LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Polittico Costabili: una vera spy story Parola di Settis
di GIAN PIETRO ZERBINI
28 marzo 2018 LA NUOVA FERRARA




La lezione dello storico dellarte in Pinacoteca sul capolavoro dellarte ferrarese del 500

Il Polittico Costabili? È una bellissima spy story. Salvatore Settis, archeologo e storico dellarte di fama internazionale, ha così introdotto ieri pomeriggio alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara lincontro promosso per presentare il libro di Luisa Ciammitti e Vincenzo Gheroldi sul capolavoro dellarte ferrarese del Cinquecento. E ha subito fatto centro perché il Polittico Costabili riserva sempre delle sorprese negli anni con nuove scoperte per svelarne la datazione, lorigine e la sua definitiva stesura. Quante discussioni e teorie contrapposte sono state fatte su questo capolavoro che si può ammirare nellala rossettiana della Pinacoteca nazionale, uno dei più significativi rimasti a Ferrara di quel fecondo periodo artistico.

Il fascino di unopera

Lopera, una monumentale pala daltare, alta quasi 10 metri, destinata alla chiesa di SantAndrea, fu commissionata poco più di 500 anni fa a Garofalo e a Dosso Dossi da Antonio Costabili, ma proprio sulla datazione e su chi effettivamente ha dipinto le varie sezioni del Polittico sono state formulate varie teorie. E il contrasto evidente tra la datazione stilistica e la datazione documentaria è stato alla base del discorso di Salvatore Settis che ha spiegato il fascino delle ricerca storica, elencando anche altri casi di attribuzioni dubbie dal punto di vista cronologico.

Le datazioni.

Davanti al Polittico Costabili - ha spiegato Settis - opera oggetto di culto, il problema della cronologia sotto questa prospettiva è irrilevante. La cronologia invece è importante se ci accostiamo allimmagine in modo specialistico. Quando non cè la data sullopera bisogna fare tre sostanziali ragionamenti per arrivare a definirla. Una è rappresentata dalla datazione tecnologica, quella usata ad esempio dagli archeologi con il carbonio 14. La seconda è la datazione documentaria, quando si trovano reperti o documenti in grado di dare una temporaneità allopera e cè infine una terza via che è quella della datazione stilistica. Da qui la capacità di confronto, a volte queste datazioni sono diverse e da qui si misura la forza o la debolezza dei vari approcci.

I misteri nellarte.

Settis ha fatto lesempio anche di opere che hanno impressa una data che non convince come la Madonna di Guido da Siena, (1221), una data incompatibile o laffresco sempre a Siena di Simone Martini nella Sala del Mappamondo raffigurante Guidoriccio da Fogliano, preamboli per arrivare al Polittico Costabili, che ha avuto una serie di datazioni contrastanti proprio perché la datazione stilistica strideva con la datazione documentaria. Un vero mistero che con gli anni è stato parzialmente svelato, ma come ha sottolineato Settis il problema non è ancora completamente risolto. Si è cominciato a pensare - ha detto lo storico dellarte - al Polittico Costabili come opera realizzata da Dosso Dossi e Garofalo per la chiesa di SantAndrea circa nel 1530. Sandro Ballarin ne ha poi anticipata la datazione negli anni 1523-25, con una prima fase attribuita a Dosso e una seconda a Garofalo. I documenti rinvenuti poi da Adriano Franceschini comprovano che i due pittori andarono a comprare i colori a Venezia nel 1513 per realizzare lopera commissionata. Una vera spy story da qui poi è nata una riflessione più profonda sulle problematiche legate al disaccordo tra la datazione stilistica (attribuita attorno al 1520 -23) e la datazione documentaria (con documenti che risalgono appunto al 1513). Lincrocio ha evidenziato che la pala centrale del polittico ha avuto due distinte redazioni finite, soprattutto per quanto riguarda la figura di SantAgostino, prima raffigurata nella pala centrale e poi spostata da un altra parte del polittico. La pala centrale originaria si è espansa ed è diventata un polittico. Lopera ha quindi una sua storia che si dipana in un tempo lungo e spiega lincongruenza, con Garofalo che ha prima limpianto dominante e poi interviene Dosso.

Il terremoto.

Settis ha concluso segnalando come un evento negativo come il terremoto del 2012 abbia innescato una ricerca positiva che ha portato a studiare ancora meglio per necessità il Polittico Costabili. Grazie allopera di restauro e alle radiografie, sono emerse infatti le varie redazioni dellopera darte, avvenute in periodi diversi. Una ricerca condotta da Luisa Ciammitti e Vincenzo Gheroldi, diventata un libro di straordinario fascino e interesse per scoprire la verità su uno dei dipinti più belli e misteriosi dellarte ferrarese. Una ricerca che ha dato un ulteriore contributo a trovare la vera genesi di un quadro che ha visto come protagonisti due grandi pittori del Rinascimento estense, tra laltro diametralmente opposti. Hanno lavorato insieme e probabilmente hanno fatto anche la staffetta.

http://lanuovaferrara.gelocal.it/tempo-libero/2018/03/28/news/polittico-costabili-una-vera-spy-story-parola-di-settis-1.16650028


news

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

21-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 luglio 2018

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

Archivio news