LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Palazzo Citterio Il restauro fa discutere
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 12/3/2018

Il critico darte Philippe Daverio, membro del comitato scientifico di Brera, contesta i lavori di restauro a Palazzo Citterio, denunciando lassenza di dialogo tra Soprintendenza e direzione della Pinacoteca e la mancanza di logica progettuale nelle revisioni di sale e giardino. Frenata anche sulla mostra che aprirà l11 aprile, dopo lannuncio della soprintendente Ranaldi.

Tempestato di telefonate dopo larticolo sul Corriere in cui la sovrintendente Antonella Ranaldi svelava lapertura di Palazzo Citterio per l11 aprile, ieri il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne alla fine ha chiuso il telefono e ha rilasciato una sola laconica dichiarazione allagenzia Ansa. Per spiegare, in sostanza, che la mostra dinaugurazione è organizzata dalla Sovrintendenza che ha diretto i lavori di restauro e che Il passaggio di consegne alla Pinacoteca avverrà quando saranno collaudate le strutture e gli impianti. È unoperazione lunga e delicata la cui data di avvio non è stata comunicata.

Fine della velata polemica con la Sovrintendenza. A parlare è invece Philippe Daverio, che fa parte del comitato scientifico. Il suo ultimo sopralluogo a Palazzo Citterio risale a quattro mesi fa e il giudizio è senza appello.

Mi è sembrato una gaffe estetica senza limiti, senza logica, progettualità e destino preciso degli spazi.

Ma nemmeno il metodo gli è piaciuto. Sono trascorsi quarantanni dallinizio dei lavori e in tutto questo periodo, lamenta Daverio, cè stata una totale mancanza di dialogo fra progettazione e funzione.

Sarebbe stata auspicabile una concertazione con la direzione della Pinacoteca. La patologia di questa operazione è duplice: da una parte il ministero non è capace di esprimere unestetica; dallaltra le gare dappalto non sono in grado di offrire qualità. Sono state inventate direttamente da Ponzo Pilato per non assumersi le responsabilità, così tutti si lavano le mani. Il risultato è un esempio quasi universitario di incapacità progettuale.

La stanza col soffitto per metà riportato alloriginale e per laltra metà lasciato nel gusto anni Trenta, ne sarebbe il paradigma negativo.

Restauro non vuol dire semplicemente mantenere vivo ciò che cera perché altrimenti non avremmo avuto gli splendidi interventi di Carlo Scarpa. Il restauro è sempre una rilettura e la scelta dindirizzo di come combinare il preesistente con le funzioni odierne è fondamentale. Come tutte le opere linguistiche, larchitettura è alla fine un percorso nel quale ciò che conta è il tono che ne viene fuori. Qui è miserevole. È quella cosa che si chiama la civica architettura, realizzata con materiali poverelli.

Nemmeno il giardino si salva dallelenco delle bruttezze.

Le aiuolette sono da ferrovie dello Stato. Ma anche lo scalone di salita è un crimine architettonico perché ha rotto totalmente il rapporto con lo spazio storico. Nessuna Sovrintendenza avrebbe autorizzato un privato a compiere un gesto così feroce, ma qui il controllato e il controllore sono lo stesso e quindi sono liberi di fare ciò che vogliono.

Laffondo di Daverio, col suo gusto per liperbole e lironia, è tranchant. Tutto il contrario della pacatezza con cui Giovanni Carbonara, professore emerito Sapienza Università di Roma e consulente della Sovrintendenza nella progettazione per Palazzo Citterio, difende il lavoro svolto.

Lantico edificio era stato ampiamente manomesso negli anni, anche da architetti di qualità, con una serie di interventi non compiuti. Noi abbiamo cercato di far tesoro di questa stratificazione e di presentare nella sua diacronicità la successione degli eventi che si sono succeduti. Così ora il palazzo non solo espone le opere darte, ma si autoespone con la sua storia complessa. Diventa un racconto del suo passato che abbiamo delicatamente di ricucito.

Quella di Carbonara è dunque una lettura della complessità non come rinuncia progettuale, ma come rispetto per la storia.

Il restauro è stato scrupolosissimo e raffinato. E lo scalone ha una sua monumentalità, in scala con i grandiosi spazi museali.

Sarà il pubblico a dirimere la questione. Lo accetta anche Daverio: Forse sono troppo severo io. Lunica cosa sarà chiedere un giudizio ai milanesi.




news

17-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news