LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ultima sorpresa della città- trincea dal cantiere emerge una necropoli
Tullio Filippone Marta Occhipinti
22 marzo 2018 LA REPUBBLICA




Fra le strade rosicchiate dai lavori in corso e le cicatrici della città dei cantieri, riaffiora una storia nascosta da secoli. Servivano gli scavi del tram, delle condutture fognarie e della nuova rete elettrica per tracciare la mappa dei tesori di Palermo: dai qanat arabi sotto la stazione Notarbartolo ai resti di un'antica posizione strategica militare cartaginese ritrovati a Villa Belmonte, fino alle due tombe dell'Età del rame ritrovate due anni fa in via Venere, a Mondello.

L'ultimo caso in via Guardione, a ridosso di piazza Tredici Vittime.

Dalle trincee del collettore fognario tecnici e archeologi hanno riportato alla luce una necropoli alto-medioevale di circa 400 metri quadrati, databile tra il quinto e il nono secolo dopo Cristo. Un sito, spiegano gli esperti, dove si sono stratificate ben due epoche: in profondità quella bizantina, sigillata dopo secoli da costruzioni arabe, poi abbandonate dai normanni che spostarono le loro mura verso via Cavour. Abbiamo ritrovato circa sessanta tombe e un centinaio di scheletri dice Stefano Vassallo, responsabile della sezione Beni archeologici della Soprintendenza Già stiamo provvedendo a spostarli nei nostri magazzini per studiarli.

Negli ultimi due anni, da sei grandi cantieri della città sono emersi beni archeologici di rilevante interesse.

I lavori di due anni fa sulla rete fognaria al Foro Italico hanno dischiuso i bastioni cinquecenteschi di Carlo V, mentre nello stesso periodo, al terminal degli autobus della stazione centrale, archeologi e operai si sono imbattuti a sorpresa nel distretto produttivo islamico del decimo secolo dopo Cristo, ritrovando antiche fornaci per la cottura. Altri insediamenti islamici erano stati scoperti un anno prima nella zona di corso dei Mille, tra le polveri degli scavi per la rete tranviaria. Ma qui, tra il canale del fiume Oreto e l'incrocio con via Decollati e via Tiro a segno, è arrivata la sorpresa: il ponte delle Teste mozzate, dove tra il 1799 e il 1860 venivano esposte le teste dei giustiziati. E il teatro di aspri scontri fra i Mille garibaldini e le truppe borboniche nel maggio del 1860.

È l'archeologia di una città cantiere aperto che ritrova il suo passato. E mentre i pedoni marciano in fila tra le fette di strade ridotte dagli scavi, c'è chi si ferma a studiare i cocci della storia che emergono dalla nuda terra. Come la squadra delle quattro archeologhe dei Beni culturali che da anni seguono ogni giorno i lavori pubblici insieme agli operai e agli ingegneri. In una città puntellata da lavori pubblici, la legge di "archeologia preventiva" del 2006, che sottopone i cantieri a un controllo da parte della Soprintendenza nelle aree a interesse archeologico, è diventata il motore di tante scoperte.

Spesso quelli che per gli operai sono semplici balatoni dice Giuseppina Battaglia, una delle quattro archeologhe che sorvegliano le trincee in realtà nascondono indizi di un tesoro sepolto da secoli, che solo un occhio esperto può riconoscere.

Quando affiora una scoperta, i primi a essere felici sono gli operai, ma la cultura di collaborazione dei committenti sta crescendo.

Un esempio sono gli scavi della rete elettrica Terna di via Venere, a Mondello, che nel marzo 2016 hanno riportato alla luce due tombe preistoriche che risalgono al 3000 avanti Cristo. O, ancora, il tracciato del futuro della fibra ottica che nello scorso novembre, in via Notarbartolo, ha fatto riaffiorare quello antichissimo dei qanat, i sistemi di drenaggio degli architetti arabi. Questa scoperta, insieme ad altre come le fornaci della Stazione e i reperti di via Guardione, lasciano ipotizzare che la città islamica si estendesse ben oltre i confini del centro storico. I cantieri, infatti, stanno favorendo scoperte inedite anche nelle periferie. Le sorprese arrivano anche dai cantieri di restauro di dimore storiche o di abitazioni private.

Nel 2015, a Palazzo Bellini, è stato trovato un tratto di un muro di fortificazione risalente all'età punica.

Abbiamo riscontrato grande collaborazione anche dai privati dice ancora Battaglia l'anno scorso in un palazzo della zona di Porta Sant'Agata, dove i proprietari stavano riparando l'ascensore, abbiamo ritrovato i resti di una bottega di ceramiche islamiche, al di fuori dell'antica città normanna. È così che l'imprevedibile si fa avanti. Da quelle macerie che fanno a pugni con la forza della bellezza storica.




news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news