LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dorfles, pittura come urgenza
Gianluigi Colin
Corriere della Sera 3/3/2018

Lo diceva solo agli amici, ma il suo desiderio più sincero era quello di essere ricordato come pittore. Anzi, come un grande pittore. E lo sussurrava con ironia, come quando, parlando delle sue opere, diceva che avrebbero potuto (ma intendeva dovuto) avere le quotazioni del suo amico Bob. E Bob era Rauschenberg. Certo, per Gillo Dorfles, non è stato facile affermare quella parte di sé che amava di più: il suo essere magistralmente eclettico, ovvero sofisticato critico, filosofo e fenomenologo del gusto, saggista capace di analizzare e intercettare come nessun altro le tendenze estetiche del Novecento. Così, agli occhi del mondo, la sua pittura veniva vista come secondaria rispetto alla grandezza del suo pensiero di intellettuale. E lui ne soffriva. Ma forse non si rendeva conto di quanto fosse difficile per i critici confrontarsi con un gigante come lui. Solo negli ultimi anni, la sua produzione è diventata più prolifica e cè stata anche una felice attenzione al suo lavoro artistico.

E che la pittura fosse per lui non una passione, ma una intima necessità lo si comprende dal lungo e coerente percorso, che viene sin dagli anni giovanili in cui vedeva il padre, un ingegnere navale, tracciare sui fogli di lavoro dei segni informi, dei mostriciattoli come tracce di pensieri vaganti. Dal 1935, anno del suo esordio pittorico, quella è stata lispirazione che lo ha accompagnato, trasformando quelle impronte della memoria, legate a un ricordo familiare, in un linguaggio astratto, autonomo, rigoroso, riconoscibile. Daltronde, Dorfles (che per inseguire i voleri della famiglia si era laureato in medicina e aveva scelto la specialistica in psichiatria) conosceva perfettamente i meccanismi della mente.

I suoi quadri astratti nascevano attraverso gesti spontanei, naturali, che provenivano dal profondo. Prendevano forma attraverso una pittura ininterrotta, con il pennello che non si staccava mai dalla tela e che creava una scrittura liquida, fluida e al tempo stesso compatta, con segni precisi che si sovrappongono, fondendosi in una dimensione vibrante e vitale. Non a caso, guardando con occhi attenti, nellastrazione dei suoi quadri si possono scorgere sempre degli occhi. È come se quei segni colorati, informi e stratificati, fossero paesaggi interiori, o forse solo il racconto più autentico di una complessità che lo ha sempre accompagnato. In fondo, la sua pittura è stata, sempre, un ripetuto autoritratto. E forse oggi, appare più chiara la frase che ha voluto accompagnasse la sua opera per la copertina de la Lettura: La complessità non nuoce.

Fondatore nel 1948 con Munari, Soldati e Monnet del Mac (Movimento arte concreta) Dorfles ha creato una pittura che di fatto è una dichiarazione del suo essere contro: contro le mode, i conformismi, le convenzioni.

Oltre a Paestum, il suo luogo della pittura è stato Lajatico, in provincia di Volterra. In una fotografia di solo un paio danni fa, lo si vede con il vecchio amico Arnaldo Pomodoro mentre guarda dei disegni: camicia blu, pantaloni giallo senape, ai piedi scarpe da ginnastica All Stars rosse: se non fosse stato per il volto segnato dal tempo, sembrava un ragazzo. Dipingeva anche nel suo piccolo studio nella casa di Milano, dove non faceva entrare nessuno. Dei suoi dipinti era gelosissimo.

Era capace anche di gesti inaspettati ed eclatanti: un anno fa, al comandante generale dei carabinieri, che lo voleva ringraziare per un testo per il calendario dellArma, di fronte alla domanda di cortesia: Posso fare qualcosa per lei, professore?, il professore rispose senza esitazioni: Mi piacerebbe avere una divisa dei carabinieri. Il generale mandò subito un sarto a prendere le misure, poi con una cerimonia privata consegnò a Dorfles la divisa, con tanto di sciabola e conferendogli ufficialmente (a lui che era stato tenente medico del Savoja Cavalleria) il grado di capitano. Gillo non lha mai indossata in pubblico, ogni tanto si divertiva a portarla in casa per la gioia di qualche amico. Un vero gesto dadaista.

Le ultimissime opere su carta (diventate una mostra in Triennale), le ha fatte sul tavolo del suo soggiorno, sotto le opere dei suoi amici Enrico Castellani e Lucio Fontana. Era una mostra chiamata Vitriol e che rappresenta il suo testamento spirituale. Vitriol è uno degli acronimi più utilizzati dagli alchimisti, le cui iniziali stanno al posto di Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem, ovvero Visita linterno della terra e, con successive purificazioni, troverai la pietra nascosta. Una frase derivante dallesortazione Conosci te stesso, massima iscritta nel tempio di Apollo a Delfi. Certo, con la sua intensa esistenza, dove la complessità non nuoce Dorfles ha dimostrato, davvero, di conoscere se stesso. Anche quando, in viaggio verso Trieste per una sua mostra, di fronte allamico fotografo Danilo De Marco, che gli suggeriva di andare a visitare la tomba del filosofo goriziano Carlo Michelstaedter, Gillo rispose sussurrando con un sorriso: Sai, di questi tempi, non ho tanta voglia di frequentare cimiteri.



news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news