LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, il governo ha scritto le regole. Ora tocca ai privati
Corriere del Mezzogiorno - Campania 24/3/2018

NAPOLI. Agopuntura territoriale, è la filosofia urbanistica di Josep Acebillo che ha firmato il Progetto strategico per il rilancio socio-economico, la riqualificazione ambientale, urbanistica e dellattrattiva turistica nella Buffer Zone Unesco dellArea Vesuviana. Una sorta di grillismo industriale, dati i tempi. O per meglio dire di disintermediazione. Intendiamo mettere in campo un modello di cittadinanza attiva. Per molti versi il nostro lavoro può essere assimilato a quello che succede nei quartieri delle città dove i privati adottano unaiuola. Con il Progetto di Acebillo è come se avessimo adottato tutta la Buffer zone. La spiegazione è di Marilù Faraone Mennella, presidente del consorzio Naplest et Pompei (30 imprenditori), nato per rigenerare pezzi di deserto post-industriale o urbano.

Ora che finalmente il ministero ha dato copertura finanziaria alla legge 1 12 si realizzeranno le condizioni perché i privati investano nellarea vesuviana della Buffer Zone. Un miliardo e 150 milioni per il rilancio economico-sociale, la riqualificazione ambientale e urbanistica, perché non esiste solo la Pompei antica. Senza le infrastrutture non si attirano fondi privati, senza i privati non si riqualifica tutta larea extra moenia , senza la quale ragionare sul turismo come sistema è inutile. È da oggi in poi che entrano in gioco i privati con soldi privati, sia chiaro.

Agli imprenditori servono condizioni prosegue Faraone Mennella . Questa legge, prima e unica in Italia, ha creato quello che a qualunque privato serve. E cioè un assetto di regole e semplificazione degli interventi in una sorta di mega accordo di programma. Regole per approvare anche in variante su un territorio finora bloccato. Un pezzo delle precondizioni dellinvestimento è riqualificare il territorio. La cementificazione non centra nulla. Mennella spiega che per lo più verranno utilizzati volumi dismessi. Il tema è che noi abbiamo dato finora un contributo progettuale: a cominciare dallhub ferroviario per il quale proponiamo uno spostamento dei binari a monte. Questo è un punto importante dellintero progetto. Acebillo, che per capirci ha diretto lufficio tecnico che ha riqualificato lintera Barcellona per le Olimpiadi, ha notato subito tre ferite: lautostrada, la linea Fs lungocosta e quella della Circumvesuviana. Allinizio anche io ero perplessa. Sono nata e cresciuta a Torre Annunziata col rumore di quel treno. Ebbene abbiamo verificato che è una linea che ha pochissimi passeggeri e poi non verrebbe eliminata. A monte cè la possibilità di aggiungere un terzo binario, senza neanche dover fare espropri. Lo hanno già fatto in Liguria, torna a vivere la linea di costa. Inoltre si prevedono interventi di nuova agricoltura, recupero di complessi industriali obsoleti ma di fattibile riutilizzo funzionale, recupero di beni ecclesiatici (cè laccordo con la Curia). La riqualificazione del fiume Sarno , la fitodepurazione, la promozione di attività di turismo rurale. E prosegue: Mentre al tavolo precedente abbiamo dato un contributo progettuale, oggi si deve partire. Ai privati toccherà lattrazione degli investimenti privati. Torniamo a fare i privati in un quadro strategico evoluto. E parliamo di investimenti non solo locali, ma internazionali. Non solo perché il brand lo merita ma ci sono le premesse per un riscatto del territorio. Cè una sinergia non scontata con le istituzioni locali. Noi ci mettiamo la faccia siamo felici che gli attori hanno trovato una quadra e siamo pronti a rilanciare questa sfida. Ci sono le premesse perché accada. Privati che non concorreranno ai bandi pubblici, tra laltro.

Insomma la zona vesuviana come larea Expo a Milano? Mi sento positiva ma il numero di proprietari fa la differenza spiega la presidente di Naplest . A Milano la proprietà è concentrata. Qui è frammentata. Il prossimo step è la governance. Ovvero, per legge, serve un soggetto attuatore tra Invitalia e lUfficio Grande progetto Pompei. Noi abbiamo bisogno di far presto. Pompei è un grande attrattore ma il flusso turistico deve essere strutturato. Oggi arrivano 3 milioni e 200 mila visitatori, ma lo dobbiamo strutturare. Devi cominciare con un pugno nellocchio, solo così si determinano i processi. E sulla complessa vicenda politica italiana, sul cambio di governo dice: Il giorno dopo le elezioni avevamo un appuntamento per andare a Milano. Ho chiesto: lappuntamento è ancora valido? Mi hanno risposto: ovvio. Non vedo nessun turbamento. Questa legge importante è un impianto neutro. Se mettessero meno soldi li troveremmo noi.



news

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

21-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 luglio 2018

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

Archivio news