LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche del Trentino. Crollo di utenti e prestiti. Persi 8.000 iscritti in due anni
Silvia Pagliuca
Corriere del Trentino 1/3/2018

TRENTO. In soli due anni, dal 2014 al 2016, le biblioteche trentine hanno perso 8.000 iscritti. In quattro anni, dal 2012 al 2016, i prestiti di libri sono crollati di 120.000 unità. Per quanto il Trentino sia la provincia italiana in cui si legge di più, dunque, lo stato delle sue biblioteche non sembra essere così florido.

Secondo gli ultimi aggiornamenti dellIspat, sono 134 le biblioteche presenti in provincia con un patrimonio documentario che supera 5 milioni e 828 mila unità. A contarne più biblioteche e punti lettura sono la Val dAdige, la Valle di Non e la Vallagarina con, rispettivamente, 20, 28 e 15 spazi. In media, sono circa 2,5 ogni 10 mila residenti, con un tasso di 1,6 in val dAdige e, allestremo opposto, di 10,2 nella zona della Paganella. Ma i prestiti bibliotecari sono in flessione in tutti i territori: se nel 2010 erano 1.442.771 nellintera provincia, arrivando addirittura a 1.490.876 nel 2012, nel 2016 sono scesi a 1.370.180. In media, il numero di prestiti per ogni iscritto è di 10,5 libri con, prima della classe, ancora una volta, la val dAdige che fa registrare una media di 12,6 prestiti effettuati nel 2016.

Ma a diminuire di pari passo è anche il numero degli iscritti alle biblioteche, passati dai 137 mila del 2014 ai 129 mila del 2016. Per capire cosa ha generato questo calo è necessario tenere presenti due questioni: il cambiamento della società, sempre più multietnica ma non per questo più integrata, e lavvento del digitale. L11% dei residenti a Trento è straniero, ma solo il 2% tra loro è iscritto ai servizi della biblioteca. Per tanti anni le esigenze di lettura di questa fascia di popolazione sono state ignorate e di conseguenza gli stranieri hanno iniziato a ignorare le nostre biblioteche riflette Giorgio Antoniacomi, direttore della biblioteca comunale di Trento, spiegando come le cose stiano ora progressivamente cambiando grazie alla costruzione di servizi documentali in lingua originale. Ma tutto ciò non basta ad arginare la perdita di lettori che nella sola Trento, nellultimo anno, è circa dell9%, come confermato dallo stesso Antoniacomi. Il digitale ha modificato le nostre abitudini e le biblioteche si sono trovate inizialmente impreparate di fronte a questo cambiamento. Invece, linnovazione può aprire nuovi spazi assicura il dirigente se guardiamo a una biblioteca solo come a un deposito di libri, la condanniamo alla scomparsa, ma se impariamo a interpretare questi cambiamenti, possiamo sopravvivere e rafforzarci. Riflessione questa condivisa da Gianmario Baldi, direttore della biblioteca Tartarotti di Rovereto: Quando è arrivato il digitale tutti abbiamo pensato che avrebbe cannibalizzato i vecchi media, invece si è andati verso una convivenza. E anche le biblioteche si stanno muovendo in questa direzione. Con il progetto Mlol, ad esempio, stiamo creando la prima rete italiana di biblioteche digitali dando ai lettori la possibilità di consultare in ogni momento ebook, quotidiani e periodici da tutto il mondo. A questi progetti, poi, se ne aggiungono altri, più analogici ma non per questo meno efficaci. Per coinvolgere i più piccoli abbiamo creato una sezione ad hoc con una scenografia particolare che spinge i bambini a diventare protagonisti del mondo della lettura racconta Baldi. E anche a Trento si segue la linea del coinvolgimento attivo e differenziato per target: Con lAssociazione Periscopio abbiamo avviato un percorso dedicato alle persone che hanno disturbi specifici dellapprendimento e abbiamo già raggiunto oltre 300 famiglie, mentre a breve lanceremo una collaborazione con lAzienda Sanitaria per percorsi editoriali dedicati a tematiche specifiche, come lalimentazione, i pesticidi, la protonterapia chiarisce Antoniacomi. A tutto ciò si aggiunge lattività dedicata alla dematerializzazione del patrimonio libraio, con unattenzione particolare a quei documenti che differenziano le biblioteche trentine dalle altre (si pensi, ad esempio, ai preziosi documenti sul Concilio). Non solo, nellepoca in cui il digitale rende tutto possibile, anche le fake news, le biblioteche si stanno attrezzando per essere riconosciute come soggetto responsabile di uninformazione di qualità, come un intermediario accreditato capace di validare lattendibilità delle fonti delle singole notizie. Un lavoro che, anche grazie al coinvolgimento di scuole e associazioni, mira a far sì che i ragazzi possano riconoscere nella biblioteca un luogo democratico di confronto e relazione. Ma si tratta di iniziative che, come ricordano i direttori, potranno dare frutti solo se la politica continuerà a dimostrarsi sensibile a questo mondo. Se il Trentino è la provincia con più lettori in Italia, non è per una particolare predisposizione dei suoi abitanti, ma perché sono state create le condizioni, con visione e lungimiranza, per far sì che ciò accadesse con spazi diffusi capillarmente in tutto il territorio, accessibili e fruibili da tutti. Un patrimonio che conclude Antoniacomi sarebbe un peccato perdere per la sola legge dei grandi numeri.




news

20-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news