeriale sul rapporto dipendenti/abitanti per gli Enti in condizioni di dissesto.

Dissesto, sia chiaro, mai dichiarato. Nonostante le parole usate anche dal commissario precedente, lex magistrato Francesco Messineo, che scrisse di una indiscriminata distribuzione a pioggia di soldi e di somme significative () polverizzate in una miriade di iniziative eterogenee per accontentare il maggior numero possibile di richiedenti. Leggi clientes .

Anzi, lo stesso buco è contestato sia da Errante sia da altri amministratori del passato: Non è un buco: si tratta di 42 milioni di residui attivi che si sono trascinati per anni. Partinico ne ha per 44 milioni, Sciacca per 38, Marsala per 49 Perché svergognare i nostri cittadini facendo passare tutti per evasori? Una vigilessa della polizia municipale precisa: Poteva dir le cose con più garbo. Errante va oltre: Delegittimando le istituzioni ha fatto, spiace dirlo, un favore alla mafia. E in che modo, scusi, avrei delegittimato le istituzioni?, ribatte il funzionario dello Stato, Controllando le entrate e le uscite? Non capisco. Non vedo il senso. Quanto ai residui attivi, non cè banca al mondo che, dopo tanti anni, non li considererebbe ormai crediti inesigibili.

Quando prese possesso dello studio immenso del sindaco cui si accede per scale e scalette, si sentì dire: Eccellenza, cè un problema: lascensore. Mancavano i soldi per la riparazione. E quelli per il riscaldamento. E quelli per mille altre cose quotidiane. Manca tutto. Dovrebbero entrare almeno 45 milioni lanno, ne entrano 15. E quelli che entravano sono serviti per anni a pagare più che altro gli stipendi dei dipendenti. Anche per questo, nonostante le vacche magre, pensa che occorra cominciare ad abbattere le prime 166 case abusive di Triscina che aspettano da decenni a dispetto delle sentenze esecutive. Per affermare il principio che lo Stato cè anche qui. Nella città natale di Matteo Messina Denaro. Ma chi arriverà prima: le ruspe o un condono tombale? Le elezioni di domenica si giocano anche su questo.




news

17-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news