LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Stop a nuovi scavi, via libera alla legge veneta sulle cave
Marco Bonet
Corriere di Verona 13/3/2018

ma arriva lok ai tunnel ai colli euganei

Venezia. Il consiglio regionale ha approvato ieri a Venezia la legge sulle cave. Il testo normativo era atteso da 36 anni. Ora è stop a nuovi scavi assicura lassessore Giampaolo Bottacin. Via libera invece ai tunnel sotto il Parco dei Colli Euganei. Le imprese non si scompongono: il blocco a nuove cave non ci preoccupa visto il mercato.
Dopo 36 anni di attesa, il Veneto ha finalmente una nuova legge sulle cave. Lha approvata ieri il consiglio regionale, con 31 voti a favore (la maggioranza tutta più il centrista Zorzato, la tosiana Negro e il civico Dalla Libera) e 14 contrari (il resto dellopposizione). Il testo è frutto di un lavoro impegnativo - commenta soddisfatto lassessore allAmbiente Gianpaolo Bottacin - su cui è stata trovata ampia condivisione, a partire dallaspetto più importante, il no a nuove cave. In realtà, come ha ripetuto fino allo sfinimento il consigliere dem Andrea Zanoni, nella legge non cè alcuno stop a nuove cave, questo è rinviato al Piano regionale sullattività di cava, il provvedimento che dà esecuzione alla legge che, assicura il presidente dellassemblea Roberto Ciambetti, arriverà in consiglio a stretto giro, forse già martedì prossimo, completando così la disciplina del settore.

Il perno attorno a cui ruotano la legge e il piano è la riduzione del consumo del suolo, anche in ossequio alle norme obiettivo approvate a Palazzo Ferro Fini a fine dicembre. Il fabbisogno previsto per i prossimi 10 anni è di 80 milioni di metri cubi di materiale: di questi, 12,5 milioni di metri cubi deriveranno da nuove estrazioni, mentre la parte restante sarà recuperata da demolizioni, opere pubbliche ed estrazioni già autorizzate, secondo la logica del massimo sfruttamento. Nuove autorizzazioni, quindi, riguarderanno solo ampliamenti di cave esistenti, ma per quanto riguarda sabbia e ghiaia non potranno esserci neppure quelli, se non nelle province di Verona e Vicenza. Ogni autorizzazione potrà essere prorogata una sola volta (le aziende potranno farsi avanti tre anni prima della scadenza) e il ristoro per la presenza di una cava non riguarderà più soltanto il Comune interessato ma anche quelli contermini. Le Province potranno assumere la competenza autorizzatoria previa intesa con la Regione e solo se dimostreranno di avere, dopo la legge Delrio, le competenze e le risorse per farsene carico. Le cave esaurite, infine, non potranno più essere utilizzate come discariche ma potranno essere trasformate in bacini di laminazione per la sicurezza idraulica e in bacini di accumulo per lirrigazione.

La nuova legge trova il giusto equilibrio tra sensibilità ambientale e sviluppo economico, chiosa il presidente della commissione Ambiente Francesco Calzavara, mentre per il capogruppo di Forza Italia (ed ex assessore) Massimo Giorgetti viene finalmente attuata una pianificazione regionale non ingessata, ma dinamica, che segue le esigenze del mercato. Si dice basta allaccaparramento dei materiali, alle cave di rapina, ai cavatori-speculatori, grazie a un nuovo approccio che garantisce a tutte le realtà produttive di poter lavorare con regole paritetiche senza dover sottostare al monopolio dei cavatori. Daccordo Maurizio Conte, ora in Forza Italia, che da ex assessore allAmbiente della Lega tentò di portare in aula la legge senza riuscirvi: La legge offre garanzie di giustizia mettendo tutti sullo stesso livello mentre in questi anni si è assistito, soprattutto a Treviso, ad una concentrazione di autorizzazioni che ha messo in difficoltà le piccolo realtà.

Diverso il giudizio del Pd, che con Claudio Sinigaglia contesta il via libera alle estrazioni di trachite nel Parco dei Colli Euganei, in deroga al Piano ambientale dello stesso Ente Parco (Con un colpo di mano, la Regione si sostituisce al Parco, commissariato da due anni, senza aver chiare le conseguenze del suo via libera) e con Stefano Fracasso e Andrea Zanoni sottolinea i ritardi della legge (In questi anni sono state inferte ferite insanabili al territorio), le sanzioni ritenute troppo basse (Gli scavi abusivi fino a 25 mila metri cubi erano puniti più severamente dalle vecchie norme; gli obblighi di ricomposizione non sono mai stati fatti valere) e gli scarsi poteri riconosciuti a Province e Comuni, che non potranno neppure decidere se aprire una cava oppure no e, se sì, dove.

Rinvia al Piano il suo giudizio definitivo anche Stefano Pasinato, presidente della Sezione Marmo ed Estrattive di Confindustria: Allinizio non eravamo stati per nulla coinvolti. Poi, nel corso delle audizioni, avevamo avuto modo di indicare le nostre priorità: vedremo come queste saranno declinate in concreto sul territorio, dalla sicurezza alla responsabilità dimpresa. Lo stop a nuove cave? Con il mercato attuale non ci preoccupa.



news

22-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 luglio 2018

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

Archivio news