LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA ITALIA - Terzo Valico, resa dei conti per il M5S
di VITTORIO COLETTI
12 marzo 2018 LA REPUBBLICA


Il caso del Terzo Valico può essere preso come una cartina di tornasole per verificare la compatibilità politica di M5S e Pd o meglio di due culture diverse. Lasciamo pur stare il problema dellenorme spreco di risorse pubbliche se si bloccasse ora unopera già per metà compiuta e quasi del tutto finanziata, e andiamo alla sostanza: infrastruttura indispensabile per ridurre lisolamento ferroviario e logistico di Genova, accorciare i tempi della sua distanza da Milano e quindi dal Nord Europa, dare lavoro mentre si fa e aumentarne quando sarà fatta; grande opera dispendiosa, dannosa per il paesaggio, fastidiosa per chi vive in prossimità dei cantieri, inutile: questi i due opposti punti di vista.
Questi due punti di vista guardano al Terzo Valico, rispettivamente, il primo, dalla comunità allargata di Genova, della Liguria, dei traffici marittimi, delleconomia nazionale ecc.; il secondo da quella più ristretta degli ecologisti puri, dei cultori della decrescita felice, degli abitanti di Borzoli e dei piccoli centri tormentati per anni dai cantieri. Entrambi i punti di vista hanno una loro legittimità e nobiltà e anche se, a occhio, il primo sembra più vasto e coraggioso, meno limitato e impaurito, il secondo può addurre dalla sua la cura del paesaggio e la protezione degli ultimi, dei piccoli villaggi contro linvadenza delle grandi città, delleconomia domestica contro quella globale. Che cosa può fare la differenza? La quantità e qualità di futuro che ognuno dei due punti di vista contiene in sé.
Il primo scommette su un futuro di crescita occupazionale ed economica, di maggiore velocità e più frequenti contatti, di sviluppo dei trasporti marittimi e ferroviari; fa notare che questi non sono particolarmente inquinanti, che su di essi ha puntato lEuropa avanzata, e persino la Svizzera, pur molto gelosa del suo paesaggio alpino. Il secondo promette un futuro a velocità più tranquilla, la bellezza locale, la consegna ai figli di un paesaggio intatto. Per sapere quale dei due futuri costituisca un miglior investimento, bisogna, come sempre, guardare al passato. Ci sono grandi opere pubbliche il cui prezzo in termini di costi e danni paesaggistici non sia stato compensato dai vantaggi di lungo periodo?
Dalle cattedrali nate spianando interi quartieri e oggi gioielli dellarte, alle strade romane, alle autostrade, alle linee ferroviarie, ai porti ottenuti invadendo il mare: quale e quanto è stato il bene e, in certi casi, anche il bello che hanno prodotto! Ma lo hanno fatto ai danni di molta gente, del paesaggio urbano o naturale di prima. Se ieri quelli di Feglino avessero ragionato come oggi quelli di Borzoli non ci sarebbe lautostrada dei Fiori: il paesaggio sarebbe certamente più bello, non deturpato dai grandi viadotti, ma leconomia ligure, il lavoro, il turismo, il reddito, no.
Se ci si pensa, le opere pubbliche, alla lunga, sono quasi sempre in attivo nel bilancio tra i costi e i danni che hanno provocato con la loro costruzione e i benefici e i guadagni che hanno portato una volta realizzate. Diversamente da quelle private, come i palazzoni della speculazione edilizia lungo la Riviera, che hanno, certo, dato lavoro durante la loro costruzione, ma hanno poi concluso il loro beneficio nelle tasche di poche persone, le opere pubbliche sono nel tempo di tale utilità collettiva che oggi quasi nessuno pensa di abbatterle neppure quando brutte, se non, eventualmente, per rifarle più belle.
Nelle due ipotesi di futuro che si contendono le sorti del Terzo Valico ci sono anche due diverse idee del presente: luna è quella che pensa che il presente debba costruire uneredità per il futuro, pagandone il prezzo in termini di risorse, di paesaggio, di disagi durante la realizzazione di un progetto; laltra è quella che ritiene che il presente non debba rinunciare a nulla di certo a profitto dellincerto futuro, al quale però ritiene doveroso consegnare intatto e immodificato quello che ha ricevuto dal passato.
Ci sono infine due politiche differenti: una è quella di governo, che persegue quello che reputa bene per il maggior numero di persone, calcolando persino quelle che debbono ancora nascere, pensa allinteresse della maggioranza, ed è paradossalmente
rappresentata oggi da un partito di minoranza destinato allopposizione ( il Pd); laltra è quella di opposizione, paradossalmente rappresentata oggi dal partito di maggioranza che aspira al governo (5S), che antepone il bene certo di quelli di Borzoli di oggi a quello sperato dei liguri di domani.
Lincontro tra Pd e Movimento Cinque Stelle, se dovrà avvenire, non potrà evitare di fare i conti, anche sul Terzo Valico, con queste due culture.



news

22-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

Archivio news