LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ripa di Meana, il pioniere ambientalista
Paolo Conti
Corriere della Sera 3/3/2018

Dalla Biennale del Dissenso nel 77 allappoggio al Psi di Craxi. Poi guidò i Verdi e Italia Nostra

Il capitolo che descrive meglio il Carlo Ripa di Meana politico e uomo pubblico, sottraendolo alla semplificazione di chi si sofferma solo sulla sua clamorosa vita sentimentale, è la Biennale di Venezia del Dissenso del 1977. Ripa di Meana è ai tempi intellettuale di punta del Psi di Bettino Craxi. Ha alle spalle però una storia nel Pci: dal 1953 al 1956 dirige a Praga la Rivista Internazionale degli Studenti. Poi, dal 1958, è accanto ad Antonio Giolitti uscito da Botteghe Oscure dopo i fatti di Ungheria: Ripa aderisce al Psi nella corrente di Impegno Socialista, dirige Passato e presente, la rivista appunto di Giolitti, ed entra nel Comitato Centrale, diventando anche segretario del Club Turati a Milano.

Dal 1974 al 1979 presiede, da uomo del Psi, la Biennale di Venezia. E nel 1977, anno della furente contestazione, decide tra le polemiche di dedicare la Mostra al dissenso nel blocco comunista. Ripa di Meana, nel libro Lordine di Mosca: fermate la Biennale del Dissenso, scritto con Gabriella Mecucci nel 2007 per Liberal Edizioni, lo rivendica come il primo atto di sostegno in Italia, da parte di una istituzione culturale pubblica, verso chi lottava contro i regimi comunisti, spesso pagando col carcere duro e con la stessa vita. A chi gli chiedeva, in qualche chiacchierata romana, di cosa fosse più fiero, rispondeva: Abbiamo fatto capire al pubblico italiano cosa accadeva nei gulag, negli ospedali psichiatrici, nelle prigioni di questo, sì, sono soddisfatto. E lo diceva, passati ben più di trentanni, col suo elegante sorriso, e senza vanteria. Il prezzo nel 1977 è molto alto: laperta ostilità del Pci, labbandono della Biennale da parte degli intellettuali di quellarea, le difficoltà col governo italiano. Però riesce a proiettare un video clandestino arrivato da Mosca in cui Sacharov racconta la morte della libertà intellettuale sotto il regime comunista.

Ripa di Meana poi ricopre molti ruoli, nella vita pubblica italiana ed europea. Commissario europeo per lAmbiente dal 1985 al 1992, ministro dellAmbiente nel I governo Amato. Dal 1993 al 1996 portavoce nazionale dei Verdi, due volte parlamentare europeo (nel 1998 vota contro lEuro perché sostiene che non può essere una moneta a coniare un vero Stato europeo, ma deve accadere il contrario), presidente del Comitato nazionale del Paesaggio. È presidente nazionale di Italia Nostra dal 2005 al 2007 e poi guida la sezione romana: con la moglie Marina organizza una indimenticata protesta a Ferragosto contro lipotizzato (e mai poi realizzato) megaparcheggio nelle viscere del Pincio. Lui e lei, da soli, in piazza del Popolo sotto il Solleone. E anche in quel gesto, paragonando una piccola cosa a una grande, cè leco del coraggioso 1977.




news

20-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news