LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Turisti e residenti, due città alla rottura
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 27/3/2018

Le due città, quella del turismo e quella dei residenti, sono entrate in collisione. E temo siamo oltre il punto di non ritorno. Il sociologo e urbanista Giandomenico Amendola non è molto ottimista sul futuro della città: È la domanda che crea lofferta di servizi e prodotti per turisti. E la domanda cresce sempre.

Io ho vissuto due anni in via dei Neri. Non mi stupisco affatto di cosa sta succedendo. Il turismo, a Firenze, è arrivato ad un tipping point , un punto di svolta, se non proprio di non ritorno: la città del turismo è entrata in collisione con quella dei cittadini. Giandomenico Amendola, sociologo e urbanista, già docente a Firenze, oggi vive a Bari. Ma dopo aver vissuto qua per oltre trentanni, in cui torna spesso, è pessimista sul futuro del turismo in città.

Professore, perché questa visione? È convinto che non ci siano spazi per una compatibilità tra turismo e residenza, a Firenze?

Normalmente, le due città convivono. Ma quando la città è piccola come Firenze, la compatibilità è difficile: qui ci sono meno visitatori di Roma, ma concentrati in un fazzoletto di terra.

Perché secondo lei siamo arrivati ad un punto di non ritorno?

Ci sono vari elementi che spingono la città dei turisti a mangiarsi, a sovrapporsi, a quella dei residenti. Quella centrale, è leconomia. In un modello in cui la domanda aumenta sempre, il sistema economico risponde offrendo quello che la domanda cerca: un parco a tema.

Questo però non implica immediatamente che i residenti vengano espulsi.

Sì, invece. Perché le dinamiche, in questa logica del consumo, spingono tutta leconomia della città a rispondere a questa domanda, sempre in aumento. Così però si spinge non solo ad offrire alberghi, cibo, prodotti, ma comporta anche che la città del turismo si allarghi il più possibile, a scapito di quella dei residenti.

È sempre stato così?

No, ma era un mondo diverso. Il mio primo incontro con Firenze è stato nel 61, giovane studente del corso per ufficiali di aeronautica. Ricordo gli alberghetti familiari, i ristoranti familiari. Anche allora cerano il Porcellino e i musei affollati, ma era una città che imprimeva allorganizzazione turistica il proprio Dna.

Quanto hanno influito le nuove piattaforme web (per le recensioni, per le prenotazioni di ristoranti e hotel) in questo processo?

Ovviamente moltissimo. Perché aumentano lefficienza dellincontro tra domanda ed offerta, ma soprattutto perché prima la vacanza era pianificata, ora grazie al web è istantanea. Il turismo è diventato volatile: la risposta arriva non solo nelluso degli spazi, ma nella capacità e nella velocità dei soggetti economici di interpretare le richieste dei turisti. Via dei Neri è così perché è diventata come un grande magazzino che offre la merce alla clientela che arriva. Interi pezzi di città sono dei grandi magazzini che vendono limmagine di Firenze. Non mangi la finocchiona e bevi sangiovese: mangi e bevi un pezzo di esperienza di Firenze. Succede già ovunque: chi compra il Brunello, che costa ormai più del Barolo, paga 30% il Brunello, il 70% lesperienza di bere qualcosa che arriva dalla Toscana. Cè uneconomia che vende un pezzo di esperienza di Firenze.

In economia però si studia lOttimo paretiano, lequilibrio tra domanda e offerta: alla fine, si fermerà questo processo?

Difficile trovare limiti, con un mercato mondiale del turismo che aumenterà del 4% lanno per i prossimi 10 anni e che vede interi continenti entrare nel mercato turistico. E anche perché si è creato, a mio parere, un circolo vizioso, virtuoso per chi ci guadagna, che risponde allequazione: fino a che cè domanda cè offerta. Il grande economista Ricardo diceva: se qualcuno ha bisogno di scrivere una lettera per strada, ci sarà sempre un gobbo che presterà la sua schiena. La Firenze della camera con vista, del grand tour , non esiste più. LAntico Vinaio va a ruba perché si presenta come esperienza autentica, anche se produce schiacciate a livello industriale. Non cè niente di più vendibile che lautentico, o il presunto tale.

Ma è possibile arginare delocalizzando il turismo?

Un po alla volta il turismo, a caccia di autenticità, si sposterà verso San Frediano o Santo Spirito. Ma i fenomeni si ripeteranno allo stesso modo. Come fa un sindaco a fermare chi fa correre leconomia? Ed oltre un certo livello il processo è inarrestabile. Un tipping point, dicevano i sociologi quando studiavano i ghetti nelle città Usa.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news