LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Treviglio. Il mercato chiude i cinema. E la nostra storia
Davide Ferrario
Corriere della Sera - Bergamo 1/4/2018

Il caso Ariston: la politica intervenga prima che sia tardi

Treviglio, dopo cento anni, resta senza cinema: chiude lAriston (multisala nuova ma nome antico, da locale novecentesco; cera un Ariston anche a Bergamo, in via Nastro Azzurro.). Verrebbe voglia di aprire le cateratte del sentimento; di sfogare una nostalgia alla Nuovo Cinema Paradiso; o magari si potrebbero levare alti lai sul fatto che la gente al cinema non ci va più e se ne resta in casa a chattare sui social Ma sarebbe sbagliato. A Treviglio gli spettatori non mancavano; anzi, cè stata una specie di sollevazione popolare per tenere aperto lAriston. Sè mosso perfino il sindaco; ma niente da fare.

La vicenda dellAriston è da leggere da un altro punto di vista, molto più concreto, che si può generalizzare alla quasi totalità delle sale della bergamasca: il nocciolo del problema sono i rapporti tra proprietà degli immobili e aziende che li gestiscono. Quasi nessuna delle aziende che programmano film sono anche proprietarie dei muri: pagano un affitto. Il canone è ovviamente una questione di trattativa libera e le parti si accordano su quello che sembra conveniente a entrambi, di solito con contratti pluriennali importanti. Infatti, una volta tirati su tetto e muri, nei cinema bisogna mettere gli impianti; e quelli sono un investimento a carico dei gestori (ingente, anche alle luce delle vorticose innovazioni tecnologiche). Fin qui tutto bene. Ma presto si apre quasi sempre una crepa che diventa una faglia insormontabile.

La filosofia dei proprietari è quella della rendita, ciascuno secondo le loro aspettative: ma sempre al rialzo, ovviamente. Se allinizio guadagnano 100, quindici anni dopo gli sembra naturale arrivare perlomeno a 130. A Treviglio, pare, i canoni daffitto sono addirittura raddoppiati in dieci anni. Peccato che, per i gestori, il teorema non funzioni allo stesso modo. Non solo gli incassi dei cinema sono estremamente volatili da stagione a stagione, ma ormai il settore soffre da tempo di una crisi oggettiva, che arriva da cambiamenti sociali fuori dalla portata degli esercenti. Se anni fa esisteva chi era più o meno abile a programmare, e di conseguenza, per merito o demerito, incassava di più o di meno, oggi i cinema (soprattutto le sale che non sono multiplex dentro centri commerciali) sono le vittime indifese di una serie di predatori legali (le serie tv, per dirne una) e illegali (il pirataggio spietato su internet).

È evidente che nel caso dei cinema dovrebbe scattare quella che si definisce leccezione culturale. I film non sono un prodotto come un altro, che si possa lasciare alla casualità del libero mercato, e che possa essere trattato come una confezione di gelato o una tuta da ginnastica. Il cinema fa parte della cultura di un popolo (in Italia in particolare) e non si può pensare che la sua diffusione sia condizionata dalle fluttuazioni del sistema della rendita, per quanto legittime possano essere le aspettative dei proprietari. È una faccenda che riguarda tutta la comunità e sulla quale la politica dovrebbe interrogarsi seriamente prima e non solo quando ormai i buoi sono scappati, come ha fatto (peraltro con le migliori intenzioni) il sindaco di Treviglio. Un esempio, che è il prodotto di un processo uguale a quelli descritti, ce labbiamo sotto gli occhi in pieno centro di Bergamo: è il desolato spettacolo del cinema Nuovo, chiuso da anni. Uno spazio abbandonato che non può essere considerato solo una questione privata.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news