LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LArtemide e i tesori di Vespasiano Gonzaga
14 marzo 2018 LA GAZZETTA DI MANTOVA


Unopera al mese: venerdì Ventura parla della scultura di Sabbioneta conservata in San Sebastiano


Torna il ciclo Unopera al mese e venerdì alle 18 a Palazzo San Sebastiano si parlerà con lo storico dellarte Leandro Ventura de LArtemide di Sabbioneta, la collezione di Vespasiano Gonzaga e la città. Levento, aperto al pubblico, è a cura del Comune e dei Musei Civici in collaborazione con il Mibact e con gli Amici di Palazzo Te. Unoccasione speciale, dunque, per conoscere la storia di una delle sculture più interessanti della raccolta antiquaria conservata nel Museo della Città: lArtemide/Diana frammentaria, pregevole opera in marmo del II secolo a.c.. proveniente da Sabbioneta. A presentarla, come si diceva, sarà il professor Leandro Ventura, storico dellarte e dirigente del Mibact, autore di studi sulla Collezione di Vespasiano Gonzaga. E la città di Sabbionaeta sarà il fulcro della narrazione dellappuntamento. E una scultura frammentaria con la testa probabilmente moderna - spiega Ventura - che presenta delle forti analogie con lArtemide di Versailles, una scultura romana del II sec. d.c., copia da un originale greco del 330 a.c. circa, oggi conservata al Louvre. Sia lArtemide di Sabbioneta che quella più nota di Parigi hanno una storia collezionistica che risale al XVI secolo, dal momento che la scultura del Louvre fu donata nel 1556 da papa Paolo IV al re di Francia Enrico II nel 1556, e anche lArtemide di Sabbioneta potrebbe essere giunta da Roma verso il 1583-1584, come molte altre opere della collezione di Vespasiano Gonzaga. Come spiega lo storico interessante è il ruolo che questopera assunse una volta arrivata a Sabbioneta, nella definizione dellaspetto che la città di Vespasiano Gonzaga doveva dare ai visitatori. Da una relazione redatta da Giovanni Girolamo Carli in occasione di una sua visita a Sabbioneta l8 luglio 1775, un torso di Diana vestito alla spartana ovvero con abito che terminava poco sopra le ginocchia, era collocato in una nicchia esterna del Teatro allAntica. Questa traccia ci suggerisce laspetto che doveva offrire la città, perché gli edifici e gli spazi pubblici, in particolare quelli rappresentativi del potere ducale, dovevano essere interamente decorati con opere antiche o allantica, rendendo visibile a tutti gli effetti il modello scelto da Vespasiano Gonzaga per la sua città e per se stesso, ovvero il modello antico romano. Roma quanta fuit ipsa ruina docet è il motto che corre allesterno e allinterno del Teatro sabbionetano e ci segnala il fondamento delle scelte figurative compiute da Vespasiano Gonzaga, un principe di formazione umanistica che fondeva in sé i caratteri dellottimo principe rinascimentale. Come spiega Ventura laspetto allantica di Sabbioneta, oggi molto ridimensionato e ricostruibile solo facendo riferimento ai documenti e alle ricostruzioni ipotetiche, doveva essersi confermato fino agli ani Settanta del XVIII secolo, quando fu avviata una capillare campagna di spoglio dei monumenti sabbionetani, per la costituzione del museo dellAccademia Mantovana di Lettere e Arti. In una lettera del 25 ottobre 1774 Antonio Maria Romenati descrive i marmi antichi come opere che si presentavano ammalorate e trasformate da scialbature di calce (forse stese in occasione di pestilenze), così da apparire a occhio inesperti come calchi in gesso. Ciò avrebbe comunque salvato i marmi sabbionetani dalle spoliazioni, consentendo ai funzionari del governo austriaco di trasferire a Mantova decine di pezzi, spesso di grande pregio. Attraverso lanalisi dellArtemide di Palazzo San Sebastiano, quindi, si tenterà di offrire unimmagine di Sabbioneta appena un poco più vicina a quello che avrebbe potuto vedere un visitatore a fine Cinquecento, nel momento di massimo splendore della città di Vespasiano Gonzaga.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news