LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura,la strada federalista. Il modello tedesco
Giorgio Benati
Corriere del Veneto 10/3/2018

Nei giorni scorsi è stata firmata a Palazzo Chigi la pre-intesa sullautonomia differenziata tra il governo e le Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna che prevede forme e condizioni particolari di autonomia che le Regioni assumono come previsto dallarticolo 116, comma terzo, della Costituzione. Come ha ricordato il governatore del Veneto Luca Zaia Cinque tavoli sono già aperti con le risultanze per sanità, istruzione, ambiente, lavoro e rapporti con lEuropa ma bisogna aprirne altri 18 e poi chiudere lintesa. La prospettiva federativa è positiva e tutti ci auguriamo che il percorso proceda spedito verso la meta. Uno dei tavoli in divenire, infatti, dovrà essere quello del punto 18 dellarticolo 117, comma 3: valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali. Ma andiamo con ordine. Mettiamo sul tavolo un altro argomento: il sistema federativo dello spettacolo e della cultura in Germania. Spesso, anche recentemente, lo si cita nei suoi contenuti di spesa ma senza conoscerne il funzionamento. Lassetto tedesco, da un punto di vista strutturale, legislativo e costituzionale, è senza dubbio il miglior esempio di politiche improntate al criterio del federalismo culturale e al decentramento delle competenze, strutturate secondo tre livelli amministrativi: il governo federale (Bund ) , i suoi 16 Stati autonomi (Länder) , le numerose amministrazioni municipali (Gemeinden , 11.054 al 1 gennaio 2017).

Il sistema politico-culturale tedesco si colloca quindi allestremo opposto rispetto al modello italiano, nel quale il nostro Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo (Mibact), grazie ad un massiccio accentramento delle competenze decisionali, implementa in modo diretto i propri indirizzi culturali. Anche la Germania si è dotata di un apposito articolo nella loro Costituzione a supporto dellarte e della cultura. È larticolo 5 terzo comma nei Diritti fondamentali (19 articoli) così come nella nostra Costituzione allarticolo 9 nei Principi fondamentali (12 articoli). In Germania la cultura è un compito primario delle Regioni (die Kultur vorrangig eine Aufgabe der Länder). Le risorse finanziarie per la cultura sono quindi a carico per una metà delle Regioni (Länder) e per laltra delle municipalità (Gemeinden). La Confederazione (Der Bund) contribuisce al finanziamento della cultura con un intervento minimo. Nel complesso, lintervento del settore pubblico per i teatri e le orchestre nel 2016 è stato di 2,43 miliardi di euro. Ciò equivale a circa lo 0,2 % della spesa totale del governo federale, statale e locale. In Italia, il Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS) è di circa 406 milioni (ora è stato aumentato), compreso cinema e attività circensi. Va subito chiarito che in Germania gli oltre 2 miliardi contribuisco al sostentamento di una quantità enorme di realtà: 214 teatri a finanziamento pubblico, 221 teatri privati, 130 orchestre, 77 festival, 150 teatri senza un ensemble e 100 Gastspiel Bühnen realtà teatrali senza una sede, viaggianti (dati Theaterstatistik). In Italia la cosa è ben diversa: 14 Fondazioni lirico-sinfoniche, 29 teatri di tradizione, 13 orchestre (ICO), circa 200 associazioni o società musicali, circa 40 strutture liriche e tutta una serie di altre realtà riconducibili alle gestioni dellAGIS e di altre strutture. A tutto questo poi, per quanto riguarda lItalia, vanno aggiunti gli apporti economici delle Regioni, delle Provincie, dei Comuni e dei privati. Urge, pertanto, che il nuovo governo che a breve si insedierà metta mano sia ai decreti attuativi per la Legge 7 agosto 2016, n. 160 sia anche per la Legge 22 novembre 2017, n. 175 il cosiddetto Codice dello spettacolo. Ci attendiamo coraggiose innovazioni, magari demandando alle Regioni gestione e coordinamento. In Germania la filosofia che regola il grande esborso di denaro pubblico verso lo spettacolo e la cultura viene chiamato sogenannte Umwegrentabilität (redditività indiretta): il denaro pubblico, frutto del versamento delle tasse, ritorna al pubblico sotto forma di attività. Restando nella sola lirica, il confronto tra i due Paesi è devastante: in Germania (80 milioni di abitanti) è di 6795 recite, mentre in Italia (60 milioni di abitanti) è di 1393. Ricordiamoci, altresì, che il pubblico che frequenta la lirica in Italia è, compresi i turisti stranieri, 2.192.308 (dato Siae 2017). Ergo: 58 milioni di italiani non entrano nei teatri ma pagano le tasse per permettere ai pochi citati di godere di una loro esigenza estetico culturale. Tutto bene, ovviamente, questa è la democrazia ma un certo rispetto e oculatezza per il denaro pubblico sarebbe opportuno che venisse meglio regolamentato.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news