LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Buche e voragini dopo la neve: è una città dal volto tumefatto
Paolo Conti
Corriere della Sera 4/3/2018

Il cratere alla Balduina è il più noto ma tutta Roma sembra la Parigi-Dakar:
Via del Mandrione è chiusa. Da Vigna Clara a Casalotti, mappa del rischio

Chissà cosa direbbe Pier Paolo Pasolini, che aveva tanto amato e molto narrato sulle Pagine Corsare quel mondo di borgata, sapendo che via del Mandrione è chiusa causa possibile voragine tra via degli Angeli e via della Marrana, come spiega un cartello. Uno dei tanti crateri che si stanno aprendo e allargando per Roma. Sembra uninarrestabile epidemia stradale e urbanistica.

La neve e la pioggia di questi giorni restituiscono il volto tumefatto di una città che sembra reduce (il paragone è logoro, però calzantissimo) da un bombardamento. Buche e voragini di ogni dimensione, profondità, larghezza si riempiono dacqua e rendono ogni tragitto - la metafora è di un nostro lettore - a una Parigi-Dakar. Prendiamo via Veneto e via IV Novembre: impossibile percorrerle senza precipitare in uno dei tanti squarci. Situazione che riguarda anche i marciapiedi: un continuo attentato agli anziani, ai portatori di handicap, a chi ha un bambino in carrozzina.

La ferita più profonda, vasta e anche inaccettabile, è quella della Balduina. Soprattutto per le modalità. Tanti appelli e innumerevoli segnalazioni dei cittadini privi di qualsiasi riscontro. Le paure registrate, giorni prima del pauroso smottamento di mercoledì 14 febbraio, tra gli abitanti dei palazzi vicini, che sentivano tremare finestre e pavimenti. E poi la vastità dello scavo, la profondità, un progetto che prevedeva parcheggi interrati e una piscina. Linchiesta chiarirà, ma intanto la voragine resta aperta e in via Appiano cè stato un nuovo, recente cedimento del manto stradale a 300 metri dal cantiere.

Ma basta un giro per Roma per capire che questa città è piena di piccole, medie e grandi voragini. Cè il Mandrione, si è detto: proprio accanto alla fontana di Clemente XII comincia la solita recinzione-pollaio, come vengono ormai chiamati dai romani quei recinti temporanei destinati a stabilizzarsi per mesi. Per una volta, a Mandrione si tratta di unoperazione preventiva: ha ceduto il solaio di una cavità sotterranea e si vuole lavorare per evitare il peggio. Cratere anche in via Catania, tra il marciapiedi e il manto stradale, con un bel cordolo di reti di alluminio e di plastica arancione: si è improvvisamente aperta il 15 gennaio e una donna di 78 è caduta lì dentro, finendo al policlinico Umberto I. Via Savona ha anche lei la sua piccola voragine, tamponata da pochi giorni con una passata di asfalto. Grande voragine con tubi e gru al lavoro in via Alghero. Appena a novembre 2017 si spalancò una voragine alla Montagnola, allincrocio tra via Ambrosini e via Accademia degli Agiati, sotto apparve una antica struttura in mattoni e solo per un miracolo non inghiottì una macchina o un motorino. A fine gennaio 2018, un altro grande cratere ha bloccato lAppio allincrocio tra via Carlo Denina e via Fortifiocca, davanti al parco della Caffarella. Tutta colpa di una perdita dacqua. Una voragine-bis, visto che proprio lì se nera aperta una quasi identica nellaprile 2015. Altra buca in piazza Santa Maria Ausiliatrice al Tuscolano, stavolta (Roma è unica al mondo per i suoi problemi) a causa della decomposizione di una grossa radice di un albero abbattuto chissà quanti anni fa, visto che non appartiene a nessun albero di oggi. Si è creato un vuoto, ed ecco il perché della buca e del transennamento.

Cedimento qualche settimana fa in via Trofarello a Casalotti: tradizionale transennamento e infernali conseguenze sul traffico della zona. E poi basta scorrere le segnalazioni del nostro giornale e di molti siti online da ottobre a oggi: voragini, buche, crateri a settembre in via Ostiense (allangolo con via dei Magazzini generali) e in ottobre in via Crispi, via dei Gordiani, via Nocera Umbra, via dei Colli Portuensi e poi a novembre in via Pasquale II, a Vigna Clara, a Torre Angela, allAlberone in via Baccarini.

Lelenco delle buche e delle voragini potrebbe continuare a lungo, con mille altri dettagli. Sappiamo tutti che la paternità di un simile disastro non può e non deve essere attribuito solo allattuale giunta guidata da Virginia Raggi. Ma il suo insediamento risale ormai al 22 giugno 2016 e i romani hanno un immenso bisogno di cominciare a intravedere la luce alla fine di un tunnel sconnesso, pericoloso, pieno di cedimenti e di acqua piovana.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news