LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gillo Dorfles, il critico che inventò il kitsch
Sandro Veronesi
Corriere della Sera 3/3/2018

La complessità non nuoce è uno dei messaggi che abbiamo ricevuto da Gillo Dorfles: è il titolo dellopera realizzata per la copertina del numero 15 de la Lettura del 26 febbraio 2012. Lui, lAngelo non solo per il suo nome della complessità; lui che la complessità lha accolta in fasce allinizio del XX secolo, e lha cresciuta, nutrita, curata, capita, approfondita e divulgata per più di settantanni, incastonandola nel pensiero, nel linguaggio e soprattutto nel gusto di quattro diverse generazioni; lui che lha trasformata, si può dire, in un codice, un sistema di lettura della civiltà occidentale contemporanea; lui, il rivalutatore del kitsch, in base allassunto controintuitivo secondo il quale il gusto deteriore svolge la funzione di mezzo a contrasto per lindividuazione della vera arte (la vera opera darte esiste solo in contrapposizione al kitsch); lui, laureato in psichiatria nella Trieste austro-ungarica, laddove le impronte di Freud erano più fresche e profonde, e portavano dritte fino al mistero dell Unbewusstsein linconscio, concetto completamente nuovo, allepoca, e astratto, tuttora emblema della complessità assieme allaltra scoperta di quei primi anni del secolo, la Spezielle Relativitätstheorie di Einstein; lui che avrebbe potuto essere ovunque, nello spazio e nel tempo, a 102 anni, era ancora lì, dove era sempre stato, e ci teneva a farcelo sapere. Da dove stai parlando?. Dallo stesso posto. Non mi sono mai mosso. E cosa ci devi dire?. Che la complessità non nuoce.

Mimbattei in Gillo Dorfles a ventanni, mentre disegnavo un tubo. Anzi, non stavo disegnando, stavo ritraendo un tubo: qualcosa che non mi ero mai sognato di sentirmi in grado di fare. Un pezzo di tubo di acciaio inossidabile, lucente, pieno di bagliori e di riflessi, e un foglio di carta su cui ritrarlo tale e quale da far venire voglia di toccarlo. Rapidograph, compasso, tiralinee, aerografo, colori di china, riga e squadra: è straordinario quello che si può fare con questi oggetti, anche senza avere un dono particolare per il disegno, se si ha il maestro giusto. Il mio era Roberto Segoni, architetto, designer, grafico, semiologo e titolare della cattedra di Plastica Ornamentale alla Facoltà di Architettura di Firenze. Il concetto attorno al quale ruotava il suo corso era quello di design della complessità, e spaziava dalla progettazione dei treni alla rappresentazione grafica di un, per lappunto, pezzo di tubo. Fu lui, Segoni, allora nemmeno quarantenne, destinato a morire giovane (e per questo voglio ricordarlo, coi suoi capelli allindietro, i baffoni neri da Stalin, le giacche di velluto a coste, la risata contagiosa), a insegnarmi a ritrarre quel tubo; e fu lui a introdurmi al pensiero di Dorfles, già allora decano dellestetica moderna, maestro dei maestri. Larchitettura moderna e Il divenire delle arti erano già presenti nella libreria di mio padre, laureato in ingegneria negli anni Cinquanta: vi si aggiunsero Lintervallo perduto , Il disegno industriale e la sua estetica e Il kitsch: antologia del cattivo gusto e così, leggendo le opere di Gillo Dorfles mentre imparavo a fare il ritratto di un tubo dacciaio, mi accorsi per la prima volta che la complessità non nuoceva.

A mano a mano che la mia formazione si completava, grazie a nuovi maestri che indicavano Dorfles come il loro maestro, venivo a contatto con la sua inesauribile capacità di coniugare tra loro le cose del mondo. La pittura (la sua, lastrattismo geometrico del Mac, lopera di Bruno Munari, Luigi Veronesi, Anastasio Soldati, Claudio Costa), il disegno industriale, la linguistica, linternazionalismo, la moda, la fotografia, la pubblicità Fatico a ricordare un solo corso universitario che non indicasse in bibliografia qualche sua opera. E la cosa che appariva straordinaria già allora si parla di 35 anni fa era che questo cardine della nostra cultura aveva più di settantanni, era vecchio , ma continuava instancabilmente a esplorare le forme e i linguaggi che venivano prodotti dal suo tempo, ad associare, decifrare, smascherare, scoprire, mostrare, dipingere, scrivere, spiegare.

Be, comè andata a finire lo sappiamo. Gillo Dorfles ha continuato, continuato, continuato oltre ogni limite umano a essere ciò che è sempre stato laico, senza pregiudizi, senza retorica, artista delleterno presente, come lo ha definito Achille Bonito Oliva; ha continuato e continuato a parlarci dallo stesso posto, cioè dal cuore fondente della complessità del nostro tempo, e da lì ha continuato a rassicurarci sulla sua non nocività; ha talmente continuato a farlo da renderci tutti contemporanei, allievi e maestri, colti e incolti, volenti e nolenti, vivi e morti e soprattutto, da rendere anacronistica perfino la propria morte.



news

20-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news