LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Così una protesta popolare salvò la collezione portoghese
Andrea Nicastro
Corriere della Sera 8/3/2018

Il governo in crisi voleva vendere la raccolta. Una petizione fermò lasta

Nel film Totòtruffa 62 per convincere il gonzo di turno a comperare la Fontana di Trevi, Antonio De Curtis elenca i vantaggi di possedere unopera darte, un vero bisnis a sentire lui, un affarone, insomma: le monetine buttate come porta fortuna, cento lire come diritto dimmagine per ogni foto, laffitto come set cinematografico

Limbroglio per Totò funziona, ma il monumento, perla del tardo Barocco, è e resta dei romani e dei turisti. Nella realtà, invece, i Miró in mostra a Padova hanno rischiato davvero di diventare privati, disperdersi e scomparire dalla vista del pubblico. Cè mancato pochissimo. Il catalogo era pronto, lasta sarebbe cominciata in poche ore: solo un dubbio legale convinse i battitori di Christies a cancellare la seduta il giorno stesso della vendita.

È successo tutto appena quattro anni fa. Il governo portoghese aveva affidato i suoi 85 Miró alla casa dasta londinese per far cassa. Era quello un Portogallo in pieno fallimento, incapace di ripagare i propri buoni del tesoro, senza soldi per gli ospedali, gli stipendi, la benzina per le auto della polizia, con la disoccupazione in volo oltre il 50%, un Pil in caduta a ritmi da paura. Lisbona sconvolta dalla crisi finanziaria aveva già prosciugato i forzieri sei anni prima quando, subito dopo il crack Lehman Brothers, aveva nazionalizzato il Banco Português De Negócios, che aveva debiti per 1.800 miliardi. La collezione Miró era arrivata alla banca come investimento alternativo comprandola da un privato giapponese e quando il governo affidò listituto fallito a un gruppo angolano per appena 40 milioni, pensò bene di portar via dalla sede della Bpn le opere surrealiste che ormai valevano da sole quanto lintero business del credito. Venduta la banca perché non recuperare dei soldi pubblici anche dai quadri?

Ci fu una rivolta.

Petizioni online, lopposizione in Parlamento scatenata. Si arrivò in tribunale e il governo ottenne anche una sentenza a favore del suo diritto a vendere quel che voleva, ma la prospettiva di ricorsi e una battaglia giudiziaria lunghissima convinse Christies a non mettere a repentaglio il proprio nome in unoperazione tanto controversa. Così i Miró diventati pubblici per caso e a carissimo prezzo lo sono rimasti a furor di popolo.

La prima volta che andarono in mostra fu a Porto, lanno scorso, nel Museo Serralves. Un successo: 240 mila visitatori. Lincasso al botteghino si aggirò sui 2,4 milioni di euro. Senza considerare le spese, ma neppure il volano per il turismo e la spinta allimpiego, Totò sarebbe pronto a giurare che i 35 milioni di valore della collezione hanno reso lo 0,6% in 8 mesi di apertura della mostra, quasi lun per cento lanno. Non male per una fase di costo del denaro a zero.

Larte, se ben gestita, può rendere, ma di sicuro è soprattutto un simbolo per le società moderne, capaci di aprire le regge, i palazzi, i parchi, la bellezza insomma, ai comuni cittadini e non solo a teste coronate e altri privilegiati. La grande crisi del debito europea risolta dal Quantitative easing di Mario Draghi aveva scatenato altri casi molto simili. In Grecia, ad esempio, si era parlato addirittura di privatizzare il Partenone anche se alla fine si sono vendute solo aziende pubbliche e qualche isola disabitata.

Il dilemma portoghese è stato lo stesso del Comune di Detroit che, fallito, propose di vendere le opere del museo cittadino, lInstitute of Arts. Volete i quadri o la pensione? Fu la domanda del sindaco dellex capitale dellautomobile. Anche in quel caso le opere non andarono allasta. Ci fu una raccolta fondi privati che vennero donati al museo il quale a sua volta li girò al Fondo pensione municipale. Legalmente un pateracchio, ma anche il giudice chiuse due occhi pur di evitare lo sperpero di un tesoro darte.

Il surrealismo di Miró ora viaggia per il mondo, ma la sua casa resta la città di Porto. Chi visiterà la mostra di Padova ci pensi, i portoghesi potevano scegliere: Miró o più tasse? Hanno scelto il bello.



news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news