LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A Pompei torna larcheologia. Con il lavoro di Osanna e dei tecnici si è ripreso ad alimentare lantico fascino
Antonio Irlando
Corriere del Mezzogiorno - Campania 25/3/2018

Cosa sarebbero gli scavi di Pompei senza larcheologia? Direte: mica è possibile, ma che domanda è? Detto in un altro modo: riuscite ad immaginare unarea archeologica dove non si pratica il mestiere di archeologo e quindi non si fa archeologia? Ancora assurdo! Ma questo è accaduto per molti anni a Pompei tra lo sdegno dellopinione pubblica internazionale.

Si praticavano appalti milionari con i quali, piuttosto che fare tutela, si cementificava in inutili e devastanti depositi, uno dei quali era visibile sullo scenario dove nei giorni scorsi sono state presentate le ultime scoperte archeologiche pompeiane. Quelle scelte hanno dato il colpo di grazia alla gestione che ha dato il via alla terribile e lunga stagione dei crolli e della distruzione di pezzi preziosissimi dellarea archeologica tra le più visitate al mondo. È poi partito il Grande Progetto con 105 milioni dellUnione Europea e si e posto un argine alla devastazione di Pompei. Con la sapiente conduzione del direttore generale del Parco pompeiano, larcheologo Massimo Osanna, sono stati realizzati interventi di messa in sicurezza, conservazione e restituzione alla fruizione pubblica di interi quartieri e domus talvolta dimenticati da decenni.

Oggi finalmente è ritornata larcheologia, sia pur sotto le ufficiali sembianze della messa in sicurezza di oltre 2,5 km di muri antichi dei fronti di scavo di zone di cui sembrava dimenticata lesistenza. Si tratta di facciate di case lungo diverse strade in basolato romano, alle cui spalle grava una enormità di metri cubi di terreno (spesso pericolosamente rigonfio dacqua) e soprattutto la preziosa miscela di cenere e lapilli, che ha sigillato, con leruzione vesuviana del 79 d.C., la vita dellantica città romana. Per mitigare il rischio idrogeologico, causa di molti mali strutturali alle case di Pompei, bisognerà alleggerire i terrapieni e costruire deflussi agili per le acque meteoriche. Per fare questo importante lavoro si deve scavare. E scavare in area archeologica significa farlo con le regole e le opportunità dellarcheologia. Si riprende la scoperta di muri, nuove domus, pitture, oggetti, suppellettili. Dunque si scava come si faceva oltre cinquantanni fa.

È questa la gran bella notizia per unarea archeologica che negli anni recenti ha prodotto notizie utili alla cronaca giudiziaria, ma non certamente alle cronache di archeologia.

Con il lavoro di Massimo Osanna e del suo staff di archeologi, architetti e restauratori si è ripreso ad alimentare il fascino universale di Pompei fondato su ricerche archeologiche, studi e scoperte di nuovi scenari della conoscenza del mondo romano nellarea vesuviana. Il lavoro che si sta realizzando a Pompei sta aiutando a capire che è utile investire in conservazione del patrimonio culturale, per poi passare alla valorizzazione turistica dei monumenti.

Oggi, con il progetto strategico dell Unità Grande Pompei, si è avuta una nuova seconda visione importante di sviluppo che consiste nel legare la conservazione e la valorizzazione dei siti monumentali allinterno di un contesto più ampio di riequilibrio e rigenerazione dei territori che li ospitano, dove i Comuni, purtroppo ancora oggi, sembrano attuare politiche di gestione urbanistica che non tengono conto del patrimonio culturale - di valore straordinario, unico ed irripetibile - che è in essi presente.

La struttura gestionale del Grande Progetto Pompei che da qualche giorno dirige il generale dei carabinieri Mauro Cipolletta, nasce anche per creare sui territori limitrofi alle aree monumentali un argine a degrado, miseria, disoccupazione ed interessi criminali della malavita organizzata per tentare di riconvertirli da invivibili in luoghi ospitali, accoglienti ed efficienti. Una sfida dalle sembianze bibliche che è necessario accogliere come ha fatto bene ieri in unintervista al Corriere del Mezzogiorno , Marilù Faraone Mennella , presidente del consorzio Naplest et Pompei, composto da trenta imprenditori disposti ad investire in questa zona. Per vincere la partita dello sviluppo, contro il degrado sociale ed economico, è assolutamente necessario che tutti i Comuni del territorio vesuviano la combattano insieme, evitando di rimanere ognuno arroccato sul proprio campanile.




news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news