LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il conte Tosio adesso riceve i bresciani
Alessandra Troncana
Corriere della Sera - Brescia 24/3/2018

Dopo un restauro da 450 mila euro, lappartamento del conte Tosio, nellomonimo palazzo, riapre al pubblico con i capolavori collezionati dallillustre proprietario: si potranno vedere ogni fine settimana, e su prenotazione, con le guide del Fai. Eccetto le opere che ora sono in Pinacoteca, lallestimento, seguito dal professor Valerio Terraroli con Brescia Musei, è rimasto intatto rispetto allOttocento: la posizione di ogni dipinto o scultura era indicata in un album compilato negli anni 50 del XVIII secolo.

Tra lampadari di cristallo, tappezzerie di seta e Veneri che si fanno la toeletta, restano ancora i suoi appunti a carboncino: con la sua calligrafia maschia e inclinata, il conte aveva scritto sulle pareti della galleria dove appendere le incisioni di Renica, in modo che nessuno trasgredisse di un centimetro. Della sua casa-museo disegnata dallarchi-star Rodolfo Vantini, Paolo Tosio aveva scelto persino le tende: anche le aste su cui erano appese erano opere darte.

I suoi pensieri a matita sono affiorati con il restauro: li hanno lasciati intatti. È come uno scavo archeologico dice il professor Valerio Terraroli, che ha curato lallestimento di palazzo Tosio. Lappartamento del conte viene riaperto al culto dei visitatori dopo un maquillage da 450 mila euro: ogni fine settimana, da oggi fino a luglio e poi su appuntamento, lesercito della bellezza del Fai ne mostrerà sale, alcova, corridoi e capolavori (faiprenotazioni.it).

In quella casa-museo, eccetto i dipinti e le sculture appena tornati in Pinacoteca, tutto è tornato esattamente al proprio posto: la posizione di ogni opera era segnata su un album in italiano e francese di metà Ottocento che la famiglia Zuccheri-Tosio, grazie al corteggiamento di Massimo Minini, ha donato allAteneo, linquilino del palazzo (se è stato restaurato, il merito è di Sergio Onger, il presidente). Lidea, condivisa con Brescia Musei fa sapere Terraroli è di restituire alla città una casa-museo ma anche il luogo dellAteneo, erede spirituale del conte che amava le lettere e la scienza quanto larte (sarà inquilino del palazzo fino al 2055, ndr ). Polvere e infiltrazioni avevano sfigurato gli affreschi: Siamo intervenuti sullo scalone, nellappartamento al piano nobile, sui tetti fa sapere lassessore ai Lavori pubblici Valter Muchetti. Il viaggio nellappartamento del conte inizia nel corridoio, davanti al busto del proprietario di casa. La Silvia di Torquato Tasso, scolpita da Cincinnato Baruzzi, si infila dei fiori nei capelli nella sala ovale, tra delicatissimi vasi cinesi. In quella rosa, accanto a paesaggi e chiari di luna di Giuseppe Canella, ci sono i busti di Napoleone e Canova. Per intrufolarsi nel gabinetto a sera, con gli specchi che nascondono passaggi segreti, bisogna passare dalla sala ionica, con le cetre di Apollo sopra le porte e la toilette di Venere alla parete. Sulla tessitura azzurra del gabinetto ottagonale è tornata laquila lignea che il conte aveva appeso sopra la testa di Eleonora dEste e ora svetta su quella di Saffo: prima di finire nei magazzini, da cui è stata recuperata. Nella sala bruciata allinizio del Novecento, è riemersa una zoccolatura dipinta in finto porfido imperiale e il bellissimo verde malachite delle pareti su cui erano incastonati i tondi di Thorvaldsen. Le tappezzerie di seta dellalcova sembrano rimaste intatte dallOttocento e fanno da sfondo a una Tersicore in gesso. Il restauro dellappartamento, come dice Terraroli, è solo il punto dinizio. Manca ancora lala est, riservata ai Raffaello: se riuscisse a recuperarla, lAteneo potrebbe esporre le opere della propria collezione. Ringrazio Onger per la sua intuizione ha detto il sindaco Emilio Del Bono . Ora via Tosio dovrà essere ripensata, anche negli arredi.



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news