LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Giro di vite sui reati contro il patrimonio culturale. Tutte le novità
Enrico Canaletti
http://www.artslife.com/2018/03/22/tutela-e-reati-contro-il-patrimonio-culturale-in-italia/

Dal 1969, anno di istituzione del Comando Carabinieri tutela patrimonio culturale e della rispettiva Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti i dati registrati sono tragici.

Ecco i numeri precisi che tristemente segnano la storia italiana: 790.626 opere darte trafugate, 1.190.791 sequestri di reperti archeologici e 272.384 beni falsificati; 1.192 arresti e 35.584 denunce. La costituzione della Comando e della rispettiva banca dati segna sicuramente un punto di svolta nellevoluzione storica della tutela penale dei beni culturali per la cui comprensione bisogna però fare dei passi indietro.

Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, considerato quanto del patrimonio storico e artistico italiano era andato perduto, distrutto e soprattutto depredato, la necessità di una tutela reale ed efficace era più che mai necessaria. Tuttavia, nonostante lespresso riconoscimento tra i valori primari della Repubblica della tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico, il vecchio codice penale, il codice Rocco, si presentava privo di una disciplina puntuale e decisa in materia di reati contro il patrimonio culturale.

Numerosi e importanti sono stati i passi per lammodernamento del nostro ordinamento, a partire dalla costituzione della commissione Franceschini e dalla ratifica della Convenzione UNESCO del 1970 e della più recente Convenzione UNIDROIT del 1995, fino allapprovazione nel 2004 del Codice Urbani, il quale dedica per la prima volta una intera sezione ai reati contro il patrimonio.

Tuttavia, lattuale tutela penale del patrimonio storico e culturale italiano presenta ancora lacune e, in particolare, risulta priva di coerenza, divisa tra codice penale e codice dei beni culturali. Ma lo scorso giugno una nuova piccola rivoluzione ha interessato il nostro Paese. È stato approvato alla Camera il disegno di legge di riforma alla disciplina sanzionatoria in materia con lobiettivo di assicurare efficienza, efficacia e coerenza alla tutela del nostro patrimonio culturale.

Sono le nuove e autonome fattispecie di reato (non più semplici aggravanti di fattispecie generali) gli strumenti voluti dal legislatore, introdotte dai sei nuovi articoli del titolo VIII-bis del codice penale. In particolare, sono il furto, lappropriazione indebita, la ricettazione, il riciclaggio, lillecita detenzione, le violazioni in materia di alienazione, luscita o lesportazione illecita, il possesso ingiustificato di metal detector, il danneggiamento, il deturpamento, limbrattamento e luso illecito di beni culturali (in questo caso anche paesaggistici), la devastazione e il saccheggio, la contraffazione, le attività organizzate per il traffico illecito.

Inoltre, nellipotesi in cui vi sia condanna ad una delle fattispecie sopra citate il legislatore ha previsto la misura della confisca obbligatoria sia dei beni che sono prodotto o profitto del reato sia delle cose servite per commetterlo.

In aggiunta, il legislatore ha previsto un generale aumento delle pene che oltre a rafforzare leffetto deterrente porta con sé lulteriore effetto di trascinamento sugli strumenti processali, tra i quali larresto in flagranza, il processo per direttiva e le intercettazioni telefoniche tutti strumenti che assicurano maggiore incisività alloperato delle forze dellordine nel perseguire i reati contro il patrimonio culturale.

La riforma del codice penale, però, non interessa solamente le persone fisiche ma anche enti e imprese operanti nel mercato dellarte tra i quali le case daste alle quali va sicuramente la fetta più grande di tale mercato. Il legislatore, infatti, non si è limitato ad istituire e inserire i nuovi reati nel codice penale ma ha previsto gli stessi come reati presupposto per lapplicazione della responsabilità prevista dal d.lgs. 231/2001 quella degli enti per i alcuni crimini commessi dai propri dipendenti.

Di conseguenza, nellipotesi in cui un dipendente della casa daste sia giudicato colpevole per uno dei nuovi reati commessi nellinteresse o a vantaggio della stessa, è prevista lapplicazione per la casa daste di pesanti sanzioni pecuniarie e interdittive (e in alcuni casi anche la pubblicazione della sentenza).

Limportanza della tanto attesa riforma della disciplina sanzionatoria in materia è di immediata lettura. Basta infatti sfogliare il data-base del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, la Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, per capire che nonostante leccellente operato delle forze dellordine sono ancora molti (troppi) i beni culturali da ricercare e da trovare.

Giusto per citarne alcuni: la Madonna del melograno attribuita a Pier Francesco Fiorentino, trafugata dalla Pinacoteca di Gubbio, la Vergine col Bambino in Trono, attribuita al Garofalo, sottratta nel settembre 1986 a Ravenna, il dipinto di Gesù in croce e due Santi, di Camillo Procaccini, rubato dalla chiesa di Mariano Comense nel 2010, e quello che è forse il caso più noto il furto della Natività di Caravaggio, sottratta nel 1969 dallOratorio di San Lorenzo a Palermo.

Vi sono però anche esempi felici, frutto del primato internazionalmente riconosciuto allItalia nel recupero delle opere darte trafugate. Tornerà a Modena (esattamente sopra il paliotto in scagliola intarsiato con la stessa immagine del Guercino) la grande tela trafugata nel 2014 e raffigurante la Madonna con i Santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo del Guercino così come torneranno a Verona i 17 capolavori, tra i quali alcuni Tintoretto, Peter Paul Rubens, Pisanello e Jacopo Bellini, trafugati dal museo di Castelvecchio a Verona e poi ritrovati a Kiev.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news