LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. Graffiti, anche la pulizia può fare danni
Linda Pisani
Corriere del Trentino 30/3/2018

Lotta anti-degrado. Marzatico cauto
Fronte comune tra Palazzo Thun, Curia e Sovrintendenza per cancellare le scritte sui muri. Marzatico: Non possiamo affidare i lavori a un imbianchino.
Via libera con riserva di Curia e Sovrintendenza agli interventi proposti dal Comune
Marzatico: Servono precise modalità di ripristino. Merler: Una proposta semplicistica

TRENTO. Fronte comune tra Palazzo Thun, Curia e Sovrintendenza per cancellare le scritte sui muri. Un gruppo di lavoro è già allopera per bypassare gli iter burocratici che rallentano gli interventi antidegrado.

Il problema ha sottolineato lassessore comunale di Trento ai lavori pubblici Italo Gilmozzi (vedi Corriere del Trentino di Ieri) è che se questi fatti coinvolgono beni sotto tutela, prima di intervenire è necessario aspettare una serie di permessi e autorizzazioni. Generalmente serve più o meno un mese per avere tutti i lasciapassare.

Di qui la decisione di Palazzo Thun di muoversi per cercare di tagliare qualche passaggio, in modo da ridurre drasticamente i tempi e risolvere più velocemente i problemi di incuria legati agli imbrattamenti.

Siamo daccordo commenta Franco Marzatico responsabile della Soprintendenza dobbiamo permettere al Comune di agire in fretta per cancellare le scritte sugli edifici. Ma con attenzione perché non si può chiamare un imbianchino qualsiasi e trattare allo stesso modo tutti gli edifici.

La questione è tecnica: vanno stabilite precise tipologie di azione e in primis vanno classificati gli edifici del centro storico più a rischio.

Abbiamo analizzato anche le modalità di intervento delle altre città prosegue Marzatico Vanno individuate precise vie di ripristino. È impensabile intervenire con acidi o sabbiature su intonaci di pregio del 500. Insomma non basta una mano di colore. Una superficie decorata o affrescata, intonaci di copertura di tipo storico, superfici di pietra, ogni lavoro va accuratamente previsto e trattato diversamente.

Senza dimenticare che, se ledificio sotto tutela appartiene a un privato, per lintervento serve lautorizzazione del proprietario. Autorizzazione o delega necessaria anche alla Curia per procedere alla convenzione con Comune e Soprintendenza. Gli edifici e le chiese sono infatti di enti e parrocchie.

Emblematico il caso di qualche settimana fa quando la facciata neogotica della chiesa di San Pietro, in pieno centro storico, era stata imbrattata con una scritta. Per intervenire si è dovuto anche chiedere lautorizzazione della parrocchia. Con un immancabile allungamento dei tempi. E su questo sta ora lavorando il direttore amministrativo dellArcidiocesi, Antonio Pacher, dintesa con lUfficio di Arte Sacra: avere già nel cassetto il via libera per procedere a unoperazione di pulizia celere in accordo con Comune e Soprintendenza. E anche in questo caso la premura è quella di assicurare la cancellazione di scritte e graffiti senza arrecare danni peggiori.

Quello che si chiede al Comune è una sorta di vincolo di responsabilità per evitare danni maggiori magari a un monumento lapidario imbrattato. Poi per il resto nessun problema, tutti daccordo nel dare un via libera quasi automatico al Comune per intervenire nel caso di imbrattamenti. Il nodo aveva precisato Gilmozzi non è quello di stimolare lamministrazione comunale a fare, ma consentirle di agire più in fretta possibile.

Positivo il commento di Andrea Merler (Civica Trentina) consigliere di opposizione in Consiglio: La proposta che sta portando avanti il Comune è interessante, prevedere un modus operandi standardizzato può snellire le procedure, mi chiedo però se questa iniziativa riuscirà ad essere realizzata. Non si può banalizzare la pulizia o il restauro di certi bene storici e architettonici. Per Merler il progetto di Gilmozzi rischia di essere troppo semplicistico. Bisognerà prevedere una convenzione con un bando di gara da rinnovare di anno in anno con ditte di restauro competenti. Mi auguro che non sia lennesima iniziativa di annunciopoli, come le squadre antidegrado che da dieci persone furono ridotte a due.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news