LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Laltra Firenze Viaggio nelle Gualchiere di Remole: una storia di splendori e un presente di degrado
Daniela Cavini
Corriere Fiorentino 10/3/2018

Tutto inizia da un trauma nel 300, poi il complesso diventa uno dei settori manufatturieri più vitali dEuropa

È lavoro tratto dal fiume: sono lane pesanti, mantelli impermeabili pensati per le spalle di Re e (ricchi) mercanti. Nascono qui, nelle Gualchiere di Remole, il più importante opificio medioevale dEuropa. Siamo sulla riva sinistra dellArno, pochi chilometri a monte della città. Qui nel 300 si producono stoffe insensibili al gelo delle Fiandre, alla pioggia dellHampshire: panni preziosi contesi dai mercati di tutto lOccidente. È unindustria mossa dallacqua, che sfrutta la forza del fiume per pestare la lana, impastarla durina e argilla, e convertirla in tessuto pregiato. Un miracolo economico targato Firenze, costruito sulle braccia di chi quei mantelli non potrà mai permetterseli. Come spesso succede, è un trauma a far decollare le cose. Già nella seconda metà del 200 quando la borghesia mercantile prende il volo inaugurando il secolo doro i denti delle gualchiere si affacciano sullArno, pestando lana giorno e notte, e martellando il sonno del centro cittadino. Ma è lalluvione del 1333 a spazzare via tutto: le grandi zattere agganciate alle sponde del fiume contribuiscono ad impedire il flusso delle acque, e a provocare la piena. La decisione del Comune è irremovibile: nessuna nuova gualchiera o mulino potrà essere ricostruito per 400 braccia a valle del Ponte alla Carraia e per 2.000 a monte del Ponte di Rubaconte (il Ponte alle Grazie). Così la gualcatura delle lane si deve spostare.

Ci pensano gli Albizzi, nobiltà magnatizia in cerca di supremazia fra i lanaioli fiorentini. Hanno già adocchiato un buon terreno, compreso fra Rovezzano e Pontassieve. Proprio in quel punto dove fin dalla preistoria si affaccia la transumanza lArno si stringe, facilita il guado; e unansa ne rallenta la corsa, agevolando il governo dellacqua. Sotto la spinta della potente famiglia, in pochi anni prende vita un vero e proprio distretto industriale: sulla riva sinistra le gualchiere di Remole, sulla destra quelle di Quintole, del Girone e di Rovezzano. Si tratta di un bacino produttivo davanguardia, completamente meccanizzato: è lacqua a spingere tutto, cilindri, magli, aste che comprimono i tessuti allinterno di grandi vasche. La produttività è alle stelle, gli stranieri sono a bocca aperta. A partire dal 300 spiega Carlotta Cianferoni, funzionaria del Polo Museale fiorentino questo complesso ospita uno dei settori manifatturieri più vitali dEuropa. Firenze è capitale mondiale dellindustria tessile. Le lane battute escono a tonnellate dalle vasche, mentre a generazioni i fiorentini si usurano immersi in un frastuono assordante, assediati da un odore nauseabondo: lopificio è una fucina che attraversa i secoli. Quando gli Albizzi cadono in disgrazia, è non a caso lArte della Lana a rilevare lindustria, e a gestirla per oltre 250 anni, fino al momento in cui il granduca Pietro Leopoldo di Arti e Corporazioni non vuol più sentir parlare. Tutto cambia in questo passaggio fra 700 e 800: con il motore a scoppio, la rivoluzione industriale figlia dellilluminismo relega la meccanica idraulica in soffitta. Il prestigio dellopificio è perduto, insieme alla funzione originaria. Al complesso di Remole passato nelle mani del Comune di Firenze nel 1918 rimangono lavorazioni residuali, il mulino, un colorificio. Ma la manifattura non cede. Bisogna aspettare le bombe tedesche del 44 perché la struttura subisca il primo tracollo: eppure il corpo di fabbrica regge, e continua ad operare. Il 4 novembre 66 la piena lennesima distrugge il porto e spazza via il traghetto che ancora collega le rive. E sempre, e nonostante tutto, il borgo non si arrende: quattro mulini rimangono in funzione fino al 1984, straordinario caso di impianto tardo-medioevale arrivato quasi intatto ai giorni nostri. Ecco perché conclude Cianferoni le Gualchiere di Remole sono inserite nellelenco dei beni storico-artistici tutelati dalla legge: la pescaia, le cateratte, le torri, il corpo di fabbrica, sono tutte parti di una struttura ancora capace di raccontare la propria storia, di essere museo di se stessa. E invece

Invece oggi uno dei maggiori esempi europei di archeologia pre-industriale è in gran parte inagibile, e a malapena visibile. Ingoiato dallincuria di custodi incapaci di coltivare la manutenzione come virtù. Oggi la lungimiranza del passato è soffocata dallerba. Si fatica a percepire lantico splendore, a meno di non chiamarsi Piero Gensini, scultore che da 26 anni scolpisce il vento e racconta lacqua in uno studio affacciato sulla piazzetta, proprio davanti ad una torre guelfa. È rimasto solo lui: il guardiano delle Gualchiere. Sono arrivato qui per caso racconta quando ancora il borgo viveva, con la sua bottega di alimentari, il ciabattino, qualche nucleo familiare. Pian piano se ne sono andati tutti. Anche i Del Soldato, che erano gualchierai fin dal Medioevo. Ma lo scultore rimane, a lottare con lumidità, a riparare tetti, e muri. Vuole resistere, e per far questo paga addirittura laffitto al Comune. Con lui rimane la sua arte, traghettatrice di storie, capace di raccogliere il mormorio della pescaia, i sussulti delle cateratte, lo scalpiccio sulle torri merlate, ancora visibili, vicine. Vive. In questo posto il vissuto umano trasuda dalle pietre. Le mura parlano, bisogna solo riuscire ad ascoltare.



news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news